Colombia: Convegno Missionario Interculturale

Centro Missione e Cultura Giuseppe Allamano di Bogotá, Colombia Centro Missione e Cultura Giuseppe Allamano di Bogotá, Colombia Foto: Comunicazione IMC Bogotá
Pubblicato in Missione Oggi

“Siamo indigeni, afrodiscendenti, amazzonici, cittatini, sacerdoti e laici…”

Un programma di teologia e prassi missionaria vissuta dai Missionari della Consolata in Colombia. Questo è stato il tema del Convegno Missionario Interculturale celebrato presso il Centro Missione e Cultura Giuseppe Allamano di Bogotá, dal 7 al 10 giugno 2024.

Il Convegno

Una categoria filosofica e antropologica che ci ha permesso di riunire persone che rappresentano popolazioni e territori diversi e di riunirle nello stesso luogo per tre giorni.

Siamo tutti figli di un incontro umano, quindi fratelli e sorelle, e siamo nati per andare incontro agli altri che siano uguali e diversi. Questo ci qualifica come naturalmente chiamati (vocazione) e inviati (missionari).

Tutti i partecipanti, accompagnati da un coordinatore generale, il padre Salvador Medina, da un facilitatore permanente, il padre Juan Gabriel Acosta, e da una coordinatrice meticolosa, Leidy Paola Paredes, sono stati convocati dal Superiore Regionale dei Missionari della Consolata, padre Venanzio Mwangi Munyiri, dai parroci e dai coordinatori delle diverse opzioni missionarie in Colombia. Tutti abbiamo risposto alla chiamata, abbiamo lasciato i nostri spazi ordinari, abbiamo viaggiato e ci siamo incontrati, ci siamo riconosciuti, abbiamo vissuto insieme, abbiamo interagito e alla fine ci siamo salutati per tornare ai nostri luoghi di origine.

20240618Colombia4

Interculturale

Concetto antropologico che ci pone in una dinamica “inter”, ci ricorda che siamo individui, ma non soli, che esistiamo legati dai fili delle culture che intrecciamo, in spazi o territori diversi, per coesistere bene. Provenendo da contesti culturali diversi, entriamo in questa dinamica “inter” che mette le culture in scambio per il “buon vivere” di tutti: scambio di identità e personalità, di conoscenze attuali e saggezza ancestrale, di beni e prodotti, di riti e spiritualità, di norme e tradizioni, di usi e costumi.

Per tre giorni abbiamo tessuto, con dinamiche interculturali, una nuova cultura mescolata a lacrime di dolore trasformate in sofferenza per mancanza di riconoscimento, perdono, riconciliazione e riparazione, a canti di gratitudine e gioia, a danze e pasti di speranza e utopia, all'Eucaristia di una tavola allargata e inculturata.

Missionari della Consolata

Istituzione o organizzazione religiosa missionaria, fondata nel 1901 nella città di Torino, nell'Italia settentrionale, presso il Santuario di Nostra Signora della Consolata, con Giuseppe Allamano come Rettore e Fondatore. Presente in Colombia dal 1947, essendo entrata attraverso il porto di Buenaventura il 12 dicembre, festa di Nostra Signora di Guadalupe. Incontro provvidenziale, quel giorno, tra i discendenti di quell'Africa che abitava i cuori dei Missionari e che qui li attendeva; tra la Consolata che accompagnava chi sbarcava e la “Morenita del Tepeyac”, Guadalupana, che era qui. Padre Ezio Roattino che qui, in mezzo al popolo Nasa del Cauca, si è trasfigurato in “Pal Ezio Guadalupe Roattino”.

20240618Colombia3

Messa presieduta dal Superiore Regionale, padre Venezio Mwangi, presso la parrocchia Madre delle Missioni di Bogotà

Durante il Convegno ci siamo resi conto di qualcosa che già sapevamo perché, in qualche modo, lo avevamo già sperimentato. Siamo tutti missionari e la missione, in ogni luogo o territorio, è portata avanti da tutti noi: sacerdoti, diaconi, religiosi e religiose, laici e laiche, sposati e celibi, giovani, adulti, bambini e anziani. Ognuno ha fatto la sua parte.

Ma la novità è stata che, per la prima volta, ci siamo visti tutti insieme, ci siamo riconosciuti dalla Consolata e ci siamo visti così diversi e così simili, così lontani e così vicini che ci siamo abbracciati, ci siamo consolati, abbiamo riso a crepapelle e abbiamo cantato e sognato pregando in silenzio. Siamo stati sopraffatti dalla gioia e inebriati, fino alle lacrime di gratitudine, mentre ci salutavamo.

Ci siamo impegnati a seminare la coccarda, piena di semi, a coltivare la pianta e a farla crescere, mantenendo il gruppo WhatsApp e programmando il prossimo o i prossimi incontri, nazionali o regionali, a partire da quest'anno.

Siamo indigeni, afrodiscendenti, amazzonici, cittatini, sacerdoti e laici. Siamo partiti come Missionari della Consolata, con volti diversi, ministeri diversi e un unico carisma nel cuore, lo stesso carisma che ci ha trasmesso il padre, maestro e formatore Giuseppe Allamano. Ci riconosciamo come corpo e vogliamo continuare la missione, interconnessi e sinodalmente articolati, in "esprit de corps".

