Voi stessi date loro da mangiare

Pubblicato in Preghiera missionaria
Vota questo articolo
(0 Voti)

Un cuore missionario è un cuore che arde di cingersi i fianchi, di stare nelle posizioni più scomode, di lasciarsi plasmare dall'esempio del Figlio dell'uomo.

LEGGI

Il giorno cominciava a declinare e i Dodici gli si avvicinarono dicendo: "Congeda la folla perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta". Gesù disse loro: "Voi stessi date loro da mangiare". Ma essi risposero: "Non abbiamo che cinque pani e due pesci, a meno che non andiamo noi a comprare viveri per tutta questa gente". C'erano infatti circa cinquemila uomini. Egli disse ai suoi discepoli: "Fateli sedere a gruppi di cinquanta circa". Fecero così e li fecero sedere tutti quanti. Egli prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò su di essi la benedizione, li spezzò e li dava ai discepoli perché li distribuissero alla folla. Tutti mangiarono a sazietà e furono portati via i pezzi loro avanzati: dodici ceste. (Lc 9,12-17)

Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito Santo e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e tutti ne facevano grandi lodi. Si recò a Nazaret, dove era stato allevato; ed entrò, secondo il suo solito, di sabato nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; apertolo trovò il passo dove era scritto: Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l'unzione, e mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio, per proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; per rimettere in libertà gli oppressi, e predicare un anno di grazia del Signore. Poi arrotolò il volume, lo consegnò all'inserviente e sedette. Gli occhi di tutti nella sinagoga stavano fissi sopra di lui. Allora cominciò a dire: "Oggi si è adempiuta questa Scrittura che voi avete udita con i vostri orecchi". Tutti gli rendevano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca. (Lc 4,14-22)

RIFLETTI

Se la Chiesa intera assume questo dinamismo missionario deve arrivare a tutti, senza eccezioni. Però chi dovrebbe privilegiare? Quando uno legge il Vangelo incontra un orientamento molto chiaro: non tanto gli amici e vicini ricchi bensì soprattutto i poveri e gli infermi, coloro che spesso sono disprezzati e dimenticati, "coloro che non hanno da ricambiarti" (Lc 14,14). Non devono restare dubbi né sussistono spiegazioni che indeboliscano questo messaggio tanto chiaro. Oggi e sempre, "i poveri sono i destinatari privilegiati del Vangelo", e l'evangelizzazione rivolta gratuitamente ad essi è segno del Regno che Gesù è venuto a portare. Occorre affermare senza giri di parole che esiste un vincolo inseparabile tra la nostra fede e i poveri. Non lasciamoli mai soli.

Usciamo, usciamo ad offrire a tutti la vita di Gesù Cristo. Ripeto qui per tutta la Chiesa ciò che molte volte ho detto ai sacerdoti e laici di Buenos Aires: preferisco una Chiesa accidentata, ferita e sporca per essere uscita per le strade, piuttosto che una Chiesa malata per la chiusura e la comodità di aggrapparsi alle proprie sicurezze. Non voglio una Chiesa preoccupata di essere il centro e che finisce rinchiusa in un groviglio di ossessioni e procedimenti. Se qualcosa deve santamente inquietarci e preoccupare la nostra coscienza è che tanti nostri fratelli vivono senza la forza, la luce e la consolazione dell'amicizia con Gesù Cristo, senza una comunità di fede che li accolga, senza un orizzonte di senso e di vita. Più della paura di sbagliare spero che ci muova la paura di rinchiuderci nelle strutture che ci danno una falsa protezione, nelle norme che ci trasformano in giudici implacabili, nelle abitudini in cui ci sentiamo tranquilli, mentre fuori c'è una moltitudine affamata e Gesù ci ripete senza sosta: "Voi stessi date loro da mangiare" (cf. Mc 6,37) (Evangelii Gaudium nn. 48-49).

DOMANDE

Quanto affermato dal Papa c'interpella sulla gratuità del nostro servizio ai poveri, quale cartina al tornasole del nostro stesso impegno. Siamo capaci di fermarci a rileggere le nostre azioni per capire quanto esse siano gratuite, realmente liberatrici dei poveri, capaci cioè di renderli non dipendenti dagli aiuti ma protagonisti del proprio futuro?

Richiamiamo alla memoria quelle occasioni di gratuità in cui ciascuno ha sperimentato la gioia d'aver dato qualcosa senza un ritorno immediato, felice solo d'aver aiutato qualcuno

Riconosco il mio ripiegarmi su me stesso, sulle mie fragilità? Riesco a chiedere la grazia di crescere guardando e confidando in quell'Amore che ci viene raccontato nelle Scritture?

PREGA

Signore, quando ho fame, dammi qualcuno che ha bisogno di cibo; quando ho un dispiacere, offrimi qualcuno da consolare;
quando la mia croce diventa pesante, fammi condividere la croce di un altro;
quando non ho tempo, dammi qualcuno che io possa aiutare per qualche momento;
quando sono umiliato, fa che io abbia qualcuno da lodare;
quando sono scoraggiato, mandami qualcuno da incoraggiare;
quando ho bisogno della comprensione degli altri, dammi qualcuno che ha bisogno della mia;
quando ho bisogno che ci si occupi di me, mandami qualcuno di cui occuparmi;
quando penso solo a me stesso, attira la mia attenzione su un'altra persona.
Rendici degni, Signore, di servire i nostri fratelli che in tutto il mondo vivono e muoiono poveri ed affamati.
Dà loro oggi, usando le nostre mani, il loro pane quotidiano, e dà loro, per mezzo del nostro amore comprensivo, pace e gioia. (Madre Teresa di Calcutta)

Gli ultimi articoli

I Domenica di Avvento (Anno A) - Vegliat…

22-11-2022 Domenica Missionaria

I Domenica di Avvento (Anno A) - Vegliate dunque...

Is 2, 1-5; Rm 13, 11-14; Mt 24, 37-44 Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà La...

Leggi tutto

Festival della missione. Farsi carico de…

22-11-2022 Formazione missionaria

Festival della missione. Farsi carico del dolore della vittima

Voglio cominciare dicendovi che da 18 anni sto lavorando nel carcere femminile della città di Santiago del Cile: quando la...

Leggi tutto

Festival della missione. L'arte del ramm…

22-11-2022 Missione Oggi

Festival della missione. L'arte del rammendo

Io sono arrivato al Cuamm (Collegio Universitario Aspiranti Medici Missionari) nel ‘94 e quindi ho iniziato in Africa questa mia...

Leggi tutto

La pastorale afro in Brasile

22-11-2022 I Nostri Missionari Dicono

La pastorale afro in Brasile

Cos'è la Pastorale Afro? Approfittando di questo testo di padre Jalmir Matias de Oliveira, coordinatore della pastorale-afro nella diocesi di São...

Leggi tutto

La missione che illumina la nostra vita

22-11-2022 I Nostri Missionari Dicono

La missione che illumina la nostra vita

Abbiamo appena concluso il mese di ottobre, il mese missionario che, attraverso il messaggio di Papa Francesco per la Giornata...

Leggi tutto

Ordinato nuovo sacerdote Brasiliano per …

22-11-2022 Notizie

Ordinato nuovo sacerdote Brasiliano per la missione in Asia

La parrocchia di San Giovanni Battista, a Mauá (San Paolo) aveva una veste davvero festosa la mattina del cinque novembre...

Leggi tutto

Chi confida nel Signore è come il monte…

22-11-2022 Preghiera missionaria

Chi confida nel Signore è come il monte Sion: stabile per sempre.

Zaccaria, al momento dell'annuncio, inizia a fare i conti guardando solamente a se stesso e alla vecchiaia sua e della...

Leggi tutto

Chi semina nelle lacrime mieterà con gi…

16-11-2022 Preghiera missionaria

Chi semina nelle lacrime mieterà con giubilo

Nell'ultima parte del'Esortazione, Papa Francesco ritorna sulle motivazioni di fondo che debbono sostenere e accompagnare l'Evangelizzazione. Di fronte allo scandalo...

Leggi tutto

Originale cammino sinodale

16-11-2022 Notizie

Originale cammino sinodale

Era l'altra domenica a fine ottobre, subito dopo la messa, che siamo partiti. Come inviato dall'assemblea, era un piccolo gruppo...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus