Feb 23, 2020 Last Updated 10:06 PM, Feb 20, 2020

SCHÖNBORN: «POCHI E UMILIATI, MA CHIAMATI ALLA MISSIONE»

Categoria: Finestra sul Mondo
Visite: 801 volte

«Siamo umiliati, abbiamo perso la reputazione, siamo diventati pochi. Ma proprio in questa situazione il Signore ci chiama alla missione. In questo contesto dominato dallo scoraggiamento il Signore ci dice: "adesso andate fuori e annunciate la Buona Novella"». Ha raccontato il paradosso che caratterizza l'Austria cristiana, il cardinale Christoph Schönborn. Lo ha fatto in un gremitissimo Duomo di Milano, chiamato dal cardinale Angelo Scola a ragionare di come è possibile concepire l'evangelizzare, oggi, in una grande città, nell’ambito del programma pastorale “Il campo è il mondo”. 

«Nell’arcidiocesi di Vienna», ha precisato il cardinale Christoph Schönborn, religioso domenicano d'origine boema, «ci sono 1 milione e 200mila cattolici». La Chiesa austriaca «ha sofferto diverse umiliazioni negli ultimi decenni», anche perché «storicamente è sempre stata la Chiesa imperiale, quindi vista come la Chiesa dei superiori verso cui non c’è fiducia». Attualmente «a Vienna solo il 38% dei cittadini si dice cattolico» per questo dobbiamo chiederci «cosa sarà la Chiesa in Austria nei prossimi 20 o 30 anni? La questione della missione diventa urgente». Innanzitutto «c’è un congedo doloroso da fare: lasciare il passato che non verrà più, la Chiesa sarà diversa e sarà missionaria» e dobbiamo avere «il coraggio di scendere» e di evitare «il liberalismo, che accetta tutto e perde il profilo della vita cristiana e il rigorismo, che vede solo la legge». Un’esperienza interessante «è quella di fare assemblee diocesane», ha ricordato l'arcivescovo di Vienna.

 

Il cardinale Christoph Schönborn, arcivescovo di Vienna.

«C’è un atto specifico della nuova evangelizzazione: il faccia a faccia», ha detto ancora il cardinale Schönborn. Anche i vescovi, ha aggiunto, devono «parlare della propria esperienza dell’evangelizzazione personale» ma questo esige di «esporsi, di ammettere fallimenti e paure. Quando faccio una visita pastorale, faccio un momento di missione in strada. Io, cardinale, mi metto davanti alla stazione e do ai passanti un piccolo dono con qualche passo della Scrittura e un sorriso. Ogni volta che lo faccio torno contentissimo a casa, con una gioia che non si spiega, la gioia dell’evangelizzazione. Non mi aspetto che la gente la domenica dopo vada in chiesa, ma forse avrà ricevuto una piccola luce del Vangelo». 

Nonostante la crisi di fede, «la santità esiste anche nella nostra vecchia Europa» e il cristiano è chiamato a «un impegno sia personale, sia sociale e politico», perché le «istituzioni sono carismi che hanno trovato una struttura sociale» e la Chiesa «ha questo dono in tutto il mondo: di essere carismatica e strutturale».

 

 

 

 


Recenti

Cronaca del Corso IMC 25 (10)

Cronaca del Corso IMC 25 (10)

20 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono

Cronaca del Corso IMC 25 (9)

Cronaca del Corso IMC 25 (9)

17 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono

Abusi: come la Chiesa aiuta le vittime

Abusi: come la Chiesa aiuta le…

17 Feb 2020 Finestra sul Mondo

La decisione del Papa: nel 2022 ci sarà il prossimo Sinodo dei Vescovi

La decisione del Papa: nel 202…

17 Feb 2020 Finestra sul Mondo

Querida Amazonia. Giovenale: il Papa ci ha dato "autostrade" da far vivere

Querida Amazonia. Giovenale: i…

17 Feb 2020 Missione Oggi

20 febbraio: Giornata Mondiale della Giustizia Sociale

20 febbraio: Giornata Mondiale…

17 Feb 2020 Preghiere Missionarie

VII Domenica – T. O. - Anno A

VII Domenica – T. O. - Anno …

17 Feb 2020 Domenica Missionaria

Gracias Beato José Allamano

Gracias Beato José Allamano

16 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono

Beato Allamano: operoso nel silenzio, gioioso nell’azione

Beato Allamano: operoso nel si…

16 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono

Consolation starts at home: Continental Council of Africa, Kinshasa February 2020

Consolation starts at home: Co…

14 Feb 2020 I Nostri Missionari Dicono