XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Hits: 1410 times

Nella vigna non mancano gli “svignaioli”.

 

Is  55,6-9. Dobbiamo seriamente considerare come attua Dio. Il nostro modo di misurare le cose non è certamente il suo. Dio come padre non ha misure verso i figli e si aspetta che anche i fratelli tra loro si comportino allo stesso modo.

Fil  1,20-27. Per me vivere è Cristo.È come dicessimo: la mia vita è quella di Cristo. Questa frase va letta assieme a quella di Gal 2, 19,20: “Vivo, ma non io, Cristo vive in me”. Io aggiungerei anche un altro insegnamento chiave: i carismi valgono se servono a tutti..

Mt  20,1-16. Trattare gli ultimi alla stregua dei primi sconvolge l’abituale logica umana. In effetti la nostra società quando riesce ad applicare la giustizia, dà a ciascuno secondo i suoi meriti; al contrario il Vangelo dà a ciascuno secondo i meriti di Gesù Cristo. La carità non da quello che si merita ma quello di cui si ha bisogno.

 

Ci troviamo spiazzati e reagiamo male davanti alle decisioni del Signore. Perché questa differenza è così vistosa e ci lascia amareggiati? Forse perché rimaniamo prigionieri del nostro cuore troppo angusto, delle nostre visioni così ridotte, della nostra giustizia così limitata. Il suggerimento è di lavorare il nostro cuore per renderlo cristiano, legato a Cristo; farlo pulsare con i suoi ritmi così che possiamo finalmente abbandonare tante invidie immotivate e  aprirci ad un modo nuovo di giudicare e agire. Per chi è padre di tutti, i praticanti fedeli e operosi, se hanno un cuore di figli debbono rallegrarsi, quando diventano fratelli preoccupati che non manchi niente a chi non ha potuto lavorare, o si era perso cercando da un’altra parte la vigna del Signore. Se viviamo totalmente dentro il giro di Dio, e questo è a forma di croce, possiamo ridurre la croce a una sola asta, quella verticale e ridurre ai minimi termini quella orizzontale? Essere cristiano vuol dire essere passato da una economia basata sulla mentalità del “salvo io salvi tutti” che vuole dire in tutti i campi “vivi e lascia perdere”. Quindi il discorso cristiano mai e poi mai deve considerare che la chiesa lontana geograficamente è lontana anche per impegno, attenzione, sollecitudine, preoccupazione, finanziamento. Nella economia di Cristo io sono legato e collegato a tutti. In ragione del mio sacerdozio comune debbo aiutare a costruire la chiesa comune. Poi a motivo del mio sacerdozio ordinato, ho dei ministeri particolari, quello del matrimonio per rendere servizio alla chiesa domestica; quello dell’ordine per rendere servizio alla chiesa universale. I ministri-genitori debbono dare alla famiglia la caratteristica di chiesa; i ministri-sacerdoti debbono fare la chiesa sempre più famiglia di famiglie, comunità di comunità. A livello universale il carisma del Papa sarà rendere la Chiesa popolo di popoli.

 

I cristiani coltivano l’agape. Tutti lavorano per tutti. Tutti per uno, uno per tutti. La ragione è in quel commento di chi non aveva trovato lavoro, la drammatica risposta: nessuno ci ha presi a giornata. La risposta di Gesù è: vi si darà quello che è giusto. E quello che è giusto non viene dalla somma ma dal cuore buono. Perciò abbiamo tre elementi per capire la difficile parabola: la bontà di Dio, quello che è giusto per la bontà di Dio, la tristezza di rimanere fuori dalla considerazione comunitaria. Se uno guadagna niente ha solo diritto di vivere una vita da niente? Gli ammalati, gli invalidi, gli anziani, gli incapaci, i meno fortunati debbono appoggiarsi su quello che da la capacità produttiva?

 

 

 


Gli ultimi articoli

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

17-07-2024 Domenica Missionaria

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

Ger 23,1-6; Sal 22; Ef 2,13-18; Mc 6,30-34 Nel vangelo Marco ci presenta Gesù come un vero pastore il cui sguardo ...

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

17-07-2024 Allamano sarà Santo

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

In continuità con il percorso spirituale proposto dalle due Direzioni Generali IMC - MC e in preparazione alla canonizzazione del...

Missionari laici della Consolata in Venezuela

16-07-2024 Missione Oggi

Missionari laici della Consolata in Venezuela

Prima di tutto vogliamo essere grati a Dio, alla Chiesa e ai Missionari della Consolata; la gratitudine è la nostra...

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

16-07-2024 Notizie

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

Una regione del Paese africano alla mercé della guerriglia islamista C’era ottimismo a Maputo, la capitale mozambicana. La guerriglia a Cabo...

Giustizia Riparativa e la “pedagogia allamaniana”

15-07-2024 Missione Oggi

Giustizia Riparativa e la “pedagogia allamaniana”

La Corte di Giustizia dello Stato del Paraná (Brasile) ha tenuto dal 3 al 5 luglio l'incontro sulla Giustizia Riparativa...

Perù: prima assemblea dei popoli nativi

14-07-2024 Missione Oggi

Perù: prima assemblea dei popoli nativi

I rappresentanti dei popoli nativi dell'Amazzonia peruviana, insieme ai missionari, si sono riuniti nella Prima Assemblea dei Popoli Nativi, che...

Padre James Lengarin festeggia 25 anni di sacerdozio

13-07-2024 Notizie

Padre James Lengarin festeggia 25 anni di sacerdozio

La comunità di Casa Generalizia a Roma festeggerà, il 18 luglio 2024, il 25° anniversario di ordinazione sacerdotale di padre...

Nei panni di Padre Giuseppe Allamano

13-07-2024 Allamano sarà Santo

Nei panni di Padre Giuseppe Allamano

L'11 maggio 1925 padre Giuseppe Allamano scrisse una lettera ai suoi missionari che erano sparsi in diverse missioni. A quel...

Un pellegrinaggio nel cuore del Beato Giuseppe Allamano

11-07-2024 Allamano sarà Santo

Un pellegrinaggio nel cuore del Beato Giuseppe Allamano

In una edizione speciale interamente dedicata alla figura di Giuseppe Allamano, la rivista “Dimensión Misionera” curata della Regione Colombia, esplora...

onlus

onlus

consolata news 2

 

Contatto

  • Viale Mura Aurelie, 11-13, Roma, Italia
  • +39 06 393 821