III Domenica del tempo ordinario (Anno A). Andava attorno insegnando, predicando, guarendo.

Pubblicato in Domenica Missionaria
Vota questo articolo
(1 Vota)

Is 8,23b-9,3;
Sal 26;
1Cor 1,10-13.17;
Mt 4,12-23.

Sarà celebrata il 22 gennaio 2023 la quarta Domenica della Parola di Dio, giornata istituita da Papa Francesco il 30 settembre 2019. Le letture mettono al centro la Parola di Dio come luce. Il Vangelo, riprendendo la profezia di Isaia, afferma che “Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse.”. Gesù, vera Luce, andava attorno, insegnando, predicando, guarendo ma anche chiamando i discepoli per mandarli ad annunciare la sua Parola all’umanità. Paolo con il suo richiamo — «Cristo mi ha mandato» — conferma che l’invito vale anche per quanti non hanno conosciuto direttamente Gesù. La comunità che non è missionaria non può ritenersi veramente cristiana.

Una grande luce

Isaia rievoca la fine del regno del nord (721a.C.). Un messaggio viene dato: sul paese è piombata la sventura cioè le «tenebre» che richiamano lo sheol, il regno della morte, ma essa non sarà eterna, poiché proprio da qui, da dove sono partiti gli esuli per esser dispersi nel grande impero assiro, avrà inizio un giorno la rivincita. Infatti, il Profeta afferma che “Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse”.  Se le tenebre è simbolo del regno della morte, la “luce” è il simbolo di Dio e della sua Parola. Il Salmista canta "Lampada per i miei passi è la tua parola, luce sul mio cammino" (Sal 118, 105). Essa ha accompagnato gli Ebrei nell’uscita dall’Egitto e nel cammino verso la terra promessa. Ogni volta che appare è sempre di buon auspicio.

 Andava attorno insegnando, predicando, guarendo

Gesù, presa coscienza della sua strada (nel battesimo e nel corso delle tentazioni), attende il momento propizio (che per Matteo è l’imprigionamento del Battista) per iniziare la sua missione. A tale scopo lascia Nazaret, un villaggio sulle montagne della Galilea, e si stabilisce a Cafarnao, un grande centro, abitato in massima parte da pagani, punto di incrocio tra la costa mediterranea (il mare) e l’entroterra mesopotamico. La sua presenza in quella regione pagana aveva come scopo di realizzare la profezia di Isaia:  “Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse”. Gesù era la luce che brillava in mezzo a quel popolo. Essendo luce, Egli predicava la conversione, la “metanoia”. Non si tratta di mutare gli abiti, ma le abitudini, il modo di agire.

Contrariamente al Battista Gesù sceglie di essere un profeta itinerante. Egli non starà ad aspettare la gente, ma si muoverà incontro ad essa. Le sue prime spedizioni missionarie avvengono lungo il lago di Galilea, dove è dato imbattersi con umili pescatori. L’incontro con i due gruppi di “fratelli” non è il primo nel tempo, ma nell’importanza. La “chiamata” raggiunge i quattro uomini nel pieno della loro attività, forse anche in precedenza Gesù si era trattenuto con loro, aveva colto le loro aspirazioni e le loro attese.

Matteo non fa la cronaca dell’avvenimento, ma ne offre una ricostruzione teologica per segnalare la genesi e il senso di una vocazione che nasce sempre da un invito tacito (vede) o esplicito (disse) di Gesù accolto immediatamente. I verbi sono al presente per indicare che esso vale ancora e sollecita nuove risposte. Non si tratta di iscriversi a una scuola, di imparare alcune massime, quanto di diventare collaboratori di un’opera destinata a ridare agli uomini l’amicizia con Dio e con i propri simili, la salute, la gioia, la prosperità, il bene (cfr. 4,23-25). “Pescatori di uomini” era un’immagine poco chiara. Si riferiva alla cattura dei prigionieri; Gesù l’intende in senso contrario; gli uomini doveva essere piuttosto liberati dal peccato e dalle malattie (v. 23).

La risposta dei quattro fratelli è paradigmatica; illustra ciò che qualsiasi chiamato deve fare. Lasciare tutto (la famiglia, il mestiere e gli stessi attrezzi di lavoro) significa perdere tutto, qualsiasi appoggio, qualsiasi sicurezza; crearsi il vuoto attorno e avventurarsi verso l’ignoto.

Il DISCEPOLO MISSIONARIO lascia tutto per annunciare la Parola di Dio. “Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini” dice Gesù. Papa Francesco afferma che “possiamo immaginare che Pietro e Andrea gli avrebbero risposto: “Grazie, ma preferiamo le nostre reti e le nostre barche”. Gesù invece li chiama a partire dalla loro vita: “Siete pescatori, diventerete pescatori di uomini”. Trafitti da questa frase, scopriranno passo dopo passo che vivere pescando pesci era poca cosa, ma che prendere il largo sulla Parola di Gesù è il segreto della gioia. Così il Signore fa con noi: ci cerca dove siamo, ci ama come siamo e con pazienza accompagna i nostri passi. Come quei pescatori, attende anche noi sulle rive della vita. Con la sua Parola vuole farci cambiare rotta, perché smettiamo di vivacchiare e prendiamo il largo dietro a Lui”.

Gli ultimi articoli

Lasciarsi trasformare dell'ambiente

30-01-2023 Preghiera missionaria

Lasciarsi trasformare dell'ambiente

LEGGI Dio vide le loro opere, che cioè si erano convertiti dalla loro condotta malvagia, e Dio si ravvide riguardo al...

Leggi tutto

Chiusura del biennio sulla persona

30-01-2023 Notizie

Chiusura del biennio sulla persona

Il 28 gennaio è stata celebrata la conclusione del "Biennio sulla persona". Questa liturgia, diponibile per tutte le comunità IMC...

Leggi tutto

Mary Agnes. La vita con gli Yanomami

30-01-2023 I Nostri Missionari Dicono

Mary Agnes. La vita con gli Yanomami

Il sangue degli indigeni, il sangue Yanomami, scorre nelle vene di Suor Mary Agnes Njeri Mwangi, Missionaria della Consolata. È...

Leggi tutto

La missione che si confronta con la real…

30-01-2023 Missione Oggi

La missione che si confronta con la realtà

"Dio disse a Giona: «Ti sembra giusto essere così sdegnato per una pianta di ricino?». Egli rispose: «Sì, è giusto;...

Leggi tutto

La catastrofe... che si poteva evitare

30-01-2023 Missione Oggi

La catastrofe... che si poteva evitare

Il dottor André Siquiera, specialista in medicina tropicale, è arrivato nelle terre dove vivono gli indiani Yanomami lunedì 16 gennaio...

Leggi tutto

La missione esige audacia e creatività…

28-01-2023 I Nostri Missionari Dicono

La missione esige audacia e creatività. Anniversario della fondazione dei Missionari e Missionarie della Consolata

Solo sei mesi fa abbiamo celebrato il centenario della conferenza di Murang’a che ha tratteggiato alcuni aspetti fondamentali del nostro...

Leggi tutto

IV Domenica del tempo ordinario (Anno A)…

26-01-2023 Domenica Missionaria

IV Domenica del tempo ordinario (Anno A). Beati Voi

Sof 2,3; 3,12-13;Sal 145;1Cor 1,26-31;Mt 5,1-12. Nella pagina evangelica, San Matteo ci presenta, in modo molto solenne, le beatitudini che sono...

Leggi tutto

Resistere alla tentazione della violenza

24-01-2023 Notizie

Resistere alla tentazione della violenza

La sera del 22 gennaio 2023 «è stato brutalmente ammazzato a colpi di arma da fuoco Thulani Maseko, avvocato per...

Leggi tutto

Mai più senza di noi. Il primo ministro…

23-01-2023 Notizie

Mai più senza di noi. Il primo ministro indigeno nella storia del Brasile

Un evento senza precedenti in Brasile: Sonia Guajajara è la prima donna indigena ad essere nominata ministro nella storia del...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus