admin

La Vicaria de Barlovento, en el Estado Miranda, pertenece a la diócesis de Guarenas, región que dista unos 100 kilómetros de Caracas. En esta zona, los jóvenes padres kenianos, Charles Gachara Munyu y Silvanus Ngugi Omuono, junto al padre congolés, Charles Ma'daluma, trabajan en cuatro parroquias: Caucagua, Tapipa, Panaquire y El Clavo. Los misioneros de la Consolata residieron en Tapipa por más de 30 años, pero desde noviembre de 2018 se cambiaron para Caucagua desde donde atienden las parroquias que juntas suman unas 40 pequeñas comunidades. Ubicado en la costa del mar de Caribe con un clima caliente, la tierra de Barlovento es de gran fertilidad. La población local que es predominantemente afrodescendiente se dedica al cultivo de cacao, plátano, yuca, ñame y maíz, entre otros. Hay también algunas actividades comerciales.

La inseguridad

Todo el territorio es controlado por grupos armados que operan en la ilegalidad. Los “malandros”, como son llamados, son muchachos muy jóvenes. A menudo ellos atacan, roban o secuestran a los que pasan por las carreteras. En diversas ocasiones, los misioneros y hasta el obispo local, Mons. Gustavo Garcia, se han encontrado con armas apuntando hacia sus cabezas.

En Venezuela la violencia aumenta. Según estadísticas, el país tiene 30 millones de habitantes y aproximadamente 15 millones de armas en manos de civiles. El año pasado murieron asesinadas, cerca de 25 mil personas. En la ausencia del Estado, bandas armadas se organizan en sus feudos como en las minas de oro clandestinas donde impera la ley del más fuerte.

A pesar de todo, los misioneros siguen su misión junto a la gente. El domingo, 28 de julio, después de celebrar dos misas en la iglesia matriz de Caucagua, mientras P. Charles Ma'daluma visitaba las parroquias de Tapipa y Panaquire, P. Charles Gachara y yo estuvimos en la comunidad de las Guayanas, que queda en El Clavo, a 35 km de la sede. Los misioneros ya sufrieron dos robos de carros y por prudencia ahora utilizan el transporte público (bus y moto taxi) y muchas hacen parte del trayecto caminando. Con todo, ellos no dejan de visitar a las comunidades para celebrar los sacramentos, organizar la catequesis, formar animadores, hacer actividades con los jóvenes y acompañar a las familias más necesitadas. 

Autobus a Barlovento   P. Charles Gachara in Moto Taxi

Le vie della misione a Barlovento

Solidaridad y consolación

Ante la escasez, entre los 13 misioneros de la Consolata que trabajan en Venezuela, es visible el espíritu de familia tan deseado por el Beato Fundador, el P. José Allamano. “En el grupo pruebo mucha fraternidad y solidaridad. Esta sensibilidad en compartir lo poco que tenemos y en utilizar los bienes, es uno de los valores que fortalece la misión”, afirma P. Charles Gachara. “A pesar de las necesidades y de la violencia ese espíritu de familia suaviza los tantos golpes que recibimos de esta sociedad desestructurada. La comunión nos mantiene animados. Aprendimos a priorizar lo más importante y alimentamos la esperanza de que todo va a mejorar”, comenta el padre. Hay gente que quiere salir del país, como los 4 millones que ya han inmigrado, pero al ver que los misioneros permanecen cambian de idea y se quedan a luchar para mejorar la situación.

Asamblea IMC a Caracas Venezuela   Asamblea IMC Venezuela

Comunidad Guayana

Después de recorrer 32 km en bus seguimos otros 8 km de moto taxi. El total el pago por el trasporte de los dos padres fue 12.000,00 bolívares, lo equivalente a 1 Dólar La ofrenda de la comunidad sumó 2.800,00 bolívares. El salario es de 40.000,00 bolívares (apena 3,35 Dólares). Con el valor del salario no se puede comprar casi nada.  (1 kg de arroz: 12.000,00; 1kg de carne: 25.000,00; 1kg de pollo: 14.000,00; un cartón de huevos: 28.000,00). Podemos imaginar las dificultades en la administración de las parroquias. Pero eso no parece importar mucho. Al llegar en la Guayana encontramos a la comunidad reunida esperando al padre. Era día de fiesta, especialmente para los siete niños que se habían preparado para su Primera Comunión. Los tambores dictaban el ritmo de las canciones y la armonía de las voces brindaban un ambiente de fiesta. 

El lugar estaba muy bien organizado señal de que la comunidad está asumiendo sus responsabilidades en la evangelización de las nuevas generaciones. En su homilía, P. Charles destacó la importancia de la vida cristiana en comunidad.  

En el Evangelio (Lc 11, 1-13) del XVII Domingo del Tiempo Ordinario (C), Jesús enseña a los discípulos a rezar. Él muestra la bondad de Dios Padre que no deja sin respuesta nuestras oraciones. En la Guayana, la misa y las primeras comuniones de los niños renovaron la confianza de la gente en la certeza de que Dios siempre da a quien pide lo que necesita, se hace presente para aquél que lo busca y abre la puerta al que toque. Todo lo que se vivió en la Guayana, representó una motivación a los venezolanos para enfrentar la mayor crisis de la historia del país. Los misioneros están donde Jesús quiere que ellos estén: con el pueblo abandonado por el Estado. Además de ir al encuentro de las necesidades materiales, los padres se preocupan en mantener viva la esperanza siendo presencia de consolación espiritual.

P. Charles Gachara durante l'omelia alla Comunità Guayana

Al final de la misa, la comunidad compartió un plato de arroz con pollo, jugo de frutas y chocolate de cacao, todo producido en la región. La fiesta hacía la oración del Padre Nuestro más real, anticipando lo que todos esperan vivir en una nueva Venezuela. Dios quiera que eso suceda muy pronto.

El IMC y MC en Venezuela

  Los misioneros de la Consolata (IMC) se establecieron en Venezuela en 1971 con el P. Giovanni Vespertini, en la diócesis de Trujillo. Con la llegada, en 1974 del P. Francesco Babbini y otros misioneros, se extendió la presencia hacia la Arquidiócesis de Caracas. La delegación IMC Venezuela fue creada en 1982. Actualmente trabajan en el país, 13 padres, en Barlovento (Parroquias de Cuacagua, Panaquire, El Clavo, Tapipa); en la Arquidiócesis y ciudad de Barquisimeto, con un Centro de Animación Misionera y el Propedéutico; en el Vicariato de Tucupita entre los indígenas Warao (Tucupita y Nabasanuka); y en Caracas, sede de la Delegación, con el seminario Filosófico y la Parroquia de Carapita, en la periferia. Las Misioneras de la Consolata (MC) también tienen tres comunidades en el país, en Caracas, Puerto Ayacucho y Tencua con los pueblos indígenas Yekuana y Sanema.

Gruppo IMC, LMC e amici con il Nunzio Apostolico Mons. Aldo Giordano a Caracas

Caucagua

Celebrazione nella chiesa parrocchiale di Caucagua   Celebrazione nella chiesa parrocchiale di Caucagua

P. Charles Gachara durante la messa a Caucagua

Guyana El Clavo

P. Charles Gachara confessa una bambina della Prima Comunione   Bambina della Prima Comunione

P. Jaime Patias presiede alla messa nella Comunità di Guayana El Clavo   P. Jaime Patias presiede alla messa nella Comunità di Guayana El Clavo 2

Gruppo Corale della comunità di Guayana El Clavo

Etichettato sotto

Durante il corso di Formazione Continua per i formatori IMC, realizzato nella Casa Generalizia a Roma, dal 25 marzo al 7 aprile, abbiamo avuto l’opportunità di ascoltare l’esperienza dei nostri confratelli impegnati nella fromazione.

Di seguito vi proponiamo alcune delle interviste raccolte.

P. Erasto Colnel MGALAMA, Maestro dei Novizi a Morogoro, Tanzania (in Inglese)

 

P. Ermanno SAVARINO, Formatore alla CAF di Cacém, Portogallo (in Italiano)

 

P. George Wakhungu KIBEU, Formatore alla CAF di Alpignano, Italia (in Italiano)

 

P. Job MBUTU MASYULA, Formatore al Seminario Internazionale di Sao Paulo, Brasile (in Portoghese)

 

P. Kennedy Kimathi M'NTHAKA, Formatore alla CAF di Cali, Colombia (in Spagnolo)

 

P. José MARTÍN RUIZ, Formatore al Seminario Internazionale di Bravetta, Italia (in Italiano)

 

P. Dietrich Canisius Kihaule PENDAWAZIMA, Formatore al CAF de Mendoza, Argentina (in Spagnolo)

 

P. Jorge Osvaldo Oscar PRATOLONGO CARRAS, Maestro dei Novizi a Martin Coronado, Argentina (in Spagnolo)

 

P. Symphorien FUMWASENDJI KAPUMBA, Formatore al Seminario Teologico di Nairobi, Kenya (in Inglese)

Etichettato sotto

“Cristo, mia speranza, è risorto! Sì, ne siamo certi: Cristo davvero è risorto!”

