Brasile - Dedicato a Ovelário Tames una lapide e uno spazio verde

Vota questo articolo
(0 Voti)

Si è svolta questa mattina a Boa Vista, capitale dello stato brasiliano di Roraima, una solenne cerimonia con la quale è stato dedicato a Ovelário Tames, giovane indio macuxi, {mosimage}morto nel novembre del 1988 nella delegazione di polizia civile della cittadina di Normandia una targa ed uno spazio verde nella piazza centrale della città.

Alla cerimonia era presente a nome del governo brasiliano, il ministro della Segreteria dei Diritti Umani, Paulo Vannuchi, oltre ai rappresentanti del ministero degli esteri, della procura generale della repubblica, dell’Avvocazia Generale dell’Unione, della Presidenza della FUNAI, della Commissione Inter-Americana dei Diritti Umani, dell’ Organizzazione degli Stati Americani e la famiglia del giovane Ovelário.

Ventuno anni dopo, il governo brasiliano è stato obbligato a riconoscere il fatto e a implementare tutta una serie di azioni raccomandate dalla Commissione Interamericana dei Diritti Umani alla quale si erano rivolti il CIR(Consiglio Indigeno di Roraima) ed il Centro per la {mosimage}Giustizia ed il Diritto Internazionale nel 1995. Due anni dopo il caso fu accettato riconoscendo il governo brasiliano come responsabile dell’accaduto obbligandolo a compiere una serie di azioni tra cui figura l’obbligo di un’investigazione seria, imparziale e efficace che verifichi i fatti, le circostanze e punisca i colpevoli; riveda l’operato del ministero pubblico e dei giudici per scoprire eventuali omissioni ed inadempienze che possano aver fatto si che non fosse eseguita la condanna degli incriminati, ed infine paghi i danni arrecati ai famigliari dalle situazioni vissute.

Il documento oggi firmato dal governo brasiliano con la Commissione Interamericana dei Diritti Umani ha come fine la lotta all’intolleranza, all’impunità, alla discriminazione per costruire una relazione di rispetto attraverso alcune azioni concrete come l’aumento del numero di difensori pubblici, la costituzione di un balcone per i Diritti per aiutare i popoli indigeni nella conquista del loro posto nella società.

Ci si augura che le promesse fatte oggi dai vari intervenuti possano trovare la loro realizzazione con un intervento efficace e misure concrete nei prossimi mesi quando scadrà il termine nel quale tutti gli invasori dovranno aver lasciato la terra indigena Raposa Serra do Sol, riconosciuta come tale dal decreto presidenziale del 15 aprile 2005.

Ultima modifica il Giovedì, 05 Febbraio 2015 20:29

Gli ultimi articoli

La fondazione dell’Istituto: Un parto lungo dieci anni

22-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

La fondazione dell’Istituto: Un parto lungo dieci anni

Si avvicina il 24 aprile. Ci porta la memoria di S. Fedele da Sigmaringa e l'anniversario della richiesta fatta nel...

Leggi tutto

Padre Matteo Pettinari: “come buon pastore, si è speso per le sue pecore”

21-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Padre Matteo Pettinari: “come buon pastore, si è speso per le sue pecore”

Il missionario della Consolata italiano padre Matteo Pettinari, quarantaduenne, nato a Chiaravalle (Ancona) e cresciuto a Monte San Vito, è...

Leggi tutto

Il "missionario in cammino" padre Rubén López è andato incontro a Dio

21-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Il "missionario in cammino" padre Rubén López è andato incontro a Dio

Il missionario della Consolata padre Rubén Horacio López è morto la mattina del 19 aprile 2024 a Buenos Aires, in...

Leggi tutto

Venezuela: rara malattia continua a uccidere bambini Warao nel Delta Amacuro

19-04-2024 Notizie

Venezuela: rara malattia continua a uccidere bambini Warao nel Delta Amacuro

Il “barcone ospedale” è finalmente arrivato nella comunità di Nabasanuka martedì 16 aprile per assistere a nuovi casi di una...

Leggi tutto

Roraima: nuovi progressi per l'allevamento di bestiame nella Raposa Serra do Sol

17-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Roraima: nuovi progressi per l'allevamento di bestiame nella Raposa Serra do Sol

Il Centro di Formazione e Cultura Indigena presso l'ex Missione IMC di Surumu a Roraima, nord del Brasile, ha ospitato...

Leggi tutto

Ha visto la luce l’ultima fatica di padre Sandro Carminati

17-04-2024 Notizie

Ha visto la luce l’ultima fatica di padre Sandro Carminati

Presenta il libro «Cappuccini bresciani in Rezia» del padre Sandro Carminati, Missionario e studioso scomparso nel 2019 È stato presentato, il...

Leggi tutto

Suor Chiara Strapazzon: Consolatina-allamaniana puro sangue

17-04-2024 Triennio Allamano

Suor Chiara Strapazzon: Consolatina-allamaniana puro sangue

Suor Chiara Strapazzon nacque a Velai di Feltre (Belluno) il 13 aprile 1890 da santi genitori. Alla sua entrata nell’Istituto...

Leggi tutto

IV Domenica di Pasqua / B - “Io sono il Buon Pastore …”

16-04-2024 Domenica Missionaria

IV Domenica di Pasqua / B - “Io sono il Buon Pastore …”

61ª Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni At 4,8-12Sal 117I Gv 3,1-2Gv 10,11-18 La quarta Domenica di Pasqua è considerata la...

Leggi tutto

È morto all’età di 101 anni Padre Bianchi, il missionario della Consolata più anziano

15-04-2024 Notizie

È morto all’età di 101 anni Padre Bianchi, il missionario della Consolata più anziano

Descritto come un missionario appassionato e vivace, padre Antonio Bianchi, IMC, è mancato a Nairobi, Kenya, domenica 14 aprile 2024. Secondo...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus