Padre Martín Serna, Giubileo sacerdotale: “Ho imparato a essere missionario all'università della vita”

Celebrazione del Giubileo sacerdotale di padre Martín Serna Celebrazione del Giubileo sacerdotale di padre Martín Serna Foto: Milena Ferreira
Published in I missionari dicono

Il missionario della Consolata colombiano, padre José Martín Serna Jurado, ha festeggiato il suo 25° anniversario di sacerdozio, un quarto di secolo vissuto tra Africa e Amazzonia brasiliana.

La sera di mercoledì 13 marzo, la comunità San Michele dell’Area Missionaria Famiglia de Nazaret nella periferia di Manaus (Brasile) ha ospitato la celebrazione eucaristica di ringraziamento per il 25° anniversario di sacerdozio di padre José Martín Serna Jurado, IMC, maestro dei novizi a Manaus e vicario parrocchiale di quell’Area missionaria.

In questo angolo dell’Amazzonia che lo ha accolto negli ultimi anni, assistito anche dalla benedizione di Dio che poco prima della celebrazione ha fatto cadere una forte pioggia, il missionario ha espresso la sua gioia condividendo il racconto dei vari passi della sua vita religiosa e sacerdotale.

José Martín Serna è nato a Marulanda, Caldas, Colombia, l'11 gennaio 1968. Figlio di Luiz Eduardo Serna (in memoriam) e Maria Nely Jurado, una famiglia di otto fratelli. È stato battezzato due giorni dopo la nascita nella chiesa della Madonna della Misericordia di Marulanda, dove ha fatto il chierichetto, ha studiato catechesi e ha ricevuto i sacramenti.

20240316Martin5

  Padre Martín Serna celebra il suo Giubileo sacerdotale nella comunità San Michele a Manaus. Foto: Júlio Caldeira

Successivamente compie i suoi studi presso la scuola Fra Cardona a Marulanda e, ispirato dall'esempio di suo cugino, padre Ariel Granada, missionario della Consolata ucciso in Mozambico nel 1991, e dall'esempio della mamma, entra nel Propedeutico all'età di 19 anni. Studia poi filosofia a Bogotá, conclude il suo Noviziato a Bucaramanga (Colombia) e poi la teologia a Roma (Italia). Ha fatto la sua professione religiosa perpetua il 9 gennaio 1994 a Bucaramanga ed è stato ordinato sacerdote il 13 marzo 1999 nel Santuario della Madonna di Fatima a Manizales (Colombia). Dalla Colombia viene quindi inviato in missione in Costa d’Avorio (Africa)

Dopo 19 anni di brillante lavoro missionario in Costa d'Avorio, nel 2020 è nominato maestro dei novizi presso il Noviziato continentale San Oscar Romero e vicario parrocchiale dell'Area Missionaria Famiglia di Nazaret a Manaus, nel cuore dell'Amazzonia brasiliana.

Nell’intervista riportata qui sotto, il religioso ci parla della sua vita missionaria e sacerdotale.

Padre Martín, cosa l'ha spinta a diventare un sacerdote missionario?

Il Vangelo scelto per la celebrazione della mia ordinazione era la chiamata di Gesù ai suoi discepoli. Mia madre è sempre stata un esempio per me, soprattutto per quanto riguarda la vita di fede. Ricordo anche molto bene la chiamata di Dio nella mia vita, in gioventù, attraverso mio cugino missionario della Consolata [padre Ariel Granada]. Dio si è servito di lui per chiamarmi. Stavo vivendo tranquillamente la mia vita nella mia comunità, svolgendo i miei affari nella cittadina di Marulanda. Ma un giorno padre Ariel mi disse che sperava tanto che anch’io potessi diventare un apostolo di Gesù.

20240316Martin3

Padre Matrín Serna ringrazia Dio e la comunità in occasione della celebrazione del suo 25° anniversario di sacerdozio. Foto: Milena Ferreira

Poi quando lui è stato ucciso in Mozambico (15/02/1991), ho sentito le sue parole diventare realtà nella mia vita. Volevo continuare la missione che lui aveva iniziato. Allora è stato proprio Dio che attraverso l'azione dello Spirito Santo, mi ha messo in cammino alla ricerca della consacrazione a Lui nella vita missionaria. Sono sempre stato ispirato dalle parole del nostro Fondatore [il beato Allamano] che diceva: "Prima santi, poi missionari". Queste parole sono diventate la mia ispirazione per tutta la mia vita.

E come sei finito in Africa?

Durante la mia formazione con i Missionari della Consolata, ho sempre avuto il sogno di lavorare fuori dalla mia patria, nel Continente africano, come ha fatto mio cugino Ariel. Avevo lavorato e studiato bene in Colombia, Italia e Argentina, ma c'era sempre quel suggerimento da Dio: "Africa". Ed è quello che ho chiesto quando ho scritto la lettera al Superiore [Generale] per essere ordinato: "Sono molto contento di lavorare in Argentina, ma mi piacerebbe andare in Africa".

Il 13 marzo 1999 sono stato ordinato sacerdote a Manizales, nel Santuario della Madonna di Fatima. Poi ho ricevuto la grande notizia che ero stato destinato come missionario in Costa d'Avorio. Così ho avuto la grazia di realizzare il mio grande sogno. Dopo un certo periodo di studio della lingua francese in Canada, sono partito per la Costa d'Avorio, dove ho vissuto come missionario per 19 anni come vicario, parroco, animatore missionario e formatore. Sono molto grato alle comunità africane in cui ho vissuto, perché mi hanno formato come missionario e come sacerdote così come sono oggi.

Lei dice di aver imparato molto in Africa, la sua "università della vita". Cosa l'ha colpita di più durante la missione in Costa d'Avorio?

Quando si studia nelle grandi università, si imparano molte cose. Ho studiato in Colombia e a Roma alla Gregoriana, specializzandomi anche in spiritualità. Ma quando sono arrivata in Africa, sono entrata nell'"università della vita". Questa università non è fatta di professori famosi, ma di uomini e donne sagge che ci danno la loro testimonianza di vita e, direttamente e indirettamente, ci formano per la missione.

Ho ancora nella mente e nel cuore le belle visite che facevo nei villaggi. Andavo il mercoledì e tornavo la domenica. Quanti incontri belli e quante lezioni ho imparato! Quando vedevo le persone semplici che camminavano per due, tre o quattro ore per arrivare alla celebrazione, la loro vita di sacrificio e di fede incoraggiava davvero il mio spirito missionario e mi dicevo: "Se loro si impegnano così tanto, io devo impegnarmi ancora di più".

20240316Martin2

Quali atteggiamenti deve avere un missionario?

Una delle prime cose che un missionario fa quando arriva in un posto è sforzarsi di imparare la lingua, la cultura e i costumi, anche se deve dedicare a questo i primi due o tre anni. È bello e significativo sentirsi dire dalla gente, dopo tutto quello che hai vissuto e fatto: "padre, sei uno di noi!".

Entrando nella realtà delle persone, si è in grado di evangelizzare efficacemente. Oggi sono grato per tutto quello che ho imparato in missione. Ho studiato molte cose nelle università in Colombia e in Italia, ma ho imparato a essere missionario nell'"università" della vita, con l'esempio e gli insegnamenti delle sagge signore della missione in Costa d'Avorio, come da bambino avevo imparato con mia mamma in Colombia.

La missione non è facile, le responsabilità da assumere sono anche tante, ma quando si lavora in comunione, si vive molto meglio.

E dopo l'Africa, come è stata la sua vita negli ultimi anni?

Dopo quasi 20 anni in Africa, ho trascorso un anno in Colombia e gli ultimi tre qui in Brasile. Ho imparato la lingua e i costumi qui, e sto ancora imparando molto. Sono sempre aperto a condividere la mia fede e la mia vita con chi incontro, soprattutto qui nell'Area Missionaria Famiglia di Nazaret e nel Noviziato.

Ma anche nelle comunità indigene, (nella zona) che sono realtà uguali o simili a quelle africane. Per fare questo, è importante mantenere dei buoni atteggiamenti, tra i quali la pazienza. È una cosa che chiedo sempre al Signore, il dono della pazienza, dell'ascolto e poi la capacità di aiutare in qualsiasi modo sia necessario, con la testimonianza di vita.