“Cristo risuscitato dai morti non muore più; la morte non ha più potere su di lui” (Rom.6,9).

Noi dobbiamo risorgere al fervore; non solo dal peccato, ma da tutte le debolezze. Conserviamo sempre il fervore che sentiamo in questa festa. Non si muore più! Tutti dicano a sé stessi: “siamo risorti non vogliamo più morire, vogliamo essere veri missionari”. Non abbiate paura di diventare troppo fervorosi!” (Beato Giuseppe Allamano)

 

Carissimi Missionari, Amici, Parenti, Benefattori;

La nostra fede cristiana celebra la Pasqua non solo nel ricordo della risurrezione di Gesù, ma anche nel segno della riscoperta dell’impegno pasquale che investe ogni battezzato. 

La domanda che dovrebbe accompagnarci per vivere bene la Pasqua è questa: Che Pasqua siamo? Che Pasqua sono? Che Pasqua voglio essere?

Tale impegno comporta il cambiamento di ogni struttura o condizione negativa: dal male al bene, dalla morte alla vita, dalla sofferenza al benessere, dalla lotta alla pace, dall’oppressione alla liberazione. Tutto questo in ogni realtà, dove in un modo o nell’altro noi ci troviamo a vivere o ad agire. Siamo testimoni del risorto e perciò testimoni di vita e di speranza. La Pasqua è una missione di liberazione.

Pasqua è prima di tutto uno stile di vita, un impegno quotidiano a vivere da risorti, a sperimentare fino in fondo la nostra e l’altrui umanità!

Pasqua non può essere solo un rito, una funzione, una bella celebrazione, una liturgia ben organizzata senza alcun legame con la vita concreta. La Pasqua è lo stile di vita cui ci chiama la nostra fede. La Pasqua è l’impegno ordinario a sentirci dei risorti, e non dei morti viventi.

L’uomo ha bisogno di Dio, ma questo non basta per animare una vita credente; occorre la decisione e la consapevolezza di dare un senso di bene alla propria vita. Il Risorto è il Volto di Dio che si rivela pienamente all’uomo e ne soddisfa la sete di infinito, ma allo stesso tempo è un impegnativo progetto di vita che interpella i gesti quotidiani.

Ci sono dei segni concreti che mostrano come la Pasqua abbia invaso la nostra vita. Non sono segni eclatanti. Non sono atti eroici né che finiranno sulle pagine dei giornali o sui libri di storia. Sono segni che, semplicemente, esprimono fino in fondo la nostra più profonda umanità.

Quando al nostro quotidiano mancano i gesti concreti, vuol dire che la Speranza non si è impossessata di noi. Senza scelte quotidiane positive e rivolte all’altro, ci consegniamo ad un grigiore che è quasi peggio delle tenebre.

Abbiamo bisogno dei segni perché altrimenti la Croce resta solo un pezzo di legno cui aggrapparsi più per superstizione che per fede. Abbiamo bisogno dei segni, altrimenti la dirompente forza di un Dio che ha vinto la morte resta imbrigliata dalla mediocrità delle nostre vite.

Gesù ci chiede di orientare la nostra vita alla ricerca del bene, del giusto, del vero, del bello, di accompagnare con una profonda compassione le persone che ci circondano e di vivere questa scelta di fondo nelle azioni più comuni della vita quotidiana.

È un segno pasquale riconciliarsi con le persone che ci hanno ferito, chiedere perdono per gli errori fatti a danno degli altri, impegnarsi per riconoscere dignità ai deboli, agli oppressi, agli emarginati.

È un segno pasquale rinunciare all’orgoglio per favorire la comunione, lavorare con onestà, coscienza e professionalità, studiare con passione, offrire i propri talenti a servizio del bene comune.

È un segno pasquale rispettare il Creato; la sobrietà nei consumi e nei gesti.

È un segno pasquale mettere al centro della propria vita le relazioni con gli altri.

È un segno pasquale essere veri uomini e vere donne tutti i santi giorni.

È un segno pasquale…

Assumiamo impegni semplici ma seri per umanizzare la nostra vita, le nostre relazioni, gli ambienti in cui ci troviamo. Cerchiamo di non essere compiacenti verso noi stessi, non troviamo facili alibi nel contesto culturale, sociale ed economico. Mettiamoci in discussione. Confrontiamoci con i segni di libertà che Cristo Risorto reclama da noi per non lasciar inaridire i nostri cuori e i cuori di chi ci è a fianco.

