Feb 23, 2020 Last Updated 10:06 PM, Feb 20, 2020

CARD. ELIO SGRECCIA: ETEROLOGA, ANONIMATO NEGA DIRITTO NASCITURO A CONOSCERE GENITORE

Categoria: Finestra sul Mondo
Visite: 890 volte

R. – Perché una tecnica di aiuto alla vita sia lecita, occorrono tre condizioni. La prima è che non vadano perduti degli esseri umani, cioè degli embrioni fecondati. La seconda è che si rispetti la struttura della famiglia, cioè che il figlio che nasce sia il risultato di un atto di amore tra padre e madre, tra i due coniugi. E, la terza è che colui che nasce abbia come padre e madre i due coniugi, cioè non intervenga il contributo di una persona estranea. Ora, l’eterologa – per definizione – rompe l’unità della famiglia in quanto colui che nasce è frutto della donazione di un gamete – che sia l’ovulo o che sia lo spermatozoo – estraneo alla coppia sposata; e per quella omologa la Chiesa usa l’espressione ‘moralmente illecita’, perché anche quando la procreazione artificiale è frutto di una tecnica sostitutiva dell’atto coniugale, anche se fatta a vantaggio di due coniugi e con i loro gameti, però sostituisce l’atto coniugale, ed anche in questo caso non adempie il disegno creativo, naturale della coppia stessa.

 

D. – Quali sono i ‘danni’ della fecondazione artificiale?

R. – La Chiesa non è contraria all’uso della tecnica o dell’intervento della medicina per aiutare la procreazione. Però, quello che è tenuta a richiamare – per il bene di colui che nasce, anzitutto, e anche per il bene della coppia e della società - è anzitutto la perdita degli embrioni procreati artificialmente, quale forma di aborto; e secondo, la divisione dell’unità della coppia, quando chi genera non sono gli stessi sposi, ma interviene un terzo. Unità della coppia che è lesa anche quando a procreare è una tecnica, e quindi l’atto più importante di una coppia, che è quello di mettere al mondo un figlio, è alienato, conferito a un laboratorio.

 

D. – La legge e la scienza possono considerare che offrire alla persona nata da una fecondazione eterologa di conoscere i suoi genitori biologici sia sufficiente per affermare che tale tecnica sia eticamente corretta. Per la Chiesa, però, questo ragionamento non è convincente …

R. – La Chiesa dice che ciò non è sufficiente, perché dire a un figlio: “tu non sei figlio dei genitori che hai accanto, ma di uno che ha donato il suo seme” oppure “di una che ha donato …”, non è un aiuto al figlio; è un bloccare e turbare la sua identità; è mettere il figlio in una ricerca, in un’ansia e dover poi – anche quando l’avesse saputo – dover superare tutto un legame che si è creato con la coppia che l’ha ricevuto. Quindi, questo ‘dare la notizia’ di chi sono i veri genitori, non basta! Però, questo è un elemento importante, comunque. Per cui, tra le legislazioni che hanno regolato finora la procreazione artificiale, ce ne sono alcune che hanno posto l’anonimato, altre che lo hanno negato. Ma la tendenza che c’è adesso, è che l’anonimato debba essere tolto. L’Austria, la Germania, la Svizzera, l’Olanda, la Norvegia, la Svezia, il Nuovo Galles e altri hanno ridotto sempre più l’anonimato perché il fatto di sapere di chi si è figli è un diritto e mettere l’anonimato significa inaugurare un tipo di paternità irresponsabile, anonima appunto, nascosta, una specie di monumento al padre ignoto o alla madre ignota, che graverebbe sulla coscienza di colui che nasce come un macigno perché non concede di realizzare la propria identità. Il rivelarglielo è un diritto, anzi: alcune Nazioni stanno usando questa strategia di togliere l’anonimato per frenare la procreazione eterologa. E infatti, si è visto che laddove è stato tolto l’anonimato la procreazione eterologa è calata.

 

D. – Cosa può fare una coppia - in accordo con gli orientamenti della Chiesa - che non possa avere figli?

R. – E’ che quando c’è una infertilità invincibile, che non si possa curare legittimamente con terapie, con un atto chirurgico o con uno stimolo farmacologico – gli aiuti terapeutici sono sempre leciti – e quindi si veda che per quella coppia non c’è niente da fare dal punto di vista medico-sanitario per ridarle l’integralità delle funzioni procreative, allora c’è da prospettare l’adozione.

 

 

 


Recenti

Cronaca del Corso IMC 25 (10)

Cronaca del Corso IMC 25 (10)

20 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono

Cronaca del Corso IMC 25 (9)

Cronaca del Corso IMC 25 (9)

17 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono

Abusi: come la Chiesa aiuta le vittime

Abusi: come la Chiesa aiuta le…

17 Feb 2020 Finestra sul Mondo

La decisione del Papa: nel 2022 ci sarà il prossimo Sinodo dei Vescovi

La decisione del Papa: nel 202…

17 Feb 2020 Finestra sul Mondo

Querida Amazonia. Giovenale: il Papa ci ha dato "autostrade" da far vivere

Querida Amazonia. Giovenale: i…

17 Feb 2020 Missione Oggi

20 febbraio: Giornata Mondiale della Giustizia Sociale

20 febbraio: Giornata Mondiale…

17 Feb 2020 Preghiere Missionarie

VII Domenica – T. O. - Anno A

VII Domenica – T. O. - Anno …

17 Feb 2020 Domenica Missionaria

Gracias Beato José Allamano

Gracias Beato José Allamano

16 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono

Beato Allamano: operoso nel silenzio, gioioso nell’azione

Beato Allamano: operoso nel si…

16 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono

Consolation starts at home: Continental Council of Africa, Kinshasa February 2020

Consolation starts at home: Co…

14 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono