II Domenica Avvento - Anno B

Pubblicato in Domenica Missionaria

Is 40,1-5.9-11 | Sal 84 | 2Pt 3,8-14 | Mc 1,1-8
"Voce di uno che grida nel deserto: preparate la strada del Signore, raddrizzate i suoi sentieri".

Canto al Vangelo:
Alleluia, alleluia.
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri!
Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!

Il tema della seconda domenica è la Consolazione a quelli che lasciano le gioie terrene per avere quelle spirituali. “Consolate, il mio popolo” .

Il vangelo è quello secondo Marco, del quale si legge oggi la prima pagina (capitolo 1,1-8). Dopo l'espressione che può considerarsi il titolo dello scritto ("Vangelo di Gesù Cristo, Figlio di Dio"), l'evangelista presenta subito la figura di Giovanni Battista, "voce che grida nel deserto" per proclamare imminente l'avvento del Messia, da secoli annunciato e atteso. In questi giorni ricorrerà la festa dell'Immacolata, che richiamerà l'attenzione sulla Madre del Messia. E così, quest'anno il calendario porta ad accostare le due figure principali tra quante hanno preparato la venuta del Messia, e che perciò la liturgia pone al centro dell'Avvento.

La Madonna e il Battista.

Li qualifica la nobiltà della loro missione, in vista della quale Dio li ha esentati dal peccato originale. Per quanto riguarda Maria, questo privilegio è noto: lo si celebra appunto nella sua festa in questi giorni; circa Giovanni, è da sempre nella tradizione della Chiesa, che in tal senso interpreta alcuni passi della Scrittura e perciò di lui - unico tra i santi, a parte lo stesso Gesù e sua Madre - celebra non solo la "nascita al cielo", il 29 agosto = martirio, cioè il passaggio da questa all'altra vita, ma anche, il 24 giugno, la nascita terrena.

La missione di Maria e di Giovanni in rapporto alla venuta del Messia non poteva essere più grande: l'una lo ha fisicamente generato; l'altro ne ha preparato la manifestazione al mondo e l'ha individuato e presentato. Maria e Giovanni hanno così dato compimento alle profezie che da secoli annunciavano al popolo eletto la divina promessa di un Salvatore: profezie di cui è esempio quella di Isaia (40,1-11), proclamata nella prima lettura di oggi.

Ma come sempre la liturgia non si limita a contemplare: essa è fatta apposta per coinvolgere chi vi partecipa, perché si lasci afferrare da Chi vuole soltanto il bene dei suoi seguaci.

La prima lettura di Isaia presenta il Messia nella tenera immagine del pastore premuroso, che "porta gli agnellini sul seno e conduce pian piano le pecore madri". Non si può non ricordare come questa immagine si sia concretizzata in Gesù: "Sono io il buon pastore. Chi segue me non cammina nelle tenebre, ma avrà la luce della vita".  La carità fraterna materiale, intellettuale e spirituale

La seconda lettura (2Pietro 3,8-14) ricorda “che Dio è magnanimo, perché non vuole che alcuno si perda, ma che tutti abbiano modo di pentirsi”, prima della fine dei tempi, quando gli eletti vivranno con lui in " cieli nuovi e terra nuova". L'Avvento che si sta celebrando, cioè la contemplazione ammirata del grandioso piano di salvezza, predisposto da Dio per il bene dell'umanità. La Chiesa ce lo presenta; dobbiamo farlo nostro.

Il Vangelo ci fa intendere che si riceve il Messia con l’umiltà di Giovanni: “Dopo di me viene colui che è più forte di me … non sono degno di slegare i suoi sandali … egli vi battezzerà in Spirito Santo”. L’umiltà apre la porta del nostro cuore a Gesù, se il cuore è sgombro dei piaceri mondani e terreni e dai desideri egoistici personali.

La Madonna si dichiara  “la serva del Signore”; Giovanni si dice “non essere neppure degno di  servire il Signore slacciandogli i sandali”. Se noi, di fronte alle nostre innumerevoli manchevolezze riusciremo a svuotare il nostro cuore della superbia del nostro io, saremo pronti anche a ricevere il Messia, il Figlio di Dio, fatto uomo.

Altro in questa categoria: III Domenica Avvento - Anno B »

Gli ultimi articoli

Un pellegrinaggio nel cuore del Beato Giuseppe Allamano

11-07-2024 Allamano sarà Santo

Un pellegrinaggio nel cuore del Beato Giuseppe Allamano

In una edizione speciale interamente dedicata alla figura di Giuseppe Allamano, la rivista “Dimensión Misionera” curata della Regione Colombia, esplora...

XV Domenica del TO / B - “Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due"

10-07-2024 Domenica Missionaria

XV Domenica del TO / B - “Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due"

Am 7, 12-15; Sal 84; Ef 1, 3-14; Mc 6, 7-13 La prima Lettura e il Vangelo sottolineano che la chiamata...

"Camminatori di consolazione e di speranza"

10-07-2024 I Nostri Missionari Dicono

"Camminatori di consolazione e di speranza"

I missionari della Consolata che operano in Venezuela si sono radunati per la loro IX Conferenza con il motto "Camminatori...

Un faro di speranza per le persone che vivono per strada

10-07-2024 Missione Oggi

Un faro di speranza per le persone che vivono per strada

I Missionari della Consolata dell'Argentina accompagnano le “Case di Cristo” a “Villa Soldati” Nel cuore di Villa Soldati, a Buenos Aires...

Santo (in punta di piedi)

09-07-2024 Allamano sarà Santo

Santo (in punta di piedi)

Il 23 maggio scorso la sala stampa del Vaticano annunciava che papa Francesco aveva approvato l’avvenuto miracolo della guarigione dell’indigeno...

Il Papa: la democrazia non gode di buona salute, serve creatività per il futuro

08-07-2024 Notizie

Il Papa: la democrazia non gode di buona salute, serve creatività per il futuro

Nel primo discorso presso il Centro Congressi di Trieste, Francesco sottolinea che “l’indifferenza è un cancro della democrazia”, forte l’invito...

Venezuela: Consolazione e missione nella periferia

07-07-2024 I Nostri Missionari Dicono

Venezuela: Consolazione e missione nella periferia

In questo mese di luglio è in programma la Conferenza della Delegazione IMC Venezuela con la partecipazione del Superiore Generale...

Allamano Santo: L'arcivescovo di Cuiabá esprime gioia!

06-07-2024 Notizie

Allamano Santo: L'arcivescovo di Cuiabá esprime gioia!

L'arcivescovo di Cuiabá, mons. Mário Antônio da Silva, ha inviato un messaggio ai missionari e alle missionarie della Consolata, esprimendo...

Etiopia: la Chiesa è dalla parte del popolo che soffre

05-07-2024 Notizie

Etiopia: la Chiesa è dalla parte del popolo che soffre

“Abbiamo ringraziato il Papa per il suo appoggio durante le guerre e i conflitti nel Paese, siamo una minoranza ma...

onlus

onlus