VEGLIA DI PREGHIERA PER LE FAMIGLIE

rup

 

Questa celebrazione è stata preparata dall’Ufficio di Pastorale Familiare, un’occasione di preghiera comune, di riflessione sulla realtà della coppia e del matrimonio cristiano come “ministero necessario alla edificazione del popolo di Dio”. (CCC,1534)

 

P. Nel nome del Padre…

A. Amen

 

 

P. Fratelli e sorelle, siamo riuniti con gioia nella casa del Signore. Seguendo le varie tappe di questa celebrazione, chiediamo al Signore che il suo Santo Spirito ravvivi negli sposi cristiani la Grazia che hanno ricevuto nel giorno del loro matrimonio.

 

 

Canto d’invocazione allo Spirito: Le coppie si tengono per mano.

 

MEMORIA DEL BATTESIMO

 

G. Facciamo ora memoria del Battesimo, nel quale siamo rinati a vita nuova. Divenuti figli nel Figlio, riconosciamo con gratitudine il dono ricevuto, per rimanere fedeli all’amore a cui siamo stati chiamati.

 

P. Padre, nel Battesimo del tuo Figlio Gesù al fiume Giordano, hai rivelato al mondo l’amore sponsale per il tuo popolo.

A. Noi ti lodiamo e ti rendiamo grazie.

 

P. Cristo Gesù, dal tuo costato aperto sulla croce hai generato la Chiesa, tua diletta sposa.

A. Noi ti lodiamo e ti rendiamo grazie.

 

P. Spirito Santo, potenza del Padre e del Figlio, fai risplendere la Chiesa, sposa di Cristo.

A. Noi ti lodiamo e ti rendiamo grazie.

P. Dio onnipotente, origine e fonte della vita, che ci hai rigenerati nell’acqua con la potenza del tuo Spirito, ravviva in tutti noi la grazia del Battesimo. Per Cristo nostro Signore. A. Amen

 

ASCOLTO DELLA PAROLA

 

P. Fratelli e sorelle, dopo aver fatto memoria del Battesimo, ascoltiamo con raccoglimento la Parola di Dio. Accolta con fede, essa manifesta la presenza del Signore Risorto, illumina il cammino dei coniugi, apre alla ricchezza della vita ecclesiale, rivela l’amore di Cristo sposo per la Chiesa sua sposa.

 

Il Cantico viene proclamato da una coppia di sposi.

 

Dal Cantico dei Cantici ( 2,8-16; 8, 6-7)

Sposa: Una voce! Il mio diletto!, viene saltando per i monti, balzando per le colline. Somiglia il mio diletto a un capriolo o a un cerbiatto. Eccolo, egli sta dietro il nostro muro; guarda dalla finestra, spia attraverso le inferriate. Ora parla il mio diletto e mi dice:

Sposo: Alzati, amica mia, mia bella e vieni! O mia colomba, che stai nella fenditura della roccia, nei nascondigli dei dirupi, mostrami il tuo viso, fammi sentire la tua voce, perché la tua voce è soave, il tuo viso è leggiadro.

Insieme: Mettimi come sigillo sul tuo cuore, come sigillo sul tuo braccio; perché forte come la morte è l’amore, tenace come gli inferi è la passione: le sue vampe sono vampe di fuoco, una fiamma del Signore! Le grandi acque non possono spegnere l’amore, né i fiumi travolgerlo. Se uno desse tutte le ricchezze della sua casa in cambio dell’amore, non ne avrebbe che dispregio. Parola di Dio. A. Rendiamo grazie a Dio.

 

Acclamazione al Vangelo: Alleluia, alleluia.

Beati quelli che portano la pace, saranno chiamati figli di Dio.

 

Dal Vangelo secondo Matteo (5, 1-12)

Vedendo le folle, Gesù salì sulla montagna e, messosi a sedere, gli si avvicinarono i suoi discepoli. Prendendo la parola, li ammaestrava dicendo:

“Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.

Beati gli afflitti, perché saranno consolati.

Beati i miti, perché erediteranno la terra.

Beati quelli che hanno fame e sete di giustizia, perché saranno saziati.

Beati i misericordiosi, perché otterranno misericordia.

Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.

Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.

Beati i perseguitati a causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli.

Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli.

Così infatti hanno perseguitato i profeti prima di voi.

Parola del Signore. A. Lode a te, o Cristo.

 

 

PREGHIERA DI BENEDIZIONE

 

P. Ed ora fratelli e sorelle, uniamoci nella preghiera al Signore per invocare su questi sposi la benedizione di Dio.

 

Tutti gli sposi si prendono per mano e dicono insieme:

Con la grazia del Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe, del Dio che nel paradiso ha unito Adamo ed Eva, le nostre vite sono state unite in Cristo nel giorno del nostro matrimonio.

Noi promettiamo di continuare ad amarci fedelmente, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di continuare a sostenerci l’un l’altro tutti i giorni della nostra vita.

 

P. O Dio, Padre di ogni bontà, nel tuo disegno d’amore hai creato l’uomo e la donna perché, nella reciproca dedizione, con tenerezza e fecondità, vivessero lieti nella comunione.

A. Per questo ti lodiamo e ti benediciamo.

 

P. Quando venne la pienezza dei tempi hai mandato il Tuo Figlio, nato da donna. A Nazareth, gustando le gioie e condividendo le fatiche di ogni famiglia umana, è cresciuto in sapienza e grazia.

A Cana di Galilea, cambiando l’acqua in vino, è divenuto presenza di gioia nella vita degli sposi.

Sulla Croce, si è abbassato fin nell’estrema povertà dell’umana condizione, e tu, o Padre, hai rivelato un amore sconosciuto ai nostri occhi, un amore disposto a donarsi senza chiedere nulla in cambio.

A. Per questo ti lodiamo e ti benediciamo.

 

P. Con l’effusione dello Spirito del Risorto hai concesso alla Chiesa di accogliere nel tempo la tua grazia e di santificare i giorni di ogni uomo.

A. Per questo ti lodiamo e ti benediciamo.

 

P. Ora, Padre, guarda tutti questi sposi che si affidano a Te: continua quest’opera che hai iniziato in loro e rendila segno della tua carità.

Scenda la Tua benedizione su questi sposi, perché, segnati con il fuoco del Tuo Spirito, diventino sempre più Vangelo vivo fra gli uomini.

 

PREGHIERA DI RICHIESTA

 

P. E ora, fratelli e sorelle, continuiamo la nostra preghiera, esprimendo davanti a Dio le nostre richieste per questi sposi, per le loro famiglie e per tutta la nostra comunità.

Preghiamo insieme dicendo: Ascoltaci, o Signore.

Perché la Chiesa si riconosca sempre più come famiglia di Dio, convocata attorno all’Eucaristia, animata dallo Spirito, chiamata a diffondere nel mondo amore, vita e speranza. Noi ti preghiamo.

Perché gli sposi cristiani siano consapevoli della loro missione particolare di essere segno sacramentale dell’amore di Dio e sentano il mandato a “edificare il popolo di Dio”. Noi ti preghiamo.

Per le famiglie provate dalla sofferenza e dalla difficoltà nelle relazioni familiari e per le famiglie nelle quali si è spenta la gioia e la novità dell’amore. Noi ti preghiamo.

 

Preghiera per il VII Incontro mondiale delle famiglie Milano 2012 (Card. Tettamanzi)

 

Padre del Signore Gesù Cristo, e Padre nostro

noi ti adoriamo, Fonte di ogni comunione

custodisci le nostre famiglie nella tua benedizione

perché siano luoghi di comunione tra gli sposi

e di vita piena reciprocamente donata

tra genitori e figli.

Noi ti contempliamo

Artefice di ogni perfezione e di ogni bellezza

concedi ad ogni famiglia un lavoro giusto e dignitoso

perché possiamo avere il necessario nutrimento

e gustare il privilegio di essere tuoi collaboratori

nell’edificare il mondo.

Noi ti glorifichiamo, Motivo della gioia e della festa

apri anche alle nostre famiglie

le vie della letizia e del riposo

per gustare fin d’ora quella gioia perfetta

che ci hai donato nel Cristo risorto.

Così i nostri giorni laboriosi e fraterni

saranno spiraglio aperto sul tuo mistero

di amore e di luce

che il Cristo tuo Figlio ci ha rivelato

e lo Spirito Vivificante ci ha anticipato.

E vivremo lieti di essere la tua famiglia

in cammino verso di Te Dio Benedetto nei secoli.

Amen

 

Padre nostro e scambio di pace.

 

P. O Dio, Padre di bontà, che sin dall’inizio hai benedetto l’unione dell’uomo e della donna e in Cristo ci hai rivelato la dimensione nuziale del Tuo amore, concedi a tutti questi sposi e alle loro famiglie una profonda armonia dello spirito e una continua crescita nella Tua carità.

Per Cristo nostro Signore. A. Amen.

 

BENEDIZIONE SOLENNE

 

P. Dio, Padre onnipotente, vi comunichi la sua gioia e vi benedica insieme ai vostri figli. A. Amen.

 

P. L’unigenito Figlio di Dio vi sia vicino e vi assista nell’ora della serenità e della prova. A. Amen.

 

P. Lo Spirito Santo di Dio vi rafforzi ed effonda sempre il suo amore nei vostri cuori. A. Amen.

 

P. E su di voi tutti scenda la benedizione di Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo. A. Amen.

 

P. Nella Chiesa e nel mondo siate testimoni del dono della vita e dell’amore. Andate in pace. A. Rendiamo grazie a Dio.

 

Canto finale

Pin It