Domenica di Pasqua - B

Pubblicato in Domenica Missionaria
Cristo è veramente risorto. Alleluia!

“Non è gran cosa credere che Cristo è morto; questo lo credono anche i pagani, anche i giudei e tutti i malvagi” (Agostino). Credere invece che Cristo è risorto dai morti, è la fede del cristiano. Se Cristo è risorto, egli merita allora tutta la nostra fiducia quale Figlio di Dio, la salvezza inizia qui ed ora nella mia vita e nel cuore di tutta l’umanità, il suo messaggio è verità. Non c’è Pasqua senza questa fede limpida e ferma nella risurrezione di Gesù di Nazareth dai morti.

Ma come possiamo giungere ad una fede nel Risorto, così viva da costituire il fondamento di tutta la nostra vita cristiana e la nostra suprema certezza? La Parola di Dio, ancora una volta ci guida a trovare la risposta corretta.

1. Nella prima lettura, tratta dal Libro degli Atti degli Apostoli, S. Pietro dice: “Dio lo ha risuscitato il terzo giorno e volle che apparisse, non a tutto il popolo, ma a testimoni prescelti da Dio, a noi, che abbiamo bevuto e mangiato con Lui…”. Se vogliamo che il Signore ci appaia e confermi la nostra fede in lui, dobbiamo essere discepoli che vivono con lui, che lo frequentano ed hanno familiarità con lui, che lo cercano, lo ascoltano e ne custodiscono gelosamente la parola e l’insegnamento.

La nostra fede risulta allora non una elaborazione razionale e nemmeno una esperienza sensibile. Essa è un dono dall’Alto che il Signore concede a tutti coloro che lo cercano, che gli concedono tempo e attenzione, che si mettono alla sua scuola. Come gli Apostoli.

2. Il brano del Vangelo ci narra dell’emblematica corsa al sepolcro dei due Apostoli Pietro e Giovanni. Pietro constata semplicemente il fatto che il corpo di Gesù non è presente ma che nemmeno è stato trafugato. Infatti le bende e il sudario sono ripiegati sulla pietra. Giovanni invece “vide e credette”.

Il vantaggio di Giovanni su Pietro per conoscere immediatamente il valore delle “Scritture” è stato senza dubbio il fatto di essere “il discepolo che Gesù amava” e che ha seguito il Maestro fino ai piedi della croce. L’amore “vede” i segni della risurrezione di Gesù e “crede” anche senza averlo visto. Inoltre la fedeltà al Maestro che Giovanni ha dimostrato di avere, nel momento del buio, della prova e della sconfitta, è la migliore predisposizione a ricevere il dono della fede in Colui che è stato crocifisso ed ora è risorto.

3. Maria Maddalena è un’altra figura emblematica del vero discepolo, che l’evangelista Giovanni nomina, a preferenza di molti altre, nella scena pasquale. Essa infatti è stata ai piedi della croce; il suo nome richiama Maria di Betania che profumò il Signore; Luca dice che le furono cacciati via sette demoni. Purificata dall’amore, essa è la prima che ha occhi per vedere il Signore. Anche nella nostra vita, il peccato perdonato cessa di essere ostacolo e diventa un ulteriore motivo per fare esperienza della presenza del Risorto. Ma sopra ogni altra cosa è l’amore che conta.

4. Dalle letture odierne e dai racconti delle apparizioni pasquali, notiamo che sono due i frutti principali della Pasqua: lo Spirito Santo e la pace. Questi doni ci vengono offerti e noi dobbiamo farli nostri, accoglierli per poi farli fruttificare.

- Lo Spirito Santo è il dono per eccellenza della Pasqua e riassume tutti gli altri: promesso nell’ultima cena, alitato sugli apostoli la sera di Pasqua, viene conferito nel giorno della Pentecoste. Egli è il tramite tra la resurrezione di Cristo e la nostra. È grazie a Lui che anche noi possiamo risorgere. È grazie ancora a Lui che i popoli possono giungere alla conoscenza della verità e trovare salvezza, grazie a Lui la predicazione dei discepoli giunge fino agli ultimi confini della terra.

- La pace (shalom) è ciò che Cristo ha conquistato per noi sulla croce, distruggendo in se stesso l’inimicizia. È la riconciliazione degli uomini con Dio, tra di loro e con gli altri. Fare la Pasqua significa allora fare la pace con Dio, stringere vincoli nuovi di fraternità con tutti e aprirci con cuore nuovo a tutta l’umanità.

Alleluja: Cristo è veramente risorto ed è la nostra pace!

At 10,34.37-43
Col 3, 1-4
Gv 20,1-9

Auguri da P.T.


Ultima modifica il Giovedì, 05 Febbraio 2015 20:12
Altro in questa categoria: II Domenica di Pasqua - B »

Gli ultimi articoli

Conferenza Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

25-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Conferenza  Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

"Lo Spirito Santo è il protagonista della missione e noi, come missionari, siamo i collaboratori di Dio". Con queste parole...

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

25-05-2024 Notizie

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

“Ecco il faccio nuove tutte le cose” (Ap 21,5) Indetta da Papa Francesco, Roma ospita questo fine settimana, 25 e 26...

Solennità della Santissima Trinità / B - Dio uno e trino: Padre, Figlio e Spirito Santo

24-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Solennità della Santissima Trinità / B - Dio uno e trino: Padre, Figlio e Spirito Santo

Dt 4, 32-34.39-40; Sal 32; Rm 8,14-17; Mt 28,16-20 Le letture di questa Domenica dedicata alla Santissima Trinità ci immergono nella...

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

23-05-2024 Notizie

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

Direttamente da Bogotà, in Colombia, dove sta partecipando alla XIII Conferenza Regionale, il Superiore Generale dei Missionari della Consolata, padre...

Giuseppe Allamano sarà santo!

23-05-2024 Notizie

Giuseppe Allamano sarà santo!

Nell’udienza concessa questo giovedì 23 maggio 2024 al cardinale Marcello Semeraro, Prefetto del Dicastero delle Cause dei Santi, Papa Francesco...

Colombia: rivitalizzare la passione per la missione

22-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Colombia: rivitalizzare la passione per la missione

"Una sola comunità, una sola missione, una sola speranza" è il motto della XIII Conferenza regionale dei missionari della Consolata...

Tratta di persone: è una “pandemia globale"

22-05-2024 Notizie

Tratta di persone: è una “pandemia globale"

Assemblea Generale della Rete Internazionale contro il traffico di esseri umani Talitha Kum - sul tema: «In cammino insieme per...

Sudafrica-Eswatini: rafforzare la vita comunitaria

21-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Sudafrica-Eswatini: rafforzare la vita comunitaria

L'ottava Conferenza della Delegazione dei Missionari della Consolata in Sudafrica-Eswatini si è svolta presso il Pax Christi Centre, diocesi di...

Yanomami: Siamo ancora vivi

21-05-2024 Missione Oggi

Yanomami: Siamo ancora vivi

Dalla violenza totale alle azioni di emergenza. Durante l’incontro organizzato dal Centro Cultures and Mission (CAM) di Torino in Italia, il...

onlus

onlus