Il Consiglio Indigenista Missionario (Cimi) celebra 50 anni di creazione

Category: Notizie
Hits: 463 times

25cimi 7856985234156

Il Cimi è nato il 23 aprile 1972, come organismo annesso alla Conferenza Nazionale dei Vescovi del Brasile (CNBB), con la proposta di ripensare il lavoro della Chiesa Cattolica con i popoli indigeni. 

Lo stile di sviluppo e l'ideologia autoritaria di voga a quel tempo, in piena dittatura militare, non era affatto favorevole a un lavoro pastorale in difesa dei popoli indigeni e critico nei confronti del progetto di integrazione e assimilazione delle culture indigene nella società e nella vita dello stato dittatoriale.

Anche con rispetto all’azione della chiesa il Cimi ha assunto l'impegno di superare, nella relazione con i popoli originari, la mentalità colonialista e ha cercato di rafforzare le loro lotte e la loro autonomia. In mezzo alla repressione e alla censura il Cimi ha assunto il ruolo profetico di denunciare la violenza contro questi popoli.

Contrariamente ai desideri della dittatura, anche grazie alla solidarietà del Cimi, i popoli indigeni non si sono estinti né "integrati" e invece hanno resistito, si sono organizzati e hanno rafforzato le loro lotte.

Una pietra miliare di questo momento fu la pubblicazione nel 1974 del manifesto "Y-Juca Pirama. “L’indio, è lui che deve morire”

Il manifesto esponeva una serie di informazioni e denuncie sugli attacchi dello Stato e dei potenti gruppi economici che desideravano il controllo delle terre indigene e in vari modi decretavano la morte dei popoli originari del Brasile: senza di loro le terre sarebbero rimaste a disposizione di chi voleva appropriarsene per vari tipi di sfruttamento economico.

Nel 1975, nella sua prima assemblea generale, il Cimi definisce le sue linee d'azione, che fungono da riferimento per l'azione missionaria fino ad oggi: terra, cultura, autodeterminazione e una nuova presenza nella società delle popolazioni native.

Questa presenza è segnata dall'iniziativa di rafforzare l'organizzazione autonoma dei popoli nativi e di creare un'articolazione nazionale tra i loro leader. Durante tutti gli anni '70 il Cimi contribuì a organizzare e rendere possibili le prime Assemblee dei capi indigeni dalle quali sarebbe poi nata l’organizzazione indigena oggi articolata e organizzata su tutto il territorio nazionale.

Nel 1973, un anno dopo la fondazione, per rispondere all'enorme complessità di popoli e richieste che arrivavano all'attenzione del Cimi, si era già creato il segretariato nazionale del Cimi e, poco a poco, sarebbero nati i segretariati regionali frutto anche delle riunioni fra pastori e comunità indigene

Anche la lotta contro il progetto di "emancipazione" dei popoli indigeni, proposto dall'allora ministro dell'interno del governo dittatoriale di Ernesto Geisel, Rangel Reis, fu notevole: camuffato sotto la proposta di dare "autonomia" ai popoli indigeni, il progetto prevedeva quella che si chiamava integrazione dei popoli indigeni che si traduceva concretamente nella negazione della loro identità e dei loro diritti.

Il Cimi ebbe un ruolo importante nell'articolazione dei vari settori della società civile che, specialmente negli anni 1978 e 1979, sconfissero il progetto della Dittatura.

25cimiA 7856985234156


Gli ultimi articoli

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

27-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

La situazione attuale e futura della missione ad gentes esige dei missionari qualificati per svolgere con competenza il servizio pastorale...

Read more

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

27-02-2024 Notizie

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

Maduro e un'opposizione tutta femminile In attesa di stabilire la data delle elezioni presidenziali, il governo Maduro prova a fermare un'opposizione...

Read more

Ucraina: “La vita è cambiata”

26-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Ucraina: “La vita è cambiata”

Sono passati due anni da quando la guerra in Ucraina è iniziata con l'invasione russa.  In tutto il mondo, le...

Read more

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

26-02-2024 Missione Oggi

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

I missionari delle missioni di Weragu, Gambo, Halaba, Modjo, pieni di zelo e con il cuore colmo di storie e...

Read more

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

25-02-2024 Notizie

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

Appello all’Angelus per i due Paesi africani. Francesco si unisce alla preghiera di pace dei vescovi congolesi auspicando “un dialogo...

Read more

La commemorazione dell’Allamano 1926

25-02-2024 Triennio Allamano

La commemorazione dell’Allamano 1926

Mons. Giovanni Battista Ressia (1850-1933), originario da una famiglia di contadini di Vigone (TO), fece i primi studi fino alla...

Read more

Corea: un abbraccio senza confini

24-02-2024 Missione Oggi

Corea: un abbraccio senza confini

Le speranze di padre Pietro Han, IMC, di arrivare un giorno alla riconciliazione fra le due Coree La foto si può...

Read more

Un regalo inaspettato

23-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Un regalo inaspettato

Un viaggio nella savana africana dove la dolcezza delle caramelle diventa la chiave che apre le porte alla connessione umana...

Read more

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

23-02-2024 Missione Oggi

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

Si è svolto giovedì 15 febbraio al Polo Culturale “Cultures And Mission” dei Missionari della Consolata a Torino l’incontro «Le sfide...

Read more

onlus

onlus

logo new 7

 

Contatto

  • Viale Mura Aurelie, 11-13, Roma, Italia
  • +39 06 393 821