Descritto come un missionario appassionato e vivace, padre Antonio Bianchi, IMC, è mancato a Nairobi, Kenya, domenica 14 aprile 2024.

Secondo padre Peter Makau, Superiore dei Missionari della Consolata della Regione Kenya/Uganda, padre Bianchi soffriva di una lieve infezione polmonare e, data l'età avanzata, è morto circa alle ore 14.20, dopo aver pranzato.

Nato il 13 giugno 1922 a Verbania, giorno della festa di Sant'Antonio di Padova, sulle rive del Lago Maggiore, a nord-ovest di Milano, padre Bianchi era il più anziano Missionario della Consolata nel mondo, avendo compiuto 101 anni, di cui 82 di professione religiosa e 78 di sacerdozio.

In un'intervista rilasciata al CISA (Catholic Information Service for Africa) nel 2023, mentre festeggiava il suo 101° compleanno, il missionario entrato nell’Istituto 84 anni fa, ha dichiarato: «Non sapevo, 83 anni fa, che avrei incontrato tante persone intorno a me per festeggiare una vita che ho scelto di vivere. Avevo 17 anni quando sono entrato nei Missionari della Consolata. Ora le mie ossa sono deboli, ma sono sempre stato felice. Ho trovato superiori molto comprensivi e collaborativi, che mi hanno sostenuto nelle mie debolezze».

20240415Bianchi2Padre Bianchi è stato ordinato sacerdote il 15 agosto 1945 a Rosignano, dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. Fu subito destinato in Portogallo, dove arrivò nel settembre del 1946 come uno dei primi missionari della Consolata a lavorare nel Paese. In un primo momento a Fatima, nella formazione, ma poco dopo fu nominato parroco della parrocchia di Castanheira do Ribatejo, nel comune di Vila Franca de Xira, servendo quella porzione del popolo di Dio dal 5 ottobre 1946 al 13 dicembre 1954. La parrocchia, situata in una zona piuttosto scristianizzata, era priva di un parroco residente da diversi anni.

Da Lisbona, padre Albino Braz racconta che i Missionari della Consolata furono ben accolti dalla popolazione e il Consiglio della frazione di Castanheira aveva perfino deciso di dedicare una strada a padre Bianchi. Il 13 giugno 1949 (proprio il giorno del suo compleanno) fondò la “Gioventù di Castanheira”, un'Associazione sportiva, culturale e ricreativa. Nel 2019 - quando questa associazione compiva 70 anni - hanno scritto di lui: «Padre Bianchi, con spirito missionario, ha portato nella nostra terra la solidarietà, la gioia di vivere insieme, l'unità, la soddisfazione di realizzarsi e il rispetto per gli altri. Sono valori che vogliamo veder rinascere attraverso le attività che sviluppiamo».

La missione in Kenya

Padre Bianchi era arrivato in Kenya nel 1955, all'età di 33 anni, durante la lotta per l'indipendenza. In questo Paese africano ha trascorso la maggior parte della sua vita missionaria, lavorando in varie missioni e dedicandosi soprattutto alla pastorale e all'evangelizzazione. Inizialmente era stato assegnato a Ngandu-Murang'a, oggi diocesi, ma all'epoca, terreno favorevole ai combattenti Mau Mau; in seguito, venne ricollocato a Ichagaki, sempre nella diocesi di Murang'a.

«Era un posto molto bello, con montagne e pianure. C'era molta gente di etnie diverse che si mescolavano e vivevano insieme in modo naturale. Andavamo in giro a piedi per vedere le persone e affrontare le sfide. Me lo sono goduto appieno», ha ricordato padre Bianchi, nel 2023.

Nel 1956 tornò a Ngandu, dove il suo più grande contributo fu l'educazione delle bambine, che era stata ignorata. Vi lavorò per tre anni e con “un piccolo contributo” vide la creazione di una scuola secondaria femminile, l'attuale “Bishop Gatimu Ngandu Girls High School”.

Conoscendo bene la lingua kikuyu e con una memoria raffinata, il tenero missionario italiano ha rivelato che la conoscenza della lingua locale agikuyu gli aveva permesso di concentrarsi meglio sul lavoro pastorale nel Kenya centrale: parrocchia di Rumuruti, nella diocesi di Nyahururu e parrocchia di Makima, in diocesi di Embu.

«Un sacerdote è tale perché cresce con il suo popolo. Non soltanto preghiere o attività religiose, ma ogni gesto contribuisce a perfezionare la vita del popolo... Il Kenya ha prosperato negli anni nonostante le sfide del tribalismo e della corruzione. Esorto i kenioti a non attaccarsi a questi condizionamenti privati, ma a concentrarsi su questioni che riguardano le persone nelle comunità. Sostenere le scuole e costruire più collegi e università», diceva all'epoca.

Padre Peter Makau elogia padre Bianchi come un grande missionario, con il cuore per la gente e per la Madre Terra, un religioso che ha sempre incoraggiato i confratelli a essere felici, nonostante le sfide della vita.

20240415Bianchi

Padre Antonio Bianchi con il Mons. Vigilio Pante, vescovo emerito di Maralal nel Kenya. Foto: Arnold Neliba -The Seed Magazine

Va inoltre ricordato che padre Bianchi è stato una figura importante anche per Verbania, sua città natale, in Italia, e di cui è diventato cittadino onorario nel 2005, «per la sua vocazione e il suo impegno nelle missioni religiose e nel sostegno ai più poveri del mondo», come si legge nel discorso di conferimento del titolo.

Nel giorno del suo 100° compleanno, ricordando gli anni trascorsi in Portogallo, ha confessato di amare molto questo Paese, di essere particolarmente devoto della Madonna di Fatima e di non dimenticare tutto l'affetto e le grazie che vi ha ricevuto, in particolare dai suoi parrocchiani di Castanheira do Ribatejo.

È morto due mesi prima del suo 102° compleanno, proprio nella III domenica di Pasqua, giorno in cui il Vangelo ci invitava a testimoniare il Cristo vivo, Cristo risorto. Questa è stata senza dubbio la sua vita missionaria e apostolica. Ha vissuto la sua vocazione in modo esemplare, tutto per Gesù, tutto per il Vangelo. Che riposi in pace, tra le braccia del buon Dio, che ha tanto amato e servito.

* Paschal Norbert, giornalista del “Catholic Information Service for Africa (CISA), a Nairobi, in Kenya.

Sono anch'io Warao. Quanti altri?

Nel video allegato potete vedere alcune delle tombe dei bambini Warao che stanno morendo in questi giorni (gli ultimi quindici giorni) nelle località di Mukoboina e Jokorinoko, nella parrocchia di Manuel Renaud, Comune Antonio Díaz, Stato Delta Amacuro, in Venezuela. Anche in altre località della stessa parrocchia e in quelle della parrocchia vicina (Padre Basilio Barral) si stanno moltiplicando i casi gravi.

Il dolore delle famiglie è immenso, come potete vedere nelle foto, non ci sono più lacrime da piangere, solo dolore e tante domande: cosa sta succedendo? Perché? Chi ci aiuterà? Quando? Fino a quando? Quanto vale la vita di un indigeno Warao? Quanti altri dobbiamo morire o veder morire prima che chi di dovere possa porre rimedio a questa situazione? I tempi e i ritmi di azione sarebbero gli stessi se fossimo fratelli, padri, figli dei "potenti"?

Ci sarebbero altre emergenze sanitarie nel nostro Stato oltre a questa? Altre priorità rispetto alla salvaguardia della vita dei cittadini? Sarebbe diverso se queste epidemie si verificassero nei "quartieri bene" di Tucupita?

Video inviato da una comunità Warao di  Nabasanuka

La causa dei decessi

Secondo la descrizione dei parenti e dei vicini dei bambini che muoiono, i sintomi sono febbre, mal di testa, dolore al collo, convulsioni e, in prossimità della morte, oppressione al petto. I bambini muoiono entro 72 ore. Negli ultimi giorni anche alcuni adulti stanno avvertendo gli stessi sintomi. Alcuni campioni sono stati portati a Caracas per essere analizzati. Siamo in attesa dei risultati per stabilire la diagnosi e avviare il trattamento e la prevenzione.

La nostra speranza è in Colui che ha fatto dei poveri e degli oppressi una priorità della sua vita e per loro è morto e, confidando in tutta l'umanità, è risorto per liberarci dalla paura della morte e dalle forze che vogliono spegnere la luce e la vita.

Forse la scelta dei partiti socialisti di dare pari opportunità a tutti i cittadini, soprattutto agli impoveriti, di difendere la vita dei deboli, parificando la loro condizione a quella dei potenti, è anche la nostra fortuna?

20240414Warao2

Bambini  indigeni Warao svolgono attività educative presso la Scuola di Vita

Preghiamo affinché questa vocazione ci muova sempre con rinnovata fermezza ed efficacia.

* Padre Andrés García, IMC, missionario spagnolo a Nabasanuka, Delta Amaruro, Venezuela.

I missionari della Consolata della Delegazione di Canada, Stati Uniti e Messico (DCMS) si sono riuniti dall'8 al 13 aprile per la loro Conferenza Regionale presso la sede delle Pontificie Opere Missionarie a Città del Messico.

Con grande gioia e animata dallo spirito di risurrezione, la Conferenza ha visto la partecipazione di 15 missionari della Delegazione, di un missionario laico e di tre ospiti provenienti dalle zone di missione. Erano presenti anche il Superiore Generale, padre James Bhola Lengarin, il Consigliere Generale per l'America, padre Juan Pablo de los Rios, padre Luis Mauricio Guevara, formatore del Seminario Teologico in Brasile, invitato come moderatore, e padre Elmer Pelaez Epitacio, il primo missionario messicano della Consolata che lavora in Italia.

Il programma è iniziato con la Messa presieduta dal Superiore della Delegazione, padre Peter Ssekajugo. Ssekajugo, presidente della Conferenza, ha aperto ufficialmente i lavori invitando il signor Wilmer José Hernández, missionario laico della Consolata, a presentare i partecipanti e a distribuire i materiali.

20240414DCMS3Il secondo giorno, dopo la preghiera del mattino, padre Salvador Padilla ha fatto una breve presentazione delle Pontificie Opere Missionarie del Messico. Juan Manuel Quintana ha spiegato la "Metodologia Guadalupana", punto di partenza delle riflessioni della Conferenza. Si tratta di una metodologia di evangelizzazione presente nel documento Nican Mopohuanm (uno scritto in lingua nahualt), che è tratto dalle parole della Madre di Dio a Juan Diego: "Voglio e desidero fortemente che in questo luogo sorga un Eremo per me... in esso mostrerò e darò tutto il mio AMORE, la mia COMPASSIONE, il mio AIUTO e la mia DIFESA... lì ascolterò i vostri lamenti e rimedierò e curerò tutte le vostre MISERIE, i vostri dolori e le vostre pene".

Nello spirito della metodologia guadalupana, padre Juan Pablo de los Rios presiede la Messa nella Basilica di Nostra Signora di Guadalupe concelebrata da tutti i sacerdoti presenti alla Conferenza. Nell'omelia ha spiegato alla gente chi sono i Missionari della Consolata e quali sono le loro missioni nel mondo, in particolare nella Delegazione di Canada, Stati Uniti e Messico.

La sera dello stesso martedì abbiamo ascoltato le parole del Superiore della DCMS che ha presentato le realtà dei nostri Paesi e le loro sfide.

All'inizio di mercoledì 10 aprile, il Consigliere Generale per l'America, Padre Juan Pablo de los Rios, ha spiegato il legame tra la metodologia Guadalupana e la pedagogia Allamana. Ha inoltre invitato a ricordare le ragioni principali della nostra presenza nelle terre americane.

Il Superiore generale, padre James Lengarin, ha presentato alcune informazioni sull'Istituto dalla sua fondazione a oggi, in quanto numero di membri, punti di forza, sfide e proposte per il futuro.

Mercoledì la sessione di ascolto è iniziata con la presentazione da parte di ogni comunità della propria realtà e di ciò che sta facendo: Montreal, Toronto, Riverside, New Jersey, Tuxtla Gutierrez e San Antonio Juanacaxtle. Suor Ricardina, Missionaria della Consolata, e i laici presenti hanno fatto lo stesso.

Poi abbiamo ricevuto padre José María, del Vicariato della Vita Consacrata dell'Arcidiocesi del Messico, che con le sue parole ci ha incoraggiato nel lavoro delle missioni. Mercoledì sera abbiamo ascoltato P. Eleazar López Hernández che ha approfondito la metodologia Guadalupana. È stata una riflessione a partire dalla sua esperienza personale e ciò che ha attirato la nostra attenzione è stata la sua conoscenza di due grandi missionari della Consolata morti recentemente: padre Ezio Roattino Guadalupe, il 4 aprile, e padre Josiah K'okal, il 1° gennaio 2024.

