Veglia di Preghiera Mariana

Pubblicato in Preghiera missionaria

INTRODUZIONE

 

Sac Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

 

Amen.

 

Sac. La grazia e la pace di Dio nostro Padre, dal quale procede ogni bene  per mezzo del Figlio nato dalla Vergine,  sia con tutti voi.

 

E con il tuo spirito.

 

Sac. La Vergine Maria, nell’eterno disegno dell’incarnazione del Verbo, fu predestinata ad essere Madre di Dio. Già nella vita terrena come Madre del Redentore fu associata in modo del tutto singolare all’opera di salvezza.  I momenti e gli aspetti di questa provvidenza salvifica sono espressi anche dalla devozione popolare mariana. Raccolti, in preghiera, ci rivolgiamo alla Vergine Maria con il canto della:

 

Salve Regina

 

MEDITIAMO CON LA VERGINE MARIA (L’ANNUNCIAZIONE)

 

Lettore. Dal Vangelo secondo Luca

 

Al sesto mese Dio mandò l’angelo Gabriele in una città della Galilea chiamata Nàzaret, ad una vergine sposa di un uomo di nome Giuseppe della casa di Davide: il nome della vergine era Maria. Entrò da lei e le disse: “Salve, piena di grazia, il Signore è con te”. Per tali parole ella rimase turbata e si domandava che cosa significasse un tale saluto. Ma l’angelo le disse: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco, tu concepirai nel grembo e darai alla luce un figlio. Lo chiamerai Gesù. Egli sarà grande e sarà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide, suo padre, e regnerà sulla casa di Giacobbe in eterno e il suo regno non avrà mai fine”. Allora Maria disse all’angelo: “Come avverrà questo, poiché io non conosco uomo?”. L’angelo le rispose: “Lo Spirito Santo scenderà sopra di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra; perciò quello che nascerà sarà chiamato santo, Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, ha concepito anche lei un figlio nella sua vecchiaia, e lei che era ritenuta sterile è già al sesto mese; nessuna cosa infatti è impossibile a Dio”. Disse allora Maria: “Ecco la serva del Signore; si faccia di me come hai detto tu”. E l’angelo si allontanò da lei.

 

 

Preghiera

 

 

Mostraci, o Madre della divina grazia, il tuo Figlio Gesù ed indicaci la strada che porta al cielo, ove possiamo, un giorno, godere per sempre la gioia eterna.

 

 

 

Ti chiediamo, o Madre Santa, che la nuova civiltà dell’amore prevalga sulla cultura dell’odio e del terrore, che l’amore e la solidarietà tra gli esseri umani trovi sempre più spazio nel cuore di tutti gli uomini di questa martoriata terra.

 

Difendi Tu dal cielo i bambini di tutta la terra; sostieni i giovani nel cammino della loro vita umana, sociale, culturale e lavorativa, spesso segnata da insanabili conflitti; benedici i papà e le mamme di famiglia che ogni giorno si sacrificano per i loro figli.

 

Sii vicina a quanti soffrono nel corpo e nello spirito, a quanti profughi e stranieri vivono la loro condizione di umiliazione e di alienazione, senza possibilità di redenzione.

 

 

Vogliamo vivere, Maria, nell’amore sincero verso Dio e verso i nostri fratelli, vogliamo spezzare i vincoli dell’odio, della vendetta e della violenza.

 

Vogliamo essere operatori di pace e di concordia, dovunque il Signore ci chiama a vivere la nostra vocazione e missione di battezzati e consacrati alla diffusione del Regno di Dio tra di noi.

 

Sul tuo esempio, Madre benedetta, noi vogliamo seguire Gesù e fare veramente quello che Egli ci dirà di fare, nella costruzione di un mondo riconciliato con Dio nell’amore. Amen

 

CANTO MARIANO: SANTA MARIA DEL CAMMINO

 

CAMMINIAMO COME MARIA (L’INCARNAZIONE)

 

DAL VANGELO DI LUCA (2,1-19)

 

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della Siria Quirinio. Andavano tutti a farsi registrare, ciascuno nella sua città. Anche Giuseppe, che era della casa e della famiglia di Davide, dalla città di Nazaret e dalla Galilea salì in Giudea alla città di Davide, chiamata Betlemme, per farsi registrare insieme con Maria sua sposa, che era incinta. Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo depose in una mangiatoia, perché non c’era posto per loro nell’albergo. C’erano in quella regione alcuni pastori che vegliavano di notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò davanti a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande spavento, ma l’angelo disse loro: «Non temete, ecco vi annunzio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia». E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste che lodava Dio e diceva: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama».  Appena gli angeli si furono allontanati per tornare al cielo, i pastori dicevano fra loro: «Andiamo fino a Betlemme, vediamo questo avvenimento che il Signore ci ha fatto conoscere». Andarono dunque senz’indugio e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, che giaceva nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udirono, si stupirono delle cose che i pastori dicevano. Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

 

 

Preghiera

 

Ascolta, figlia, guarda porgi l’orecchio

dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;

al re piacerà la tua bellezza;

è il tuo Signore, Prostrati a lui.

 

Da Tiro vengono portando doni 

i ricchi del popolo cercano il tuo volto,

la figlia del re è tutta splendore,

d’oro e di gemme è il suo vestito.

 

Al re è presentata in preziosi ricami,

con lei ti son condotte le vergini compagne

guidate in gioia, guidate in esultanza,

entrano insieme nel palazzo regale.

 

Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli

li farai capi di tutta la terra.

A tutte le età ricorderò il nome tuo,

ti loderanno i popoli in eterno.

 

 

CANTO MARIANO: MADONNA NERA

 

 

PREGHIERA ALLA VERGINE DI PAPA FRANCESCO

 

A Maria, madre della Chiesa e madre della nostra fede, ci rivolgiamo in preghiera.

Aiuta, o Madre, la nostra fede!

Apri il nostro ascolto alla Parola, perché riconosciamo la voce di Dio e la sua chiamata.

Sveglia in noi il desiderio di seguire i suoi passi, uscendo dalla nostra terra e accogliendo la sua promessa.

Aiutaci a lasciarci toccare dal suo amore, perché possiamo toccarlo con la fede.

Aiutaci ad affidarci pienamente a Lui, a credere nel suo amore, soprattutto nei momenti di tribolazione e di croce, quando la nostra fede è chiamata a maturare.

Semina nella nostra fede la gioia del Risorto.

Ricordaci che chi crede non è mai solo.

Insegnaci a guardare con gli occhi di Gesù, affinché Egli sia luce sul nostro cammino. E che questa luce della fede cresca sempre in noi, finché arrivi quel giorno senza tramonto, che è lo stesso Cristo, il Figlio tuo, nostro Signore!

 

 

Sac. Il Signore sia con voi

 

E con il tuo spirito.

 

Sac. Dio misericordioso, che per mezzo del suo Figlio, nato dalla Vergine, ha redento il mondo, vi colmi della sua benedizione.

 

Amen.

 

Sac. Dio vi protegga sempre per intercessione di Maria, Vergine e Madre, che ha dato al mondo l’autore della vita.

Amen.

 

Sac. A tutti voi che in Maria è stata data la grazia di ammirare l’immagine del compimento del piano della salvezza, conceda il Signore la perseveranza nella fede, nella speranza e nella carità.

Amen.

 

Sac. E la Benedizione di Dio Onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo discenda su di voi e con voi rimanga sempre.

Amen

 

Sac. Questa veglia di preghiera in onore della Madonna della Civita, è finita. Andate in Pace.

Rendiamo grazie a Dio.

 

Gli ultimi articoli

Un pellegrinaggio nel cuore del Beato Giuseppe Allamano

11-07-2024 Allamano sarà Santo

Un pellegrinaggio nel cuore del Beato Giuseppe Allamano

In una edizione speciale interamente dedicata alla figura di Giuseppe Allamano, la rivista “Dimensión Misionera” curata della Regione Colombia, esplora...

XV Domenica del TO / B - “Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due"

10-07-2024 Domenica Missionaria

XV Domenica del TO / B - “Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due"

Am 7, 12-15; Sal 84; Ef 1, 3-14; Mc 6, 7-13 La prima Lettura e il Vangelo sottolineano che la chiamata...

"Camminatori di consolazione e di speranza"

10-07-2024 I Nostri Missionari Dicono

"Camminatori di consolazione e di speranza"

I missionari della Consolata che operano in Venezuela si sono radunati per la loro IX Conferenza con il motto "Camminatori...

Un faro di speranza per le persone che vivono per strada

10-07-2024 Missione Oggi

Un faro di speranza per le persone che vivono per strada

I Missionari della Consolata dell'Argentina accompagnano le “Case di Cristo” a “Villa Soldati” Nel cuore di Villa Soldati, a Buenos Aires...

Santo (in punta di piedi)

09-07-2024 Allamano sarà Santo

Santo (in punta di piedi)

Il 23 maggio scorso la sala stampa del Vaticano annunciava che papa Francesco aveva approvato l’avvenuto miracolo della guarigione dell’indigeno...

Il Papa: la democrazia non gode di buona salute, serve creatività per il futuro

08-07-2024 Notizie

Il Papa: la democrazia non gode di buona salute, serve creatività per il futuro

Nel primo discorso presso il Centro Congressi di Trieste, Francesco sottolinea che “l’indifferenza è un cancro della democrazia”, forte l’invito...

Venezuela: Consolazione e missione nella periferia

07-07-2024 I Nostri Missionari Dicono

Venezuela: Consolazione e missione nella periferia

In questo mese di luglio è in programma la Conferenza della Delegazione IMC Venezuela con la partecipazione del Superiore Generale...

Allamano Santo: L'arcivescovo di Cuiabá esprime gioia!

06-07-2024 Notizie

Allamano Santo: L'arcivescovo di Cuiabá esprime gioia!

L'arcivescovo di Cuiabá, mons. Mário Antônio da Silva, ha inviato un messaggio ai missionari e alle missionarie della Consolata, esprimendo...

Etiopia: la Chiesa è dalla parte del popolo che soffre

05-07-2024 Notizie

Etiopia: la Chiesa è dalla parte del popolo che soffre

“Abbiamo ringraziato il Papa per il suo appoggio durante le guerre e i conflitti nel Paese, siamo una minoranza ma...

onlus

onlus