V domenica di quaresima - B

Pubblicato in Domenica Missionaria
“È giunta l’ora” (Gv 12, 23)

I greci che vogliono “vedere Gesù”, cioè conoscerlo da vicino e in profondità, sono immagine quanto mai viva delle “genti” che saranno attratte dal “Verbo incarnato” quando egli sarà innalzato da terra. Alla loro ricerca sincera, Gesù risponde parlando di sé e togliendo il velo che nasconde la sua “ora”. L’ora di cui Gesù parla è quella della croce. È l’ora da lui tanto desiderata, non perché egli desideri il soffrire, ma perché passando per quella strada egli realizzerà in pieno la volontà del Padre. È inoltre l’ora della sua “esaltazione”, che viene illuminata dalla gloria del Dio amore.

Siamo alla soglia della “Grande Settimana”, la Settimana Santa. Attraverso le letture bibliche di questa domenica, la Liturgia ci prepara a comprendere quello che S. Paolo usava chiamare “lo scandalo della croce” e che, per ogni credente, costituisce il “cuore” della propria fede.

Se il chicco di frumento non muore…

È questa un’immagine quanto mai efficace che Gesù usa per spiegare il mistero più profondo e forse più impenetrabile della nostra fede. Essa è tratta dalla creazione per illuminare il mistero della nuova creazione. Gesù, pane e parola, si paragona al chicco di frumento che cadendo in terra e morendo esplica tutta la sua forza vitale. Il destino di Gesù è simile a quello del seme: solo morendo potrà produrre molto frutto e potrà attirare tutti i popoli a sé.

Se invece il Figlio dell’uomo non muore, allora rimane “solo”, come il seme che non produce frutto. Ma in tal caso, egli non sarebbe Figlio del Padre, perché non vivrebbe della sua vita che è invece donazione perfetta agli altri. L’amore e la donazione sono vita; l’egoismo è sterilità. Chi vuole “conservarsi”, muore. Chi invece muore donandosi, ritrova la pienezza della vita.

È questo il grande principio pasquale, segreto della vita nuova che il mistero della Redenzione ha donato all’umanità. “Chi ama la sua vita la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserva quale vita eterna” (Gv 12, 25).

Quanto utile soffermarsi, oggi, su questi preziosi verbi giovannei: amare-odiare, perdere-conservare, morire-vivere, dare-conservare!

“Dove sono io, là sarà anche il mio servo”

“Dove dimori?” sono le prime parole che i discepoli del Battista rivolgono a Gesù prima di mettersi alla sua sequela. La dimora di Gesù è nell’amore del Padre. Anche il discepolo è chiamato a dimorare nel Padre mediante l’amore, perché è l’amore che fa casa.

Il vangelo invita noi oggi a mettere la nostra dimora in Gesù “crocifisso”, mentre egli realizza in pienezza la “sua ora” e raggiunge il culmine della sua missione. Con lui nel dolore e nella croce, anche noi possiamo realizzare in pienezza sia la nostra vocazione di discepoli che quella di missionari, “attirando tutti a Lui”.

Se guardiamo al dipanarsi quotidiano della nostra vita, non possiamo fare a meno di constatare quanto ogni momento sia caratterizzato da qualcosa di gravoso, da aspetti pesanti, da molteplici quozienti di fatica, di disagio, di sforzo, di travaglio. Mentre il “mondo” rifugge da tutto ciò, il cristiano lo accoglie, lo valorizza, fino a giungere ad amarlo. Il dolore e la croce contengono in sé qualcosa di paradossale: sono il canale della felicità vera e duratura, quella che sazia il cuore, la stessa che Dio gode e alla quale ogni credente può attingere. Come Gesù che, proprio attraverso il dolore, ha donato all’uomo la gioia, così ogni persona può procurare felicità per sé e per gli altri, passando attraverso lo stesso suo cammino di croce e di dolore.

Ma occorre prendere la croce…

Questo insegnano i nostri santi:
“Svegliarsi al mattino in attesa di essa (croce), sapendo che solo per suo mezzo arrivano a noi quei doni che il mondo non conosce, quella pace, quel gaudio, quella conoscenza di cose celesti, ignote ai più. La croce… cosa tanto comune. Così fedele, che non manca all’appuntamento di nessun giorno. Basterebbe raccoglierla per farsi santi. La croce, emblema del cristiano, che il mondo non vuole perché crede, fuggendola, di fuggire al dolore, e non sa che essa spalanca l’anima di chi l’ha capita sul regno della Luce e dell’Amore: quell’Amore che il mondo tanto cerca, ma non ha”.

“S. Paolo esclamava: Sono stato crocifisso con Cristo! Non accontentarsi di portare il simbolo, ma praticare quello ch’esso insegna. Volere o no, la nostra vita è seminata di patimenti, da cui nessuno va esente. Tutto sta nel sopportarli con pazienza, anzi amarli e anche desiderarli”.
Ger 31, 31-34
Ebr 5, 7-9
Gv 12, 20-33

Ultima modifica il Giovedì, 05 Febbraio 2015 20:12
Altro in questa categoria: Domenica delle Palme - B »

Gli ultimi articoli

Missionari della Consolata, 100 anni di missione in Mozambico

28-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Missionari della Consolata, 100 anni di missione in Mozambico

Le celebrazioni del centenario della presenza dei Missionari della Consolata in Mozambico sono state aperte ufficialmente questa domenica 26 maggio...

Fr. Benedetto Falda: esemplare e generoso nella missione

28-05-2024 Triennio Allamano

Fr. Benedetto Falda: esemplare e generoso nella missione

L’Istituto ha ancora bisogno di Fratelli missionari. Essi hanno giocato un ruolo importante non solo nei suoi esordi, ma durante...

Israele-Palestina, Russia-Ucraina. La giustizia è una chimera

28-05-2024 Notizie

Israele-Palestina, Russia-Ucraina. La giustizia è una chimera

L’operato delle due Corti internazionali Karim Khan è un giurista inglese di origini pachistane. Dal febbraio 2021 è il procuratore capo...

Colombia: vivere la missione come "pellegrini della speranza"

27-05-2024 Missione Oggi

Colombia: vivere la missione come "pellegrini della speranza"

La XIII Conferenza Regionale dei missionari della Consolata in Colombia, Ecuador e Perù, incontro che si tiene ogni sei anni...

Mons. Crippa: Essere vescovo missionario nella Chiesa locale

27-05-2024 Missione Oggi

Mons. Crippa: Essere vescovo missionario nella Chiesa locale

"La grande sfida è di far sì che la mia diocesi, nonostante la povertà e la piccolezza, possa aprirsi alla...

Conferenza Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

25-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Conferenza  Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

"Lo Spirito Santo è il protagonista della missione e noi, come missionari, siamo i collaboratori di Dio". Con queste parole...

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

25-05-2024 Notizie

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

“Ecco il faccio nuove tutte le cose” (Ap 21,5) Indetta da Papa Francesco, Roma ospita questo fine settimana, 25 e 26...

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

23-05-2024 Notizie

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

Direttamente da Bogotà, in Colombia, dove sta partecipando alla XIII Conferenza Regionale, il Superiore Generale dei Missionari della Consolata, padre...

Giuseppe Allamano sarà santo!

23-05-2024 Notizie

Giuseppe Allamano sarà santo!

Nell’udienza concessa questo giovedì 23 maggio 2024 al cardinale Marcello Semeraro, Prefetto del Dicastero delle Cause dei Santi, Papa Francesco...

onlus

onlus