20240414DCMS4

Per lavorare su diversi temi nella costruzione del documento finale della conferenza, sono stati formati quattro gruppi che si sono occupati di: missione della DCMS; missionari in comunità; animazione missionaria e giovanile; migranti e indigeni; comunicazione; continentalità; famiglia della Consolata ed economia. Elmer Peláez Epitacio, missionario messicano che lavora a Torino, Italia. Nelle sue parole ha ringraziato i Missionari della Consolata per avergli dato l'opportunità di far parte della famiglia della Consolata.

L'ultimo giorno della conferenza è stato dedicato al tema dell'amministrazione. Padre Paolo Fedrigoni ha spiegato come funzionano le finanze dell'Istituto in Canada, Stati Uniti e Messico dal 2016, quando è stata creata la Delegazione. Poi, padre James Lengarin ha fatto una panoramica sull'economia dell'intero Istituto in generale. Poi l'approvazione di tutti i punti su cui si è lavorato durante la conferenza.

Mauricio Guevarra ha ringraziato tutti per la loro partecipazione e ha invitato a continuare a lavorare per mettere in pratica quanto detto durante questa importante settimana. Mauricio ha sottolineato il contributo del Consiglio Generale, la partecipazione dei laici e di tutti i missionari, in particolare del gruppo del Messico che ha aiutato a preparare tutto. Ha ringraziato i facilitatori Juan Manuel e Padre Eleazar per averci guidato con i loro argomenti. Ha inoltre invitato i missionari a vivere sempre con dedizione lo spirito e il carisma della Consolata.

20240414DCMS5

La conferenza si è conclusa con una Messa presieduta da padre Alessandro Conti, nuovo Consigliere di Delegazione. Padre Conti ha ringraziato Dio per l'illuminazione avuta durante la conferenza e, insieme a padre Timothy Gatitu e Peter Ssekajugo, ha ringraziato tutti per la fiducia. Dopo le parole conclusive del Superiore Generale, i padri Timothy e Alessandro prestano giuramento per continuare a lavorare nel Consiglio.

* Padre Irungu Mungai, IMC, lavora a Guadalajara, in Messico.

Il primo studente, primo religioso, primo sacerdote e missionario dell’istituto Missioni Consolata, Pietro Paolo Albertone nacque a Torino il 3 gennaio 1894.

Mentre il Canonico Allamano stava progettando l’apertura di un Seminario per accogliere giovani studenti aspiranti missionari che alimentassero poi le file dei chierici dell’Istituto da lui fondato nel 1901, gli si presentava un giovane desideroso di offrire la sua opera in servizio delle missioni.

Il santo sacerdote accoglieva benevolmente quel giovane quindicenne, lo interrogava sulle condizioni di famiglia, sugli studi compiuti e sentito che il suo nome era Pierino, gli diceva: « Tu sei Pierino... allora tu dovrai essere la prima pietra del seminario che la Consolata vuole qui, in Torino ». E Pietro Paolo Albertone fu il primo studente, primo religioso, primo sacerdote e missionario di questa nuova fondazione missionaria che era l’Istituto Missioni Consolata.

20240411Albertone4

Missionari della Consolata a Tosamaganga  in Tanzania nel 1927. (I padri Bolla, Sciolla, Albertone, Oggè, Mauro, Becchio, Panelatti, Cagliero, Ferrero). Foto: Spairano

(Continua a leggere questa bella storia di vita e missione a cura di padre Pietro Trabucco, IMC, Castelnuovo don Bosco)

Riportiamo questa intervista a padre Ezio Roattino Guadalupe (19/11/1936 - 04/04/2024), realizzata da padre Angelo Casadei, nel lontano novembre 1990, in occasione della Sesta Assemblea dedicata alla memoria del martirio del padre Alvaro Ulcué Chocué (1943-1984) originario del gruppo indigeno dei Nasa Paez. Nell’intervista il padre Roattino riafferma la sua vocazione a favore dei gruppi più indifesi della Colombia, i popoli indigeni, però con uno sguardo ampio rivolto al futuro della missione. Questa sua testimonianza è un testamento che ci lascia per vivere anche noi con impegno ed entusiasmo il nostro dovere di cristiani e per assumere il nostro specifico carisma ad gentes attraverso scelte chiare e significative.

Padre Ezio, nell’intervista ricorda come i Missionari della Consolata in Colombia siano arrivati fra il popolo Paez nelle parrocchie di Toribio, Tacueyó, Jambaló e Caldono nel dipartimento di Cauca, arcidiocesi di Popayán, subito dopo l’uccisione di padre Alvaro Ulcué, avvenuta il 10 novembre 1984. Sulla richiesta del vescovo, l'Istituto ha iniziato la sua presenza nel comune di Toribio, nel gennaio del 1985 dove già lavorava la congregazione delle suore Missionarie di Madre Laura, localmente più conosciute come le Suore Laurite.

Nell’opinione di padre Ezio Roattino, la scelta della missione nel Cauca ha significato “un rinnovamento per l’Istituto” in Colombia, perché a suo avviso le opzioni per i popoli indigeni e afrodiscendenti,  “i più abbandonati e disprezzati del Paese sono un nuovo ossigeno che entra nell’Istituto”.

Il padre lancia anche un invito ai giovani: “Venite! Qua vi stiamo aspettando. Cammineremmo insieme sulla Cordigliera per testimoniare il battesimo e il dono che Dio ci ha dato. Che Dio cammini con voi e anche voi possiate camminare con Dio”.

Nato il 19 novembre 1936, nell’Isola d’Istria, Provincia di Pola, Italia, padre Ezio Roattino, IMC, è deceduto il 04 aprile 2024 ad Alpignano. Aveva 87 anni di età, di cui 62 di Professione Religiosa e 59 anni di Sacerdozio.

Di seguito il video con l’intervista a Padre Ezio Roattino realizzata da padre Angelo Casadei

 

202040409EzioRoattino2

Padre Ezio Roattino durante celebrazione in memoria di padre Álvaro Ulcué, ucciso il 10 novembre 1984 a Toribio, in Colombia.

Gli ultimi articoli

XVII Domenica del TO / B - “C'è qui un ragazzo che ha cinque pani d'orzo e due pesci”

24-07-2024 Domenica Missionaria

XVII Domenica del TO / B - “C'è qui un ragazzo che ha cinque pani d'orzo e due pesci”

IV Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani 2 Re 4,42-44; Sal 144; Ef 4,1-6; Gv 6,1-15 Nella preghiera della colletta chiediamo...

La piaga del lavoro minorile in Myanmar

24-07-2024 Notizie

La piaga del lavoro minorile in Myanmar

Nella tormentata Nazione del Myanmar, attraversata da un conflitto civile da oltre tre anni, si registra un'esplosione del fenomeno del...

Brasile: la violenza contro i popoli indigeni

24-07-2024 Notizie

Brasile: la violenza contro i popoli indigeni

“Assumere la causa indigena come causa della Chiesa”. Il Consiglio Indigenista Missionario (Cimi) ha presentato, lunedì 22 luglio, presso la sede...

Portogallo: LMC celebrano il loro giubileo d'argento

24-07-2024 Missione Oggi

Portogallo: LMC celebrano il loro giubileo d'argento

I Laici Missionari della Consolata (LMC) del Portogallo si sono radunati questa domenica, 21 luglio, per celebrare il loro 25°...

Significato della canonizzazione del Beato Allamano nel mese di ottobre

22-07-2024 Allamano sarà Santo

Significato della canonizzazione del Beato Allamano nel mese di ottobre

Il 01 luglio 2024, il Santo Padre, Papa Francesco, ha annunciato la data prevista per la canonizzazione del Beato Giuseppe...

IV Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani

22-07-2024 Notizie

IV Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” (cfr. Sal 71,9) La Chiesa celebra, domenica 28 luglio 2024, la IV Giornata Mondiale dei Nonni e...

Genocidio in Ruanda: trent’anni dopo

22-07-2024 Notizie

Genocidio in Ruanda: trent’anni dopo

Il Paese a trent’anni dal genocidio. Intervista a don Oscar Kagimbura, segretario generale di Caritas Ruanda Trent’anni fa, il 16 luglio...

Eritrea. Trent’anni di Afewerki

21-07-2024 Notizie

Eritrea. Trent’anni di Afewerki

I rapporti tra il paese del Corno d’Africa e l’Italia L’Italia e l’Eritrea tornano amiche? Quale senso ha il riavvicinamento del...

Padre Lengarin: “25 anni di un Servizio al Dio della Moltiplicazione”

19-07-2024 I missionari dicono

Padre Lengarin: “25 anni di un Servizio al Dio della Moltiplicazione”

“Ci sono due immagini che mi hanno sempre accompagnato nel mio sacerdozio. La prima è l'immagine del pastore, profondamente legata...

onlus

onlus