Chi crede nella resurrezione vive guardando oltre il tempo e lo spazio. Vive realtà tanto più divine, quanto più umane. Vive aspettando grandi cose, «cieli nuovi e terra nuova». La sua fede l’aiuta a vedere la storia umana e l’umano soffrire con gli occhi stessi di Dio che ci è accanto per trasformare il limite in una nuova possibilità di crescita.

La fede non permette che ci attardiamo al cimitero, cercando il Risorto tra i morti. Ma «lasciato il sepolcro in fretta», come le donne la mattina di Pasqua, noi incontriamo il Signore, appunto perché corriamo verso i vivi, a portare loro speranza.

Vivere da risorti. La fede nella resurrezione di Cristo è il fondamento della nostra gioia di vivere. Se Lui è risorto, anche noi risorgeremo. E questa fede nella resurrezione, mentre è il fondamento del nostro agire, è già un anticipo di paradiso in terra:

«Se è vero che Gesù ci resusciterà alla fine dei tempi, è anche vero che, per un certo aspetto, con Lui già siamo resuscitati. La vita eterna incomincia già in questo momento, comincia durante tutta la vita terrena, verso quel momento della resurrezione finale. Già siamo resuscitati e mediante il battesimo siamo inseriti nella morte e nella resurrezione di Cristo e partecipiamo alla vita nuova. In attesa dell’ultimo giorno, abbiamo in noi stessi un seme di resurrezione, quale anticipo della resurrezione piena che riceveremo in eredità». (Papa Francesco, udienza generale del 4 dicembre 2013)

“Buona Pasqua”, dunque, vuol dire “illuminate il mondo con i vostri segni di bene”. È questo l’augurio che faccio a ciascuno e a tutti: non abbiate paura di accogliere fino in fondo la novità della Resurrezione.

A tutti e ad ognuno: coraggio e avanti in Domino!

Roma, 14 aprile 2019, Domenica delle Palme.

ENGLISH

PORTUGUÊS

ESPAÑOL

FRANÇAIS

Etichettato sotto

Siamo entrati nella Settimana Santa, la Settimana Maggiore, in cui facciamo memoria dell'evento fondante della nostra fede cristiana. Nella prima lettura della Domenica della Passione o delle palme, il profeta Isaia ci ha invitati ad avere "orecchi da discepoli" che è l'origine e fondamento dell'avere poi "lingua da discepolo" e divenire discepoli-missionari consolatori.

La liturgia della Chiesa, sopratutto attraverso l'adorazione proposta per il Giovedì Santo, ci invita a contemplare e dimorarsi nell'intimità con il Signore. Questo per capire il suo cuore e diventare veri discepoli suoi, "che ci ha amato fino alla fine".

Di seguito proponiamo due schemi di preghiera di adorazione, che potranno essere usate o adattate per l'adorazione.

Schema 1

Schema 2

Etichettato sotto

Si intitola Sacramenti e inculturazione. Per un cammino di fede in una Chiesa “in uscita” il nuovo volume edito dalla Libreria Editrice Vaticana – Dicastero per la Comunicazione a firma di Alfonso Giorgio, dottore in Teologia, è assistente ecclesiastico nazionale del Movimento apostolico ciechi e parroco nell’arcidiocesi di Bari-Bitonto.

«Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato» (Mt 28, 19-20). La Chiesa guidata dal Signore si avvicina all’uomo ed evangelizza con la bellezza della liturgia, afferma nella presentazione al volume monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione. La liturgia e l’evangelizzazione, scrive, «sono intimamente connesse, motivo per cui la liturgia è una realtà evangelizzante in sé stessa». La liturgia, infatti, è il luogo dove si nasce, si cresce, quindi si vive, la nuova vita; formare il battezzato nello spirito della liturgia ed educarlo all’azione liturgica permette di intendere la preghiera come perfetto connubio tra fede e vita. 

«Nell’esortazione apostolica Evangelii gaudium, dedicata all’annuncio del Vangelo nel mondo attuale, Papa Francesco sottolinea il connubio tra liturgia ed evangelizzazione, affermando che “l’evangelizzazione gioiosa si fa bellezza nella Liturgia in mezzo all’esigenza quotidiana di far progredire il bene. La Chiesa evangelizza e si evangelizza con la bellezza della Liturgia, la quale è anche celebrazione dell’attività evangelizzatrice e fonte di un rinnovato impulso a donarsi” (cfr. EG 24)». 

