Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”

Pubblicato in Notizie

Papa Francesco ha lanciato un nuovo, deciso appello alla comunità internazionale perché “non assista muta e inerte” di fronte all’ “inaccettabile crimine” dei “nostri fratelli e delle nostre sorelle, perseguitati, esiliati, uccisi, decapitati per il solo fatto di essere cristiani”. Tale crimine “costituisce una preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. Scostandosi dal testo scritto, ha ripetuto: “Auspico veramente che la comunità  internazionale non rivolga il suo sguardo da un’altra parte”.

Solo in questa settimana per ben sei volte (alla Messa delle Palme, alla catechesi del mercoledì, alla Via crucis, alla Veglia Pasquale, al Messaggio Urbi et orbi e oggi) il pontefice è ritornato a ricordare il martiro dei cristiani insieme all’indifferenza della comunità internazionale sul loro destino. L’occasione è stata data dal pellegrinaggio del Movimento Shalom, conclusosi oggi a Roma, che vuole “sensibilizzare l’opinione pubblica sulle persecuzioni dei cristiani nel mondo”. A loro il papa si è rivolto alla fine della preghiera del Regina Caeli, con un’esortazione: “Il vostro itinerario sulle strade è finito, ma deve continuare da parte di tutti il cammino spirituale di preghiera intensa, di partecipazione concreta e di aiuto tangibile in difesa e protezione dei nostri fratelli e delle nostre sorelle, perseguitati, esiliati, uccisi, decapitati per il solo fatto di essere cristiani. Loro sono i nostri martiri di oggi e sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”.

Prima della preghiera mariana – che durante il tempo pasquale sostituisce l’Angelus – Francesco ha commentato il vangelo della messa di oggi (Mt 28,8-15), dove si parla delle donne al sepolcro, dell’annuncio dell’angelo e dell’incontro di Gesù risorto con le donne, alle quali Egli affida il messaggio “Andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno” (v. 10).

“La Galilea – ha spiegato - è la ‘periferia’ dove Gesù aveva iniziato la sua predicazione; e di là ripartirà il Vangelo della Risurrezione, perché sia annunciato a tutti, e ognuno possa incontrare Lui, il Risorto, presente e operante nella storia”. “Anche oggi – ha aggiunto a braccio - Lui è con noi qui in piazza”.

“Questo dunque è l’annuncio che la Chiesa ripete fin dal primo giorno: “Cristo è risorto!”. E, in Lui, per il Battesimo, anche noi siamo risorti, siamo passati dalla morte alla vita, dalla schiavitù del peccato alla libertà dell’amore. Ecco la buona notizia che siamo chiamati a portare agli altri e in ogni ambiente, animati dallo Spirito Santo”.

“La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!” E rivolgendosi alla folla, ha detto: “Ripetiamolo tutti insieme oggi: Cristo è risorto! Un’altra volta: Cristo è risorto! Ripetiamolo con le parole, ma soprattutto con la testimonianza della nostra vita”.

“Noi – ha spiegato - annunciamo la risurrezione di Cristo quando la sua luce rischiara i momenti bui della nostra esistenza e possiamo condividerla con gli altri; quando sappiamo sorridere con chi sorride e piangere con chi piange; quando camminiamo accanto a chi è triste e rischia di perdere la speranza; quando raccontiamo la nostra esperienza di fede a chi è alla ricerca di senso e di felicità. Con la nostra vita, con tutta l’anima, lì diciamo: Gesù è risorto!”.

E invitando i fedeli a recitare il Regina Caeli, ha concluso: “Domandiamo alla Vergine Madre, silenziosa testimone della morte e risurrezione del suo Figlio, di accrescere in noi la gioia pasquale… La nostra gioia è un riflesso della gioia di Maria, perché è Lei che ha custodito e custodisce con fede gli eventi di Gesù. Recitiamo dunque questa preghiera con la commozione dei figli che sono felici perché la loro Madre è felice”.

 

Ultima modifica il Mercoledì, 08 Aprile 2015 18:45
Altro in questa categoria: Il Vangelo di Pasqua »

Gli ultimi articoli

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

17-07-2024 Domenica Missionaria

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

Ger 23,1-6; Sal 22; Ef 2,13-18; Mc 6,30-34 Nel vangelo Marco ci presenta Gesù come un vero pastore il cui sguardo ...

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

17-07-2024 Allamano sarà Santo

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

In continuità con il percorso spirituale proposto dalle due Direzioni Generali IMC - MC e in preparazione alla canonizzazione del...

Missionari laici della Consolata in Venezuela

16-07-2024 Missione Oggi

Missionari laici della Consolata in Venezuela

Prima di tutto vogliamo essere grati a Dio, alla Chiesa e ai Missionari della Consolata; la gratitudine è la nostra...

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

16-07-2024 Notizie

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

Una regione del Paese africano alla mercé della guerriglia islamista C’era ottimismo a Maputo, la capitale mozambicana. La guerriglia a Cabo...

Giustizia Riparativa e la “pedagogia allamaniana”

15-07-2024 Missione Oggi

Giustizia Riparativa e la “pedagogia allamaniana”

La Corte di Giustizia dello Stato del Paraná (Brasile) ha tenuto dal 3 al 5 luglio l'incontro sulla Giustizia Riparativa...

Perù: prima assemblea dei popoli nativi

14-07-2024 Missione Oggi

Perù: prima assemblea dei popoli nativi

I rappresentanti dei popoli nativi dell'Amazzonia peruviana, insieme ai missionari, si sono riuniti nella Prima Assemblea dei Popoli Nativi, che...

Padre James Lengarin festeggia 25 anni di sacerdozio

13-07-2024 Notizie

Padre James Lengarin festeggia 25 anni di sacerdozio

La comunità di Casa Generalizia a Roma festeggerà, il 18 luglio 2024, il 25° anniversario di ordinazione sacerdotale di padre...

Nei panni di Padre Giuseppe Allamano

13-07-2024 Allamano sarà Santo

Nei panni di Padre Giuseppe Allamano

L'11 maggio 1925 padre Giuseppe Allamano scrisse una lettera ai suoi missionari che erano sparsi in diverse missioni. A quel...

Un pellegrinaggio nel cuore del Beato Giuseppe Allamano

11-07-2024 Allamano sarà Santo

Un pellegrinaggio nel cuore del Beato Giuseppe Allamano

In una edizione speciale interamente dedicata alla figura di Giuseppe Allamano, la rivista “Dimensión Misionera” curata della Regione Colombia, esplora...

onlus

onlus