Oct 17, 2017 Last Updated 9:04 PM, Oct 15, 2017

Montreal, 29 marzo 2017 - Funerali di Padre Gilles Allard IMC

Letto 566 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il ricordo di Padre Gilles Allard è nel cuore di molti. Al suo funerale c’è chi è stato suo allievo al Grande Seminario di Québec ed ora è avvocato in uno dei più grandi studi di Montreal; c’è chi, come me, l’ha conosciuto quando era Consigliere Generale e Superiore della Casa Generalizia; chi ha lavorato con lui nell’Animazione Missionaria; chi gli è stato vicino in questi ultimi anni nei quali il male ha preso il sopravvento inesorabile.

Tutti lo ricordano per la sua amabilità, per il gusto dell’amicizia e delle cose buone della vita, per la sua capacità di incoraggiare ciascuno, rassicurandolo in ciò che di bello e positivo ha.

Il rito funebre si è celebrato mercoledì 29 marzo a Montreal, nella cappella della Casa Madre delle Suore della Provvidenza, presso le quali Gilles è stato ospitato in questi ultimi mesi. All’altare, insieme con la comunità di Montreal e padre Zé Martins (coordinatore del Gruppo IMC del Canada), vi sono alcuni Padri Francescani, alcuni Missionari d’Africa e delle Missions Etrangères, e dei Sacerdoti Diocesani. L’assemblea è composta dai familiari di Gilles, da numerose Suore della Provvidenza, da una rappresentanza delle Suore dell’Immacolata Concezione di Genova, dal personale della Hall Notre Dame, e da diversi amici.

Gilles era il primogenito della sua famiglia ed il primo Quebecois a divenire missionario della Consolata. Egli ha rappresentato un punto di riferimento sia per i suoi numerosi fratelli e sorelle sia per coloro che lo hanno seguito nell’Istituto. Dopo il commiato, una sorella di Gilles mi porge la mano e, pur nel dolore, mi esprime la gioia di aver partecipato ad un funerale “dagli accenti internazionali”.  “Da quando mio fratello si è fatto missionario – mi dice – la nostra casa si è allargata agli orizzonti del mondo. La nostra famiglia si è aperta in maniera inattesa”.

La frase di Gesù circa il chicco di grano che quando muore o dá la vita porta frutto è al centro dell’omelia. Tante persone che hanno conosciuto Gilles in Canada, in Venezuela ed in Italia, i Paesi dove ha esercitato il suo ministero sacerdotale, recano in cuore il frutto prezioso di aver percorso un tratto di cammino con lui.  

Un grazie speciale, padre Paolo Fedrigoni, ha rivolto a padre Nelson Lachance che si è prodigato per fare in modo che Gilles avesse l’assistenza migliore nei suoi lunghi anni di senitudine. Egli poi ha condiviso un pensiero arrivato da padre Clovis Audet in RDCongo, il quale ricorda le visite che da giovane seminarista faceva alla famiglia di Gilles – suo compagno – e la calorosa accoglienza che riceveva da parte dei suoi genitori Marcel e Cecile.  La toccante preghiera di commiato che padre Claude Morneau ha letto a nome di tutti ha concluso la celebrazione liturgica.

Uscendo dalla cappella, una Suora della Provvidenza si ferma, mi porge le condoglianze e mi dice: “Padre, nel vedervi tutti qui, sono stata colpita dal vostro spirito di famiglia”.  Parole che in noi, discepoli del Beato Giuseppe Allamano, hanno una risonanza particolare; parole che esprimono ciò che i nostri confratelli di Montreal hanno fatto e sono stati, lungo il suo calvario, per Gilles – il fratello maggiore; parole che rivelano lo spirito di Gilles il quale ha accolto ogni membro dell’Istituto come uno della sua famiglia.  

Altro in questa categoria: Una nueva vida en paz »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Veglia Missionaria 2017

15 Ott 2017 Preghiere Missionarie

Paolo e l’Evangelizzazione Oggi

15 Ott 2017 Missione Oggi

Giornata contro la pena morte. Amne…

15 Ott 2017 Finestra sul Mondo

Le icone russe tra fede, musei e af…

15 Ott 2017 Finestra sul Mondo

XXIX DOMENICA del Tempo Ordinario -…

15 Ott 2017 Domenica Missionaria