Nell’opera di Alfonso Giorgio – sottolinea Fisichella – si evince come l’autore colga l’invito del Pontefice a ricercare la bellezza evangelizzante della liturgia, concentrandosi sul tema dell’inculturazione della fede e dell’annuncio del Vangelo che la Chiesa “in uscita” concretizza tramite la singolarità della stessa liturgia, ritenendo la bellezza un attributo di Dio e della sua rivelazione; cogliere la sfida della Nuova Evangelizzazione significa saper comprendere e osservare le diverse situazioni in modo da adottare un atteggiamento coerente con il contesto. Questo aiuterà la Chiesa a evangelizzare in tutti i luoghi tenendo in considerazione anche le nuove culture digitali in quanto l’evangelizzazione rappresenta un modo unico per far incontrare il Signore agli uomini.

Il volume fa parte di Per la vita del mondo, la collana dell’Editrice che raccoglie riflessioni e studi di Teologia della Liturgia con lo scopo di promuoverne i risvolti esistenziali, pastorali e culturali sia all’interno della compagine ecclesiale che nell’areopago policentrico della nostra era.

La presentazione del libro avrà luogo mercoledì 3 aprile, alle 17.30, presso la Sala Marconi di Palazzo Pio. Dopo un saluto introduttivo di fra Giulio Cesareo Ofm Conv., interverranno monsignor Rino Fisichella, l’autore Giorgio e il professor Ambroise Atakpa, professore di Teologia Dogmatica presso la Pontificia Università Urbaniana. L’incontro sarà moderato dalla dottoressa Cecilia Seppia, giornalista Vatican News.

 

Etichettato sotto

Gli ultimi articoli

La perla preziosa del Beato Giuseppe Allamano

20-02-2024 Triennio Allamano

La perla preziosa del Beato Giuseppe Allamano

A colloquio con il postulatore della causa di canonizzazione Il Beato Giuseppe Allamano, nato a Castelnuovo d’Asti (oggi Castelnuovo Don Bosco)...

Leggi tutto

Padre Marco Marini: Missione in Etiopa, un desiderio dell'Allamano

18-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Padre Marco Marini: Missione in Etiopa, un desiderio dell'Allamano

L’Istituto Missioni Consolata è nato dal desiderio del Beato Giuseppe Allamano di aprire missioni in Etiopia, dove voleva inviare i...

Leggi tutto

Il Papa: le guerre sono una sconfitta e inutili. Le popolazioni sono sfinite

18-02-2024 Notizie

Il Papa: le guerre sono una sconfitta e inutili. Le popolazioni sono sfinite

Dopo l'Angelus, Francesco lancia i suoi appelli alla fine della violenza in Sudan, dove chiede di fermare un conflitto che...

Leggi tutto

Missionari "ad gentes" nella santità della vita

16-02-2024 Triennio Allamano

Missionari "ad gentes" nella santità della vita

Si avvicina la festa del nostro Beato Giuseppe Allamano. Viene istintivo a tutti noi guardare alla sua figura come modello...

Leggi tutto

Repubblica Democratica del Congo: i Pigmei e i «verdi fratelli silenziosi»

16-02-2024 Missione Oggi

Repubblica Democratica del Congo: i Pigmei e i «verdi fratelli silenziosi»

Missione, e cura del Creato, nel cuore del foresta congolese «Qui davanti alla missione c’è la piccola piantagione di caffè che...

Leggi tutto

Pasqua prima della Quaresima… è possibile?

16-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Pasqua prima della Quaresima… è possibile?

Gli indios Warao in pellegrinaggio attraverso le terre di Boa Vista, Roraima (come rifugiati, apolidi o migranti) si svegliano con...

Leggi tutto

Messa segna la Giornata dei consacrati brasiliani a Roma

15-02-2024 Missione Oggi

Messa segna la Giornata dei consacrati brasiliani a Roma

Un paio di sandali, una lampada, la Bibbia e un'immagine della Madonna di Aparecida, la patrona del Brasile. Questi erano...

Leggi tutto

Sudan: la guerra dimenticata che ha fatto dieci milioni di sfollati e profughi

15-02-2024 Notizie

Sudan: la guerra dimenticata che ha fatto dieci milioni di sfollati e profughi

Nel Paese africano sono almeno 12 mila le vittime di un conflitto che, dopo quasi 10 mesi, sta radicalizzandosi tra...

Leggi tutto

I Domenica di Quaresima / B: “Io stabilisco la mia alleanza con voi”

14-02-2024 Domenica Missionaria

I Domenica di Quaresima / B: “Io stabilisco la mia alleanza con voi”

Gen 9,8-15;  Sal 24;  1Pt 3,18-22;  Mc 1,12-15.  Il tema dell'alleanza permea le tre letture di questa prima domenica di Quaresima. Con il...

Leggi tutto

onlus

onlus