Stato islamico: numeri, economia, alleanze e organigramma del movimento jihadista

Pubblicato in Notizie
Letto 3826 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto

L'alleanza proposta in questi giorni da Boko Haram mostra l'internazionalizzazione dello Stato islamico. Ecco, di seguito, una panoramica dell'organizzazione estremista sunnita. Da un articolo del quotidiano libanese in lingua francese L'Orient-Le Jour (Olj). 

Un "califfato" e 25 "province"

Lo Stato islamico il 29 giugno scorso ha annunciato la nascita di un califfato nei territori a cavallo di Siria e Iraq, due dei nove Paesi in cui il movimento islamista ha piantato le proprie radici. 

In totale, il gruppo rivendica 25 province (wilayat, in arabo) in Siria, Iraq, Libia, Yemen, Algeria, Arabia saudita, Egitto, Afghanistan e Pakistan. Ed è in Iraq, dove lo SI trae le sue origini, che il numero delle province è il più elevato: 10, in seguito alla creazione dei wilayats di Dijla e di Jazira nel febbraio scorso. Seguono poi la Siria (7) e la Libia (3). 

Secondo l'esperto di Medio oriente Pieter Van Ostaeyen, nel complesso circa otto milioni di persone vivono all'interno dei territori controllati dallo Stato islamico in Iraq e in Siria. In Libia, aggiunge, "i territori non sono così vasti e non sono sotto il completo controllo dei jihadisti". Louay al-Khatib, ricercatore associato al Brookings Institute, presenta una forbice più bassa "che va dai sei ai sette milioni di persone". Una popolazione vasta che obbliga i jihadisti, aggiunge il ricercatore, a "possedere una forza armata potente e numerosa". 

Lo Stato islamico, quanti uomini?

È davvero difficile valutare nel loro complesso le forze a disposizione dello SI, perché "non vi sono fonti affidabili per fornire una cifra esatta" sottolinea al-Khatib. "È un gruppo terrorista - ricorda ancora - non convenzionale, che conduce una guerra non convenzionale". Egli valuta il numero dei combattenti "circa 80mila", di cui "almeno 20mila stranieri". 

Per Pieter Van Ostaeyen, lo SI può contare su un numero di combattenti variabile fra i 60mila e i 70mila anche se "è molto difficile fornire una stima esatta". Se la grande maggioranza di essi si trova in Iraq e in Siria, "si può stimare fra i 1500 e i 2000" il numero dei jihadisti che hanno stretto alleanza con lo SI in Libia. Nella sola Siria, lo Stato islamico avrebbe a disposizione dai 40mila ai 45mila uomini, secondo quanto riferisce il direttore dell'Osservatorio siriano per i diritti umani Rami Abdel Rahmane.

Dalia Ghanem-Yazbeck, analista al Carnegie Middle East Center, è molto più prudente sul numero dei combattenti. "Se ci riferiamo al totale, saranno al massimo 25mila" afferma la studiosa, che chiede al contempo di "smetterla di sovrastimare il loro numero" perché "è come far loro pubblicità gratuita". 

Lo Si è ricco?

È allo stesso modo impossibile determinare le risorse finanziarie a disposizione dello Stato islamico, il quale ha messo le mani sulle ricchezze economiche delle regioni conquistate. Una di queste è il petrolio estratto dai pozzi in Siria e in Iraq. Secondo Van Ostaeyen "essi ne ricavano un gran quantitativo di denaro e lo vendono a chiunque sia disposto a comprarlo". 

A ottobre il sottosegretario americano al Tesoro responsabile degli affari legati al terrorismo e alle informazioni finanziarie David Cohen ha dichiarato che l'oro nero garantirebbe agli islamisti un milione di dollari al giorno. Ma questi numeri sono contestati da Louay al-Khatib, il quale ritiene che lo SI produca "un massimo di 50mila o 60mila barili al giorno"; una quantità insufficiente per soddisfare la domande "delle popolazioni sotto il suo giogo". 

Al petrolio, si aggiungono i proventi derivanti dalla vendita di reperti antichi, dai sequestri, dalle tasse e dalle estorsioni impose "ai commercianti locali, che devono pagare un balzello per mantenere aperti i loro negozi". 

Lo Stato islamico ha anche potuto servirsi degli istituti finanziari delle città conquistate come Mosul, dove le riserve delle banche in termini di liquidità erano di circa 400 milioni di dollari prima dell'offensiva. A riferirlo è Bachar Kiki, il capo del consiglio provinciale di Ninive, di cui Mosul è la capitale. 