Centro di Missione e Cultura Giuseppe Allamano

Questo luogo è nato come Centro di Animazione Missionaria (CAM) negli anni '70, per l'animazione missionaria della Chiesa colombiana, delle parrocchie, dei gruppi e dei movimenti, della Vita Consacrata, dell'Istituto stesso e della società in generale. Il suo nome è stato aggiornato come “Centro per la Missione e le Culture”, per accompagnare la riflessione e la formazione missionaria. Oggi ospita l'Animazione Missionaria Giovanile e Vocazionale, la Comunicazione Regionale e il Centro di Solidarietà Missionaria.

20240618Colombia5

Questo Convegno è diventato, quindi, una rinnovata alleanza tra: 1). la Direzione Regionale, ufficialmente rappresentata dalla presenza e dalla partecipazione attiva e integrale di padre Venanzio Mwangi, Superiore Regionale; 2). Padre Elias Libanda e padre Francis Shau, dalla Tanzania - Africa, coordinatori dell'opzione afro, illuminata teoricamente dal professore brasiliano Sandrio Candido; padre Calos Zuluaga dell'opzione Indigena che, inoltre, l'ha illuminata con la sua conferenza; padre Angelo Casadei dell'Amazzonia, che è entrato e ci ha salutato mentre si recava in Bolivia per partecipare all'XI Forum Sociale Panamazzonico - 2024 e Ruth Sanchez della Federazione delle Donne di Sucumbios, Ecuador, che ci ha illuminato con la sua testimonianza di oltre 20 anni di costruzione della Chiesa di San Miguel de Sucumbios, insieme al vescovo carmelitano, mons. Gonzalo Lopez Marañon; padre Jairo Calderon, illuminatore della missione nelle città; 3). il Centro Missione e Culture e la Casa Regionale IMC che hanno coperto tutta la logistica; 4). il Centro de Solidaridad Misionera, che ha finanziato e accompagnato con la presenza e la partecipazione attiva di Leidy Paola Paredes, la sua coordinatrice esecutiva.

Celebriamo questa nuova alleanza e includiamo i padri Leonel Narváez con le sue proposte di perdono e riconciliazione e Francisco Pinilla con la sua speranza nella “pedagogia della cura allamana”, per far risorgere le montagne di ossa secche, di cui ha profetizzato Ezechiele 37,4-7, riempiendole di vita.

* A cura dell'équipe di comunicazione della Regione IMC Colombia.

20240618Colombia

Ultima modifica il Mercoledì, 19 Giugno 2024 11:11

Gli ultimi articoli

XV Domenica del TO / B - “Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due"

12-07-2024 I Nostri Missionari Dicono

XV Domenica del TO / B - “Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due"

Am 7, 12-15; Sal 84; Ef 1, 3-14; Mc 6, 7-13 La prima Lettura e il Vangelo sottolineano che la chiamata...

Un pellegrinaggio nel cuore del Beato Giuseppe Allamano

11-07-2024 Allamano sarà Santo

Un pellegrinaggio nel cuore del Beato Giuseppe Allamano

In una edizione speciale interamente dedicata alla figura di Giuseppe Allamano, la rivista “Dimensión Misionera” curata della Regione Colombia, esplora...

"Camminatori di consolazione e di speranza"

10-07-2024 I Nostri Missionari Dicono

"Camminatori di consolazione e di speranza"

I missionari della Consolata che operano in Venezuela si sono radunati per la loro IX Conferenza con il motto "Camminatori...

Un faro di speranza per le persone che vivono per strada

10-07-2024 Missione Oggi

Un faro di speranza per le persone che vivono per strada

I Missionari della Consolata dell'Argentina accompagnano le “Case di Cristo” a “Villa Soldati” Nel cuore di Villa Soldati, a Buenos Aires...

Santo (in punta di piedi)

09-07-2024 Allamano sarà Santo

Santo (in punta di piedi)

Il 23 maggio scorso la sala stampa del Vaticano annunciava che papa Francesco aveva approvato l’avvenuto miracolo della guarigione dell’indigeno...

Il Papa: la democrazia non gode di buona salute, serve creatività per il futuro

08-07-2024 Notizie

Il Papa: la democrazia non gode di buona salute, serve creatività per il futuro

Nel primo discorso presso il Centro Congressi di Trieste, Francesco sottolinea che “l’indifferenza è un cancro della democrazia”, forte l’invito...

Venezuela: Consolazione e missione nella periferia

07-07-2024 I Nostri Missionari Dicono

Venezuela: Consolazione e missione nella periferia

In questo mese di luglio è in programma la Conferenza della Delegazione IMC Venezuela con la partecipazione del Superiore Generale...

Allamano Santo: L'arcivescovo di Cuiabá esprime gioia!

06-07-2024 Notizie

Allamano Santo: L'arcivescovo di Cuiabá esprime gioia!

L'arcivescovo di Cuiabá, mons. Mário Antônio da Silva, ha inviato un messaggio ai missionari e alle missionarie della Consolata, esprimendo...

Etiopia: la Chiesa è dalla parte del popolo che soffre

05-07-2024 Notizie

Etiopia: la Chiesa è dalla parte del popolo che soffre

“Abbiamo ringraziato il Papa per il suo appoggio durante le guerre e i conflitti nel Paese, siamo una minoranza ma...

onlus

onlus