Nel corso dei secoli, le diverse società hanno avuto modi diversi di misurare il valore di una persona. In generale, il mondo pagano aveva tre criteri per dimostrare il valore di un individuo nella società. La conoscenza di questi criteri è importante se vogliamo evitare di valutare noi stessi utilizzando gli stessi parametri, e quindi di fare pressione su di noi per raggiungere certi obiettivi sfuggenti e spesso inutili.

Questo è fondamentale perché oggi il secolarismo sta riportando il mondo ai criteri pagani di misurazione del valore della persona, dove i risultati ottenuti mostrano il suo valore più di ogni altra cosa.

Il cristianesimo ci ha aperto gli occhi e ha dimostrato che siamo figli e figlie di Dio, destinati a una fine gloriosa, ma che viviamo temporaneamente in questo mondo come un passaggio. Purtroppo, il declino dell'affiliazione delle persone alle realtà spirituali, il rapido aumento del materialismo e la sempre maggiore sostituzione della religione con forme alternative pseudo religiose (es. Psicologia e altro) stanno alimentando il ritorno alla visioner "pagana" circa il valore di una persona.

Nel mondo greco, c'erano tre attributi che stabilivano la qualità di una persona. In primo luogo, un uomo di valore doveva avere un'origine nobile. In altre parole, una persona era una persona di valore se apparteneva all'aristocrazia. Questa poteva essere ottenuta per nascita, per servizio nell'esercito o per via burocratica. In secondo luogo, la qualità di una persona era misurata attraverso l'istruzione di eccellenza. L'istruzione formale creava le élites che erano al di sopra della gente comune, povera e analfabeta. In terzo luogo, una persona veniva misurata attraverso i suoi successi (attività che aveva svolto o virtù che aveva dimostrato nella sua vita). In altre parole, le grandi opere delle persone parlavano per loro, di solito elevandole nella scala sociale.

20240704Persona

Queste tre qualità erano utilizzate come indicatori dell'identità e del valore di una persona. Le ritroviamo anche nel Nuovo Testamento. Ad esempio, in Atti degli apostoli 22,3-4, San Paolo disse: "Io sono un ebreo, nato a Tarso in Cilicia". Stava dicendo agli ebrei che se la nobiltà e il valore di una persona si misuravano dall'essere ebreo, allora lui aveva i requisiti necessari, perché era anch'egli ebreo. Per quanto riguarda l'istruzione, disse di essere stato istruito da Gamaliele, uno dei grandi maestri della legge dell'epoca. Per quanto riguarda le conquiste, San Paolo osservava che era stato molto diligente nei confronti di Dio e per questo motivo aveva perseguitato i cristiani mandando in prigione uomini e donne.

In un altro caso (Fil 3,10-11), San Paolo parla della sua circoncisione all'ottavo giorno, per sottolineare la sua origine ebraica e la sua appartenenza al popolo eletto di Dio. Diceva infatti di essere un ebreo nato da genitori ebrei e appartenente alla tribù di Beniamino. Per quanto riguarda l'educazione, San Paolo ha detto di essere stato un fariseo. Per quanto riguarda le conquiste, disse che prima del suo drammatico incontro con il Signore stava perseguitando la Chiesa. San Paolo voleva dire agli ebrei che se quel criterio di misurazione del valore di una persona era giusto, allora lui era molto qualificato agli occhi della gente.

Oggi San Paolo ci dice quello che disse agli ebrei di allora. Pur avendo tutti i motivi per vantarsi, considerava ogni cosa un'inutile porcheria in confronto alla conoscenza di Cristo (Fil 3,8). Aveva capito che il valore di una persona inizia quando si rende conto della sua filiazione a Dio. Anche noi dobbiamo scoprire che il nostro valore è legato e fondato sulla nostra relazione con Dio. Il nostro valore non ha nulla a che vedere con il luogo in cui siamo nati, con l'educazione che abbiamo ricevuto o con i risultati che abbiamo raggiunto nella nostra vita. Tutte queste cose ci danno un valore temporaneo e ci rendono eroi a breve termine agli occhi della gente, ma alla fine sono inutili, perché non hanno alcun beneficio spirituale.

Il vero valore di una persona e l'eroismo in senso cristiano non hanno nulla a che fare con il fatto di essere nati in una famiglia speciale, di avere una grande istruzione formale o di avere molti successi mondani. Questi eroi muoiono come chiunque altro, lasciano le loro conquiste e diventano parte della sorte dimenticata. La scoperta del nostro valore agli occhi di Dio ci rende eroi. È così che i santi sono diventati ciò che sono oggi.

Il vero eroismo cristiano significa diventare progressivamente persone migliori ogni giorno, superando le nostre debolezze e conformando la nostra vita al progetto di Dio, espresso nella vita di Cristo. In un mondo in cui i nostri effimeri successi vengono sbandierati e pubblicizzati ovunque, San Paolo ci invita a riscoprire la nostra filiazione a Dio. Dal punto di vista cristiano, il santo, a differenza dell'eroe pagano, non nasce eroe, non nasce imbattibile. Il santo nasce debole, ma consapevole della sua fragilità e cerca di acquisire una configurazione progressiva in Cristo, che è il modello supremo degli eroi. Come tale, diventa un eroe grazie alla forza e all'aiuto dello Spirito di Cristo. Che anche noi possiamo diventare tali eroi.

* Padre Jonah M. Makau, IMC, frequenta il corso in Cause dei Santi, a Roma.

Ogni volta che pensiamo o parliamo dei santi, l'idea che ci viene in mente è quella di eroi. Consideriamo i santi come eroi, e giustamente. È tuttavia importante differenziare il concetto mondano di eroismo da quello cristiano, se vogliamo attribuire correttamente le giuste qualità ai nostri fratelli e sorelle che sono in cielo.

Per cominciare, il concetto di eroismo è stato utilizzato per la prima volta in campo etico da Aristotele. Fu propagato nel cristianesimo da Sant'Agostino, che lo applicò ai martiri. I martiri furono chiamati eroi perché scelsero di morire invece di peccare. In questo modo, hanno sconfitto il diavolo. In altre parole, la capacità dei martiri di superare la tentazione di voler salvare la propria vita ad ogni costo era paragonata alla sconfitta delle forze del male sempre determinate a portare fuori strada le persone. Per questo i santi erano considerati vincitori.

Con la fine delle persecuzioni, altre persone, che non erano state martiri, iniziarono a essere associate al martirio. Il fatto di vivere correttamente la vita cristiana e quindi di superare le proprie debolezze faceva sì che i cristiani comuni fossero in qualche modo martiri. Venivano chiamati confessori. Si trattava di persone che, a differenza dei martiri che avevano testimoniato Cristo attraverso la loro morte, testimoniavano Cristo attraverso la loro vita virtuosa.

20240628Eroi2

Purtroppo, il fatto che il concetto di eroismo sia stato ripreso dal contesto pagano comportava molti rischi. Ad esempio, come era possibile paragonare i martiri e gli altri santi agli eroi pagani, la maggior parte dei quali erano considerati eroi per il loro potere di distruzione dei nemici, per la loro vendetta sui precedenti oppressori e per la loro forza di eliminare gli avversari?

In secondo luogo, l'idea degli eroi rischiava di allontanare i santi dalla vita ordinaria dei cristiani. A volte si rischiava di elevare i santi ad altezze irraggiungibili, isolandoli dalla fraternità cristiana. In questo modo quasi si mitizzavano i santi. Peggio ancora, questo concetto di eroismo metteva in ombra l'essenza della santità dei cristiani comuni, presentando l'idea che per essere santi bisognava fare cose straordinarie invece di vivere una vita cristiana ordinaria, aperta e generosa alla grazia di Dio. Questa visione delle cose non facilitava la fruizione della santità. Al contrario, la faceva apparire come un dono inimitabile e con meno significato per la vita dei poveri peccatori.

Lo sfondo del concetto neotestamentario di santità ed eroismo, tuttavia, è diverso dall'eroismo pagano. L'eroe cristiano è colui che, nello sforzo di seguire Gesù, è capace di rinnegare sé stesso, prendere la propria croce ogni giorno e seguire Cristo (Lc 9,23). Il cristiano appartiene a Cristo (Fil 3,12). La sua vita è un mistero di comunione con Cristo. Ogni cristiano è crocifisso con Cristo nel battesimo. La morte di Cristo sulla croce è stata un segno di quanto ci ha amato. Oggi, gli eroi cristiani sono coloro che sono in grado di amare Cristo e i suoi fratelli e sorelle nello stesso modo in cui lui ha amato. Quindi, per essere eroi nel nostro tempo, dobbiamo fare due cose.

In primo luogo, dobbiamo valorizzare la "quotidianità" o la vita di ogni giorno. È facile vivere pienamente e con gioia brevi momenti belli della nostra fede, solo come "un fuoco del momento". Altra cosa è invece vivere il nostro impegno cristiano quotidiano ogni giorno, ogni settimana, ogni mese e per anni. È per questo che Gesù ha parlato di prendere la nostra croce ogni giorno. Richiede costanza, una pazienza duratura e una determinazione incrollabile. È questo il senso della fedeltà.

In secondo luogo, per essere veri eroi in senso cristiano, dobbiamo andare oltre la pratica comune di ogni altro cristiano, nel vivere le virtù cristiane. Il piccolo passo al di là della pratica comune indica l'effetto dello Spirito Santo in noi, perché mostra ciò che non avremmo potuto raggiungere con le nostre capacità. In altre parole, andare oltre la pratica comune di ogni altro cristiano, richiede la collaborazione con lo Spirito del Signore. Chiediamo al Signore di continuare a ispirare le nostre vite per essere eroi cristiani del nostro tempo.

* Padre Jonah M. Makau, IMC, frequenta il corso in Cause dei Santi, a Roma.

Pubblichiamo la riflessione tenuta da padre Innocent Bakwangama questo lunedì 24 giugno presso la Casa Generalizia a Roma, IMC, durante la Messa nella Solennità della Natività di San Giovanni Battista.

C'è molto da dire circa la Solennità di oggi, la natività di San Giovanni Battista. Ma vorrei evidenziare solo un aspetto espresso nella seconda lettura (At 13, 22-26).

Bisogna innanzitutto ricordare che il popolo d'Israele pensava che Giovanni fosse il Messia che aspettava. Era quindi necessaria una spiegazione da parte dell'interessato per chiarire la questione. Per questa ragione, quando stava per concludere il corso della sua vita disse: “Non sono chi pensate, ma guardate, c’è qualcuno che viene dietro a me a cui non merito nemmeno di slacciare i sandali”(Gv 1, 27). Giovanni Battista parlava a nome di Dio, ma affermava con chiarezza che la luce che brilla è Gesù, non lui, e questa luce di Cristo risplende da sola. Da questo punto di vista, Giovanni ha dimostrato tutta la confusione della gente che lo riteneva il profeta definitivo.

Questo gli valse l'ammirazione di Gesù: “In verità vi dico: tra i nati di donna, nessuno è sorto più grande di Giovanni il Battista” (Mt 11,11). Il modo in cui Gesù parla di Giovanni Battista tradisce il suo entusiasmo per quest'uomo che per primo ha forzato le porte del Regno. Gli piace la sua franchezza e la sua durezza e arriva al punto di paragonarlo a Elia. “E se vuoi sentirlo: lui stesso è Elia che deve venire” (Mt 11, 14). 

Cosa dice a noi missionari? Spesso nelle nostre comunità siamo missionari coraggiosi, bravi, molto attivi e molto amati dai cristiani. Quando ci siamo, la parrocchia o comunità è sempre piena di gente. Ma quando veniamo trasferiti altrove, la parrocchia o la comunità resta vuota. Chiediamoci: cosa può giustificare questo? Cosa cerca le gente? Perché vengono da noi? Cosa diciamo loro? Qual è il nostro atteggiamento?

Penso che dobbiamo imparare da Giovanni Battista. Come lui, siamo chiamati a farci da parte perché Gesù cresca. Dobbiamo servire da ponte per arrivare a Gesù e non da ostacoli. La nostra missione è facilitare l'incontro con il Signore. Dobbiamo dire alla gente, come ha detto Giovanni: “ecco l'agnello di Dio” (Gn 1, 29). È Lui che siamo chiamati a far conoscere. Affinché, anche se cambiamo di parrocchia o comunità, la gente rimanga lì per Gesù. Noi cambiamo di comunità, ma Gesù non cambia mai.

Che San Giovanni Battista ci serva da esempio e che la sua umiltà e franchezza ci caratterizzino.

* Padre Innocent Bakwangama, IMC, omelia nella Solennità della Natività di San Giovanni Battista.

Maria di Nazareth,
lì mi piace ricordarti,
nella vita di tutti i giorni,
nel lavoro e nella cura,
nella casa e nella famiglia.

Maria dalla Galilea,
dalla regione degli emarginati,
dove ebreo e pagano vivono fianco a fianco,
dove l'immigrato trova posto,
dove la periferia diventa centro.

Maria di Cana,
nella piazza del villaggio,
hai condiviso la gioia della festa,
e ti sei impegnata nella dignità e nella gioia del popolo,
fiduciosa nella missione di tuo figlio,
luce per coloro che cercano consolazione.

Maria del Magnificat,
esulta di gioia,
perché Dio libera il suo popolo,
perché solleva i poveri dalla spazzatura
e abbatte i potenti dai troni,
perché disperde i superbi ed esalta gli umili,
perché i ricchi li congeda a mani vuote
e ricolma i poveri di beni...

Maria del sì,
obbediente, disponibile,
contemplativa di Dio e dell'umanità,
impegnata nel progetto di Dio,
impegnata nell'anelito dell'umanità,
abbracciando tuo figlio nella gioia e sulla croce,
asciugando il suo sangue
nella mangiatoia e ai piedi della croce.

Maria, della stanza superiore,
orante, fiduciosa,
sostenendo la fede degli apostoli,
aiutandoli a liberarsi dal dolore della colpa,
aspettando con loro la grazia della comprensione,
aspettando con loro lo Spirito Santo,
aspettando con loro il Risorto.

Maria Consolata,
desiderosa di offrire consolazione.
Tu mostri la strada con il tuo sì,
mostri la via con il tuo ascolto,
il tuo impegno e condividendo la missione
Ci mostri il cammino invitandoci
a fare “ciò che lui vi dirà”.

Maria, Madre e Maestra,
Fondatrice di famiglie missionarie,
tenerezza, dolcezza, modello di fraternità,
fonte di speranza e di consolazione.
Donna forte, che dai forza a tuo figlio e alla sua Chiesa.

Maria, donna di pace,
senza frontiere, senza esclusioni,
con preferenza per gli ultimi, per i vulnerabili,
trasformatrice dell'ambiente,
impegnata nello sviluppo sostenibile,
terra fertile, nel seno della madre terra,
implicata in processi di giustizia
e che ristabilisce la pace.

Maria, mistero di Amore e di Vita,
di riconciliazione e di incontro,
mirabile incontro tra umanità e divinità.

Maria.

Buona festa della Consolata !

* Padre Andrés García, IMC, missionario in Venezuela.

Stiamo vivendo la novena della Consolata in un clima molto speciale, quest’anno: dopo aver ricevuto la splendida notizia del decreto che riconosce il miracolo attribuito all’intercessione del Beato Giuseppe Allamano, siamo in attesa della comunicazione, da parte di Papa Francesco, della data della canonizzazione del nostro caro Padre Fondatore. Un tempo lieto di attesa, che vogliamo vivere, come Famiglia, riunita attorno a Lui.

Le due Direzioni generali IMC e MC, riunitesi a Roma il 12 giugno, hanno pensato di proporre alla Famiglia Consolata - padri, fratelli, suore, laici e laiche - un PERCORSO SPIRITUALE che ci prepari a questo evento così significativo, da vivere proprio come sempre è piaciuto a Padre Fondatore: ascoltando un Padre che ama i suoi figli e figlie, seduti attorno a Lui, sentendolo vicino e presente nelle nostre vite e nei cammini della missione.

Ogni 16 del mese, da giugno fino alla canonizzazione, vi proponiamo quindi una piccola riflessione sul Fondatore, che speriamo possa aiutare a entrare in dialogo con Lui, sia nella preghiera personale che in spazi di condivisione e preghiera comunitaria.

Che Padre Fondatore continui a benedire ciascuno, ciascuna, insieme a nostra Madre, Maria Consolata.

* Madre Lucia Bortolomasi, MC, Superiora Generale e Padre James Bhola Lengarin, IMC, Superiore Generale

Percorso spirituale 16 giugno 2024: Il Fondatore e la “sua Consolata”

Gli ultimi articoli

Significato della canonizzazione del Beato Allamano nel mese di ottobre

22-07-2024 Allamano sarà Santo

Significato della canonizzazione del Beato Allamano nel mese di ottobre

Il 01 luglio 2024, il Santo Padre, Papa Francesco, ha annunciato la data prevista per la canonizzazione del Beato Giuseppe...

IV Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani

22-07-2024 Notizie

IV Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” (cfr. Sal 71,9) La Chiesa celebra, domenica 28 luglio 2024, la IV Giornata Mondiale dei Nonni e...

Genocidio in Ruanda: trent’anni dopo

22-07-2024 Notizie

Genocidio in Ruanda: trent’anni dopo

Il Paese a trent’anni dal genocidio. Intervista a don Oscar Kagimbura, segretario generale di Caritas Ruanda Trent’anni fa, il 16 luglio...

Eritrea. Trent’anni di Afewerki

21-07-2024 Notizie

Eritrea. Trent’anni di Afewerki

I rapporti tra il paese del Corno d’Africa e l’Italia L’Italia e l’Eritrea tornano amiche? Quale senso ha il riavvicinamento del...

Padre Lengarin: “25 anni di un Servizio al Dio della Moltiplicazione”

19-07-2024 I missionari dicono

Padre Lengarin: “25 anni di un Servizio al Dio della Moltiplicazione”

“Ci sono due immagini che mi hanno sempre accompagnato nel mio sacerdozio. La prima è l'immagine del pastore, profondamente legata...

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

17-07-2024 Domenica Missionaria

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

Ger 23,1-6; Sal 22; Ef 2,13-18; Mc 6,30-34 Nel vangelo Marco ci presenta Gesù come un vero pastore il cui sguardo ...

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

17-07-2024 Allamano sarà Santo

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

In continuità con il percorso spirituale proposto dalle due Direzioni Generali IMC - MC e in preparazione alla canonizzazione del...

Missionari laici della Consolata in Venezuela

16-07-2024 Missione Oggi

Missionari laici della Consolata in Venezuela

Prima di tutto vogliamo essere grati a Dio, alla Chiesa e ai Missionari della Consolata; la gratitudine è la nostra...

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

16-07-2024 Notizie

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

Una regione del Paese africano alla mercé della guerriglia islamista C’era ottimismo a Maputo, la capitale mozambicana. La guerriglia a Cabo...

onlus

onlus