Le risorse finanziarie, secondo Dalia Ghanem-Yazbeck, sono e saranno il nerbo di questa guerra. "Il giorno in cui - prevede la studiosa - lo Stato islamico non avrà più il denaro per finanziare la popolazione che amministra, allora essa gli si rivolterà contro". 

Come opera lo Stato islamico?

La struttura amministrativa dello Stato islamico è basata su quella di un qualunque Stato, con al suo vertice Abou Bakr al-Baghdadi, auto-proclamatosi califfo. Egli è assistito da una serie di vice "territoriali" e un comando militare. Baghdadi è al tempo stesso sostenuto da un consiglio della shura, che raggruppa gli alti vertici jihadisti e, secondo alcune informazioni, vi sono anche altri consigli specifici, che si occupano nel dettaglio di questioni militari, della sicurezza, economiche e mediatiche. 

Al contempo, lo Stato islamico è divenuto un maestro nell'arte della comunicazione grazie all'utilizzo sistematico delle nuove tecnologie. Esso è diventato "un marchio di fabbrica con una forza attrattiva, come la Coca Cola o Mc Donald's" spiega Dalia Ghanem-Yazbeck. "La sua vera forza è virtuale, su internet, su YouTube... A ogni sconfitta militare sul campo o quasi, essi pubblicano un video shock per fare in modo che si parli di loro. È  un modo di compensare la sconfitta militare attraverso la propaganda". 

Altro in questa categoria: Il cardinale dalla fine del mondo »

Gli ultimi articoli

Lasciarsi trasformare dell'ambiente

30-01-2023 Preghiera missionaria

Lasciarsi trasformare dell'ambiente

LEGGI Dio vide le loro opere, che cioè si erano convertiti dalla loro condotta malvagia, e Dio si ravvide riguardo al...

Leggi tutto

Chiusura del biennio sulla persona

30-01-2023 Notizie

Chiusura del biennio sulla persona

Il 28 gennaio è stata celebrata la conclusione del "Biennio sulla persona". Questa liturgia, diponibile per tutte le comunità IMC...

Leggi tutto

Mary Agnes. La vita con gli Yanomami

30-01-2023 I Nostri Missionari Dicono

Mary Agnes. La vita con gli Yanomami

Il sangue degli indigeni, il sangue Yanomami, scorre nelle vene di Suor Mary Agnes Njeri Mwangi, Missionaria della Consolata. È...

Leggi tutto

La missione che si confronta con la real…

30-01-2023 Missione Oggi

La missione che si confronta con la realtà

"Dio disse a Giona: «Ti sembra giusto essere così sdegnato per una pianta di ricino?». Egli rispose: «Sì, è giusto;...

Leggi tutto

La catastrofe... che si poteva evitare

30-01-2023 Missione Oggi

La catastrofe... che si poteva evitare

Il dottor André Siquiera, specialista in medicina tropicale, è arrivato nelle terre dove vivono gli indiani Yanomami lunedì 16 gennaio...

Leggi tutto

La missione esige audacia e creatività…

28-01-2023 I Nostri Missionari Dicono

La missione esige audacia e creatività. Anniversario della fondazione dei Missionari e Missionarie della Consolata

Solo sei mesi fa abbiamo celebrato il centenario della conferenza di Murang’a che ha tratteggiato alcuni aspetti fondamentali del nostro...

Leggi tutto

IV Domenica del tempo ordinario (Anno A)…

26-01-2023 Domenica Missionaria

IV Domenica del tempo ordinario (Anno A). Beati Voi

Sof 2,3; 3,12-13;Sal 145;1Cor 1,26-31;Mt 5,1-12. Nella pagina evangelica, San Matteo ci presenta, in modo molto solenne, le beatitudini che sono...

Leggi tutto

Resistere alla tentazione della violenza

24-01-2023 Notizie

Resistere alla tentazione della violenza

La sera del 22 gennaio 2023 «è stato brutalmente ammazzato a colpi di arma da fuoco Thulani Maseko, avvocato per...

Leggi tutto

Mai più senza di noi. Il primo ministro…

23-01-2023 Notizie

Mai più senza di noi. Il primo ministro indigeno nella storia del Brasile

Un evento senza precedenti in Brasile: Sonia Guajajara è la prima donna indigena ad essere nominata ministro nella storia del...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus