II Domenica di Quaresima (anno A). Questi è il Figlio mio, l'amato: Ascoltatelo

Published in Domenica Missionaria
Rate this item
(0 votes)

Gen 12,1-4;
Sal 32;
2Tm 1,8-10;
Mt 17,1-9.

Nella seconda domenica di quaresima, due saranno i punti salienti che verranno proposti: la sofferenza a causa del Vangelo, dalla seconda lettura: “Figlio mio, con la forza di Dio, soffri con me per il Vangelo” poiché l’essere cristiano vuol dire assumersi il grande impegno di diffondere il messaggio evangelico e la trasfigurazione come anticipo della risurrezione.

Oltre alla pia e tanto umana reazione di gioia di Pietro: “Signore, è bello per noi restare qui! Facciamo tre capanne!”, è significativa la voce autorevole del Padre che dice “Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto” a cui segue l’imperativo “Ascoltatelo”. 

Ricordiamo che sono due soltanto i momenti in cui Dio parla nei Vangeli: nel momento del battesimo e in quello della trasfigurazione: “Questi è il Figlio mio, l'amato: in lui ho posto il mio compiacimento” (Mt 3,17) e “Questi è il Figlio mio, l'amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo” (Mt 17,5). 

In Mt 17 si aggiunge una espressione che non c’è nel battesimo: “ascoltatelo”. È Dio stesso ad avvolgere Pietro, Giacomo e Giovanni con la sua nube e ad indicare loro che cosa devono fare: “ascoltatelo!” Tutto questo ci riporta anche a un imperativo analogo dell’Antico Testamento: “Ascolta, Israele”. L’ imperativo «Ascolta!», in ebraico Shemà.

Nella Bibbia il verbo «ascoltare» non significa soltanto «udire», ma equivale spesso a «obbedire». Si tratta, quindi, di un’adesione intima e non di un mero sentire esterno, in questo ascoltare non possiamo essere un «ascoltatore smemorato ma colui che mette in pratica», come scrive san Giacomo (1,25).

Il Padre dice: “ascoltatelo!” perché sono io che lo sto guidando in questo cammino che lo porterà presto a dare la vita a Gerusalemme. E’ lì che dovete seguirlo senza scoraggiarvi di fronte all’apparente fallimento che vi sembrerà di vivere.

Il principio è dunque ascoltare Gesù, la trasfigurazione comincia quando comincio ad ascoltare Lui invece di me, quando la mia vita è centrata sull’ascolto, credo alla Sua parola, ed è proprio l’ascolto progressivo che mi trasforma: perché il Figlio è Parola vivente del Padre. Quando questo succede la nostra vita  si trasforma progressivamente da egoismo in amore, da tristezza in gioia, da inquietudine in pace, da durezza in mitezza, da cattiveria in bontà e da schiavitù diventa libertà. 

Pertanto l’itinerario spirituale quaresimale si arricchisce ulteriormente: preghiera, digiuno dal mondo, carità e ascolto attivo che ci fa uscire dalle resistenze, rifiuti e tentazioni personali per essere una esistenza trasfigurata. L’esperienza momentanea della trasfigurazione doveva aiutare i discepoli a camminare con Gesù verso la passione, la morte (sfigurazione) per arrivare alla risurrezione. La trasfigurazione doveva far capire agli apostoli che la passione e morte di Gesù non era negatività, fallimento, sconfitta e perdita, ma in essa brillava e si attuava l’amore splendido e infinito di Dio per noi.

La vita talvolta si fa pesante, densa di problemi, di angosce, di sofferenze fisiche, ed è proprio in quei momenti che abbiamo bisogno di sentire Dio vicino, abbiamo bisogno di fare l’esperienza del monte della trasfigurazione, abbiamo bisogno di sentire Gesù che ci  risolleva e ci coinvolge nel suo piano di salvezza, la sofferenza ha senso solo se c’è qualcosa di bello che possiamo raggiungere: “La trasfigurazione è un lampo di luce che illumina il cammino di Gesù verso Gerusalemme e il suo traguardo di gloria, mostrato in anticipo per un istante” (Antonio Bonora).

