XX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Hits: 1356 times

È la fede vissuta che cambia la norma non viceversa

 

Is 56,1.6-7. Sorge una idea che mai avevamo percepito: Anche gli olocausti e sacrifici dei popoli saranno accettati sulla montagna di Dio. Se le parole hanno un valore espressivo e intenzionale siamo ai limiti di orizzonti impensabili anche per i nostri maxi ecumenismi.

Rm  11,13-15.29-32. Doni e vocazione non sono revocabili. Dio li concede e non li vuole indietro.

Mt  15,1-28. La cananea straniera e pagana si merita o non si merita la compassione attenta, di solito solamente riservata ai figli, e sempre fino a quel momento negata agli stranieri? Secondo la cultura religiosa di quel tempo e anche secondo la cultura popolana dei giorni nostri, penso proprio di no. Secondo Gesù, sì.

 

San Vincenzo de Paoli diceva che i poveri sono esigenti senza averne diritto e prepotenti quando dovrebbero essere umili, sottomessi e accontentarsi serenamente di quanto gli si dà.  San Paolo dice che Dio mandò suo figlio non perché ce lo meritassimo ma perché ne avevamo bisogno e facevamo pena. Un fariseo voleva che Gesù si pronunciasse e indicasse chiaramente chi era il nostro prossimo per aiutarlo e amarlo e così evitare errori di scelta. Gesù risponde suggerendo che la domanda doveva avere un altro soggetto. Non chi era mio prossimo ma di chi volevo essere prossimo. Io, qui, adesso voglio essere prossimo di chi? Cambierei anche così: sincerando chi sono e come sono, che modo di essere ho e che fede mi impegna seriamente, di chi riesco ad essere prossimo? In altre parole, senza cambiare niente, così come sono, sarei capace di aiutare la cananea come ha fatto Gesù, rompendo ogni barriera culturale e religiosa? La pratica della fede parte da Dio che è soprattutto amore. Avessimo una fede così, non costerebbe nessuna fatica aiutare la Cananea anche se non è dei  nostri e ha dei costumi strani e barbari. Gesù paga le tasse senza vederne l’obbligo perché lui non è suddito di nessuno e le tradizioni finiscono quando si smette di praticarle. Ma rispetta e prima di dettare legge diversa insegna che si pratichi la solita usanza. S. Lorenzo promosse un servizio ai poveri in modo splendido non perché era socialista ma perché era diacono della Chiesa e amministratore  della grazia che è ogni ben di Dio. Perché al principio i cristiani davano generosamente e poi hanno lascato perdere? Sarà perché erano finiti  i soldi oppure perchè non vedevano più dove e come venivano spesi per i poveri?

 

Quando l’evangelista scrive il testo che abbiamo letto, la sua comunità cristiana probabilmente è piena di tensioni e di conflitti, sempre più gravi, con il giudaismo. È il momento necessario di ricordargli la vocazione alla universalità. La testimonianza della Cananea è una esortazione ad aprirsi ai pagani; a superare le frontiere della sinagoga. Lo stesso che succedeva per molti cristiani, che provenivano dal paganesimo, a leggere questa pagina di Vangelo, dovevano vedere con emozione riflessa la propria storia, nella storia della cananea. La storia della stessa pista o dello stesso cammino verso la fede. Tutti siamo un poco cananei, perché tutti, sempre, ci sentiamo un poco stranieri. E perché tutti come quella donna, ci portiamo dentro qualcosa che ci preoccupa. Qualcosa di cui vorremmo parlare con Gesù. Facciamo allora di ogni Eucaristia una vera esperienza di fede. Celebriamola contenti e grati perché non siamo invitati a mangiare le briciole che cadono, ma ben seduti siamo invitati a condividere come figli il cibo migliore.

 

 

 


Gli ultimi articoli

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

17-07-2024 Domenica Missionaria

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

Ger 23,1-6; Sal 22; Ef 2,13-18; Mc 6,30-34 Nel vangelo Marco ci presenta Gesù come un vero pastore il cui sguardo ...

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

17-07-2024 Allamano sarà Santo

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

In continuità con il percorso spirituale proposto dalle due Direzioni Generali IMC - MC e in preparazione alla canonizzazione del...

Missionari laici della Consolata in Venezuela

16-07-2024 Missione Oggi

Missionari laici della Consolata in Venezuela

Prima di tutto vogliamo essere grati a Dio, alla Chiesa e ai Missionari della Consolata; la gratitudine è la nostra...

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

16-07-2024 Notizie

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

Una regione del Paese africano alla mercé della guerriglia islamista C’era ottimismo a Maputo, la capitale mozambicana. La guerriglia a Cabo...

Giustizia Riparativa e la “pedagogia allamaniana”

15-07-2024 Missione Oggi

Giustizia Riparativa e la “pedagogia allamaniana”

La Corte di Giustizia dello Stato del Paraná (Brasile) ha tenuto dal 3 al 5 luglio l'incontro sulla Giustizia Riparativa...

Perù: prima assemblea dei popoli nativi

14-07-2024 Missione Oggi

Perù: prima assemblea dei popoli nativi

I rappresentanti dei popoli nativi dell'Amazzonia peruviana, insieme ai missionari, si sono riuniti nella Prima Assemblea dei Popoli Nativi, che...

Padre James Lengarin festeggia 25 anni di sacerdozio

13-07-2024 Notizie

Padre James Lengarin festeggia 25 anni di sacerdozio

La comunità di Casa Generalizia a Roma festeggerà, il 18 luglio 2024, il 25° anniversario di ordinazione sacerdotale di padre...

Nei panni di Padre Giuseppe Allamano

13-07-2024 Allamano sarà Santo

Nei panni di Padre Giuseppe Allamano

L'11 maggio 1925 padre Giuseppe Allamano scrisse una lettera ai suoi missionari che erano sparsi in diverse missioni. A quel...

Un pellegrinaggio nel cuore del Beato Giuseppe Allamano

11-07-2024 Allamano sarà Santo

Un pellegrinaggio nel cuore del Beato Giuseppe Allamano

In una edizione speciale interamente dedicata alla figura di Giuseppe Allamano, la rivista “Dimensión Misionera” curata della Regione Colombia, esplora...

onlus

onlus

consolata news 2

 

Contatto

  • Viale Mura Aurelie, 11-13, Roma, Italia
  • +39 06 393 821