Un'altra cosa importante nella mia vita di sacerdote è la puntualità. Ad ogni appuntamento cerco sempre di arrivare 30 minuti prima perché c'è sempre qualcosa da organizzare o qualcuno che vuole parlare. Questo mi ha aiutato molto nella mia missione, per capire le persone e le realtà in cui mi trovo. Dovremmo sempre chiedere questa grazia della puntualità e della disponibilità a stare con la gente.

20240316Martin6

Per concludere, quale messaggio ci lascerebbe?

Potrei raccontarvi molte altre cose, perché ho tanti ricordi di questi 25 anni. Ma vorrei ripetere un gesto che ho fatto durante la mia prima omelia nella mia comunità natale di Marulanda.

Ricordo che c'erano molte persone "importanti", autorità civili e altre persone importanti della società e della comunità. Ma ho iniziato ringraziando tutte le persone che hanno vissuto con me, che mi hanno conosciuto come "negrito" e che mi hanno accompagnato durante tutti gli anni di preparazione al sacerdozio.

Nella loro semplicità, queste persone hanno segnato e continuano a segnare la mia vita, proprio come state facendo voi ora. Tutti abbiamo bisogno di persone che ci aiutino e ci accompagnino. Per questo diamo valore alle buone amicizie e agli esempi che riceviamo nella vita, per poter essere buoni e perseverare nella vocazione che Dio ci ha dato. Perciò, grazie di cuore per aver fatto parte della mia vita missionaria e sacerdotale.

* Padre Júlio Caldeira, IMC, missionario in Amazzonia.

Last modified on Saturday, 16 March 2024 10:00

Gli ultimi articoli

Significato della canonizzazione del Beato Allamano nel mese di ottobre

22-07-2024 Allamano sarà Santo

Significato della canonizzazione del Beato Allamano nel mese di ottobre

Il 01 luglio 2024, il Santo Padre, Papa Francesco, ha annunciato la data prevista per la canonizzazione del Beato Giuseppe...

IV Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani

22-07-2024 Notizie

IV Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” (cfr. Sal 71,9) La Chiesa celebra, domenica 28 luglio 2024, la IV Giornata Mondiale dei Nonni e...

Genocidio in Ruanda: trent’anni dopo

22-07-2024 Notizie

Genocidio in Ruanda: trent’anni dopo

Il Paese a trent’anni dal genocidio. Intervista a don Oscar Kagimbura, segretario generale di Caritas Ruanda Trent’anni fa, il 16 luglio...

Eritrea. Trent’anni di Afewerki

21-07-2024 Notizie

Eritrea. Trent’anni di Afewerki

I rapporti tra il paese del Corno d’Africa e l’Italia L’Italia e l’Eritrea tornano amiche? Quale senso ha il riavvicinamento del...

Padre Lengarin: “25 anni di un Servizio al Dio della Moltiplicazione”

19-07-2024 I missionari dicono

Padre Lengarin: “25 anni di un Servizio al Dio della Moltiplicazione”

“Ci sono due immagini che mi hanno sempre accompagnato nel mio sacerdozio. La prima è l'immagine del pastore, profondamente legata...

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

17-07-2024 Domenica Missionaria

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

Ger 23,1-6; Sal 22; Ef 2,13-18; Mc 6,30-34 Nel vangelo Marco ci presenta Gesù come un vero pastore il cui sguardo ...

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

17-07-2024 Allamano sarà Santo

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

In continuità con il percorso spirituale proposto dalle due Direzioni Generali IMC - MC e in preparazione alla canonizzazione del...

Missionari laici della Consolata in Venezuela

16-07-2024 Missione Oggi

Missionari laici della Consolata in Venezuela

Prima di tutto vogliamo essere grati a Dio, alla Chiesa e ai Missionari della Consolata; la gratitudine è la nostra...

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

16-07-2024 Notizie

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

Una regione del Paese africano alla mercé della guerriglia islamista C’era ottimismo a Maputo, la capitale mozambicana. La guerriglia a Cabo...

onlus

onlus

consolata news 2

 

Contatto

  • Viale Mura Aurelie, 11-13, Roma, Italia
  • +39 06 393 821