Il discepolo missionario è consapevole, come ha ben detto Papa Francesco nel suo messaggio per la Quaresima 2023, che “la Quaresima è tempo di grazia nella misura in cui ci mettiamo in ascolto di Lui che ci parla. E come ci parla? Anzitutto nella Parola di Dio, che la Chiesa ci offre nella Liturgia: non lasciamola cadere nel vuoto; se non possiamo partecipare sempre alla Messa, leggiamo le Letture bibliche giorno per giorno, anche con l’aiuto di internet. Oltre che nelle Scritture, il Signore ci parla nei fratelli, soprattutto nei volti e nelle storie di coloro che hanno bisogno di aiuto. Ma vorrei aggiungere anche un altro aspetto, molto importante nel processo sinodale: l’ascolto di Cristo passa anche attraverso l’ascolto dei fratelli e delle sorelle nella Chiesa, quell’ascolto reciproco che in alcune fasi è l’obiettivo principale ma che comunque rimane sempre indispensabile nel metodo e nello stile di una Chiesa sinodale.”

Gli ultimi articoli

Testimoni di comunione e spiritualità nella terra di Polonia

13-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Testimoni di comunione e spiritualità nella terra di Polonia

I giovani missionari della Consolata che operano in Europa si sono riuniti in Polonia per un incontro speciale. L'evento organizzato...

Read more

La pace si ottiene attraverso processi di perdono e riconciliazione

12-04-2024 Missione Oggi

La pace si ottiene attraverso processi di perdono e riconciliazione

Il 14 marzo si è celebrato il 21° anniversario della Fondazione per la Riconciliazione, creata da padre Leonel Narváez Gómez...

Read more

III Domenica di Pasqua / B - “Pace a voi!”

11-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

III Domenica di Pasqua / B - “Pace a voi!”

At 3,13-15.17-19Sal 41 Gv 2,1-5Lc 24,35-48 Gesù è veramente risorto? Possiamo ancora incontrarlo? Come mostrare al mondo che Gesù è vivo...

Read more

Davi Kopenawa incontra Papa Francesco: Salvare l’Amazzonia per salvare il Pianeta

11-04-2024 Notizie

Davi Kopenawa incontra Papa Francesco: Salvare l’Amazzonia per salvare il Pianeta

Davi Kopenawa, lo sciamano e portavoce del popolo Yanomami, ha lasciato la grande casa collettiva nell’Amazzonia brasiliana con una missione...

Read more

Pietro Paolo Albertone: Un giovane torinese sogna la missione

11-04-2024 Triennio Allamano

Pietro Paolo Albertone: Un giovane torinese sogna la missione

Il primo studente, primo religioso, primo sacerdote e missionario dell’istituto Missioni Consolata, Pietro Paolo Albertone nacque a Torino il 3...

Read more

Nona Conferenza dei Missionari della Consolata nella RD del Congo

11-04-2024 I Nostri Missionari Dicono

Nona Conferenza dei Missionari della Consolata nella RD del Congo

La regione del Congo nell'Africa centrale accoglie con gioia la Direzione Generale (il Vice Superiore Generale, padre Michelangelo Piovano e...

Read more

In memoria di Padre Ezio Roattino Guadalupe

09-04-2024 Missione Oggi

In memoria di Padre Ezio Roattino Guadalupe

Riportiamo questa intervista a padre Ezio Roattino Guadalupe (19/11/1936 - 04/04/2024), realizzata da padre Angelo Casadei, nel lontano novembre 1990...

Read more

Genocidio del Ruanda, 30 anni dopo. Quando l'odio fratricida straziò anche il cuore della Chiesa

08-04-2024 Notizie

Genocidio del Ruanda, 30 anni dopo. Quando l'odio fratricida straziò anche il cuore della Chiesa

Il 6 aprile 1994 iniziava la mattanza nel paese africano che causò la morte di un milione di persone. “Ci sarà...

Read more

I Papi e la misericordia, "il secondo nome dell'amore"

07-04-2024 Notizie

I Papi e la misericordia, "il secondo nome dell'amore"

Ripercorriamo alcune riflessioni di San Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco in questo in questo giorno in cui si...

Read more

Articoli correlati

onlus

onlus

consolata news 2

 

Contatto

  • Viale Mura Aurelie, 11-13, Roma, Italia
  • +39 06 393 821