XXVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno C). "Stava alla sua porta, coperto di piaghe"

XXVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno C). "Stava alla sua porta, coperto di piaghe" Foto Zilio
Pubblicato in Domenica Missionaria

Am 6,1a.4-7;
Sal 145:
1 Tm 6,11-16;
Lc 16, 19-31.

Le letture liturgiche di questa domenica ci parlano dell'atteggiamento che dobbiamo avere con i poveri: condividere con loro la ricchezza umana che Dio ha messo nelle nostre vite. Mentre Amos condanna il lusso ostentato e la corruzione dei ricchi che vivono nell'abbondanza e non s'interessano dei poveri, nel parabola del Vangelo, Gesù sottolinea l'importanza del buon uso delle ricchezze e della premura verso i bisognosi.

Guai agli spensierati di Sion

La pagina del libro di Amos, il profeta denuncia le colpe di un gruppo privilegiato, i notabili della "casa d'Israele", ed inizia con questa esclamazione: "Guai agli spensierati di Sion e a quelli che si considerano sicuri sulla montagna di Samaria! Chi sono questi "spensierati di Sion"? Per il profeta Amos "gli spensierati di Sion" sono tutti coloro che pensano di godersi la vita, ai danni degli altri, consumando, sprecando beni, cercando solo soddisfazioni e i piaceri della carne. Il peccato di questi ricchi chi vivono in una società opulenta è essere spensierati cioè dimenticare la miseria del mondo che li circonda: vivono, bevono e non si preoccupano di niente. La ricchezza crea indifferenza e incapacità di amare. Come vedremo nel Vangelo, il peccato del ricco epulone non è quello di stare a tavola con gli amici ma di non darsi pensiero di Lazzaro che è nella miseria e nella sofferenza.

Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe

Nel Vangelo di Luca, viene proposta una celebre parabola, l'unica di Gesù ad avere un personaggio con un nome proprio, Lazzaro, che in ebraico vuol dire: "Dio aiuta". Il ricco, invece, non ha nome perché vive totalmente assorbito da sé stesso e dai suoi beni; per questo è del tutto indifferente al povero accasciato alla sua porta. Il racconto inizia con la presentazione dei due protagonisti: il ricco e il povero Lazzaro: "C'era un uomo ricco, che vestiva di porpora e di bisso e tutti i giorni banchettava lautamente e un povero, di nome Lazzaro, che stava alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco". Il confronto tra questi due personaggi tende a presentare il primo come uno che è un egoista, tutto dedito al godimento dei suoi beni, senza alcun interesse per chi è nel bisogno; egli non invita certo i poveri alla sua tavola. La sua porta era chiusa verso i poveri ed aperta verso i ricchi. Anzi era aperta verso i cani ma non i poveri. In un certo senso, possiamo dire che questo uomo ricco non faceva niente di male: banchettava lautamente, e questo non è un peccato. Ma doveva pensare al povero. Ometteva di fare del bene. La parabola sottolinea l'importanza del buon uso delle ricchezze e della premura verso i bisognosi. Insegna che con la morte c'è il giudizio personale, che non potrà più essere modificato.

Siamo consapevoli che in questo mondo ci sono i ricchi epuloni che si permettono di tutto e poi tanti milioni di mendicanti, come Lazzaro del Vangelo di oggi, che vanno alla ricerca del minimo indispensabile per la loro dignità umana. E quel minimo gli viene negato proprio da chi ha di tutto e di più, sfruttando anche i beni comuni. 

Il discepolo missionario è consapevole che "sarà condannato non per le sue ricchezze, ma per essere stato incapace di sentire compassione per Lazzaro e di soccorrerlo", come l'ha ben detto Papa Francesco.

Ultima modifica il Mercoledì, 21 Settembre 2022 23:58

Gli ultimi articoli

San Giovanni Battista, un uomo secondo il cuore di Dio

24-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

San Giovanni Battista, un uomo secondo il cuore di Dio

Pubblichiamo la riflessione tenuta da padre Innocent Bakwangama questo lunedì 24 giugno presso la Casa Generalizia a Roma, IMC, durante...

Il Santuario della Consolata di Sampacho, in Argentina, diventa Basilica

23-06-2024 Notizie

Il Santuario della Consolata di Sampacho, in Argentina, diventa Basilica

Il cardinale Ángel Sixto Rossi, SJ, ha presieduto la Messa in cui il Santuario di Nostra Signora della Consolata a...

Corea del Sud: Giornata di preghiera per la riconciliazione e l’unità nazionale

23-06-2024 Notizie

Corea del Sud: Giornata di preghiera per la riconciliazione e l’unità nazionale

Il 25 giugno è la Giornata di preghiera per la riconciliazione e l’unità nazionale che la Chiesa coreana celebra dal...

Zio e nipote: Cafasso e Allamano

23-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Zio e nipote: Cafasso e Allamano

Lettura parallela della spiritualità di due uomini di Dio Il Beato Giuseppe Allamano iniziò da giovane una graduale scoperta della santità...

Festa della Consolata con un sapore afro-colombiano

23-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Festa della Consolata con un sapore afro-colombiano

Per i Missionari della Consolata il 20 giugno non è un giorno qualunque ma è la celebrazione della festa della...

XII Domenica del TO / B - “Passiamo all'altra riva"

22-06-2024 Domenica Missionaria

XII Domenica del TO / B - “Passiamo all'altra riva"

Gb 38, 1. 8-11; Sal 106; 2 Cor 5, 14-17; Mc 4, 35-41 L’esperienza dolorosa della sofferenza alquanto assurda e ingiustificata...

Bolivia. «Noi conosciamo l’Amazzonia. Ascoltateci»

21-06-2024 Notizie

Bolivia. «Noi conosciamo l’Amazzonia. Ascoltateci»

L’XI riunione del Foro social panamazonico (Fospa) Foresta pluviale e fiumi, ma anche 2,5 milioni di specie animali, 40mila specie floreali...

Maria Consolata, mistero d'amore e di vita...

21-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Maria Consolata, mistero d'amore e di vita...

Maria di Nazareth, lì mi piace ricordarti, nella vita di tutti i giorni,nel lavoro e nella cura,nella casa e nella...

Festa della Consolata: “Non hanno più vino”... “Fate quello che vi dirà”

19-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Festa della Consolata: “Non hanno più vino”... “Fate quello che vi dirà”

Messaggio del Superiore Generale, padre James Bhola Lengarin “Tutti abbiamo gioito, il 23 maggio scorso, alla notizia del riconoscimento del miracolo...

onlus

onlus